Martin Borowski

Martin Borowski GALLERIA ENRICO ASTUNI JANIS AVOTINS dal 2 al 30 agosto 2008 orari: 10.30-13.00 / 18.00-20.30 / 21.30-24.00 Provenance, 2007, acrilico su tela, cm. 180x180 La Galleria Enrico Astuni è lieta di presentare la mostra personale dell'artista lettone Janis Avotins, curata da Alessandra Pace e accompagnata da una piccola pubblicazione monografica.

11/giu/2008 11.20.00 Galleria Astuni Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

GALLERIA ENRICO ASTUNI

 

JANIS AVOTINS

dal 2 al 30 agosto 2008

orari: 10.30-13.00 / 18.00-20.30 / 21.30-24.00

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

   Provenance, 2007, acrilico su tela, cm. 180x180

 

La Galleria Enrico Astuni è lieta di presentare la mostra personale dell’artista lettone Janis Avotins, curata da Alessandra Pace e accompagnata da una piccola pubblicazione monografica.

 

Janis Avotins inscena il dramma dell’isolamento nell’era della comunicazione digitale. I suoi quadri, disegni e sculture, caratterizzati da patine ottocentesche, atmosfere oniriche, addirittura kafkiane, sono abitati da personaggi solitari, immobili e sospesi nello spazio come automi. Assorti in loro stessi, sconnessi dall’ambiente circostante e dagli altri, sono testimoni di relazioni fallite e di discrepanze fra spazio mentale e spazio fisico. Incongruenza e paradosso sono insiti nel lavoro di Janis Avotins; i titoli, per esempio, sono parte integrante dell’opera seppure in disaccordo con le immagini alle quali conferiscono un carattere estemporaneo. “DJ Al” ricorda un cammeo ingiallito pur ritraendo un personaggio contemporaneo, come indica la professione di tendenza. Il fatto stesso di fare un ritratto dona un’aura romantica alla persona rappresentata che mal si accorda con le caratteristiche della vita contemporanea. Ma queste sconnessioni temporali sono deliberatamente prodotte per rinforzare l’opinione dell’artista che nulla veramente muti - tranne le apparenze. L’horror vacui rappresentato dalla telefonia mobile, da internet e dall’ intrattenimento mediatico prestano forma a un vuoto di contenuti che ci riportano a quei quesiti esistenziali che sempre hanno caratterizzato l’umanità. L’individuo resta solo, disgregato e insoddisfatto e nella figura dell’artista Janis Avotins assume un’ottica fuori moda che lo distanzia dalla banalità della vita quotidiana.

 

Janis Avotins nasce in Lettonia nel 1981, dove frequenta l’Accademia di Belle Arti, e vive a Riga. Fra le mostre personali ricordiamo: Ludwig Forum, Aquisgrana (pubblicazione in corso) + Stadtgalerie, Schwaz, A + Johnen & Schottle, Colonia (2008); Suzie Q, Projektraum Rüdiger Schöttle, Bob van Orsouw/Birgid Uccia, Zurigo (2007); Super Normal, IBID Projects, Londra (2006). E fra le collettive: back to black, black in current painting, Kestner Gesellschaft, Hannover (2008); Prague Biennale 3, Karlin Hall, Praga + Size Matters, XXL, Hudson Valley Center for Contemporary Art, Peekskill, USA (2007); Pittura infinita. Pittura contemporanea e Realismo Globale, Villa Manin + Centro d’Arte Contemporanea, Codroipo (2006); Prague Biennale 2, Praga (2005). Collezioni private (selezione): Berger Collection, Los Angeles; Hort Collection, New York; Rubell, Miami; Sammlung Plum, Aquisgrana; Sammlung Olbricht, Essen.

 

 

GALLERIA ENRICO ASTUNI   -  55045  Pietrasanta  (LU)  Piazza  Duomo,  37  -  tel.  e   fax  0584  71760

Ufficio e magazzino - 55045 Marina di Pietrasanta (LU) via Sparta, 54 - tel. 0584 20623 fax  0584 266014

website:      w w w . g a l l e r i a a s t u n i . c o m      -      e-mail:      g a l l e r i a . a s t u n i @ l i b e r o . i t

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl