CRISTALLI DI ROCCA - II EDIZIONE

23/ago/2008 15.30.28 giada lomi Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
CRISTALLI DI ROCCA - RASSEGNA D'ARTE CONTEMPORANEA II EDIZIONE a cura di Carolina Lio Galleria Civica di Palazzo Borgatta, Rocca Grimalda (AL) dal 27 Agosto al 7 Settembre 2008 MASSIMO AMADESI DEBORA BARNABA DANIELA CAVALLO ELISA CELLA MARCO CERUTTI DELLACLA' PAOLO FACCHINETTI ALESSIA GALLEGATI FABIO MARIA LINARI ILARIA MARGUTTI PAKI MEDURI IVAN DE MENIS CATERINA MORELLI ROBERT SCHWARZ SIVA FLAVIA SORRENTINO MATTEO TENARDI GIANNA ZANAFREDI COMUNICATO STAMPA *La Galleria Civica di Palazzo Borgatta a Rocca Grimalda (AL) ospita la seconda edizione della rassegna d'arte contemporanea ''Cristalli di Rocca'', inaugurata lo scorso anno da un'idea dell'assessorato alla cultura con l'intenzione di ospitare un appuntamento annuale di scoperta e di conferma dei nuovi nomi dell'arte contemporanea. La mostra, patrocinata dal Comune di Rocca Grimalda, Provincia di Alessandria e Regione Piemonte, sar visitabile dal 27 Agosto al 7 Settembre e saranno esposte le opere di diciotto artisti, perlopi scelti tra i giovani nomi pi validi a livello di ricerca e curriculum che lavorano oggi sul territorio nazionale. La mostra a cura di Carolina Lio, che prosegue il lavoro iniziato nel 2007 da Giorgio Bonomi, concentrandosi sulle nuove tendenze della pittura e della fotografia. Per la mostra sar stampato un catalogo con testi del curatore che sar disponibile gratuitamente presso la Galleria Civica. Si ringrazia per il supporto la Galleria 911 di La Spezia. TESTO CRITICO GENERALE Ben diciotto artisti sono stati chiamati a prendere parte della seconda edizione della rassegna "Cristalli di Rocca" e sono stati riuniti come testimoni quasi inediti di nuovi modi di indagare il mondo, sezionandolo con uno sguardo che vorrebbe essere analitico e che alla fine per non riesce a nascondere un certo stupore. Cos come l'edizione dello scorso anno si concentrava sull'autoritratto, sulla rappresentazione di se stessi in un'indagine autocritica, quest'anno la vera spinta motrice sembra essere data dal senso di spiazzamento, negativo o positivo, che possiamo chiamare stupore, meraviglia o incredulit. E' la riscoperta della sensazione, dal dolore alla compensazione mistica, che irrompe nelle opere di questa seconda edizione e spazza via quella sorta di indifferenza moraviana che ci si trascinava ormai da qualche anno, come simbolo nero della decadenza della fine del novecento. La meraviglia spezza l'accettazione passiva e fa arrivare al superamento, a un messaggio positivo di rinascita che i nostri giovani creativi vogliono costruire con uno sforzo quasi collettivo e di cui la nostra mostra un piccolissimo tassello, una delle tante testimonianze in una situazione nazionale in cui l'arte riscopre il gioco, l'ironia, il gusto di prendersi in giro, l'infantilit proverbiale dell'arte, il senso di una bellezza pulita, leggera, candidamente semplice. La pittura gioca con se stessa e compie un'operazione che la avvicina all'illustrazione o addirittura al fumetto, cosa che fino a pochissimo tempo fa sarebbe stata vista come un'auto-svalutazione. Oppure recupera quei toni chiari, privi di troppi segni, ottenuti per un lavoro di sottrazione che alcuni autori informali avevano utilizzato come strumento quasi filosofico di studio attento e, appunto, di stupore della materia. Mentre la fotografia ripristina una semplicit degli esordi, si libera di trucchi e aggiunte, riscopre una immediatezza dei soggetti, quasi una sua essenza primitiva, mettendo al bando la contaminazione pubblicitaria e ridichiarandosi come arte del vero e non dell'artificio. Il messaggio complessivo , quindi, quello della voglia di riscatto. Ci si riscatta da una cerebralit dell'arte che l'ha fatta diventare fredda e cupa, da anni di declino delle varie accezioni di umanesimo e umanit, dalla voglia di aggiungere, caricare e allibire. I nostri artisti scavano sotto tutto questo, sotto tutti gli strati dentro cui l'intellettualit degli ultimi anni si trincerata, per riscoprire una genuinit, una rinata innocenza dell'espressione. Carolina Lio Manarola (SP), 23 Luglio 2008 ------------------------------------------------------------------------------------------------------------ AVVERTENZA: art.13 Dlgs 196/2003, abbiamo reperito il Suo indirizzo e-mail da Lei personalmente, o da elenchi e servizi di pubblico dominio disponibili in Internet, o da e-mail che l'hanno reso pubblico. I Suoi dati sono acquisiti, conservati e trattati nel rispetto del Dlgs 196/2003. Il titolare dei dati potr richiedere in qualsiasi momento la conferma della loro esistenza, la loro modifica o la loro cancellazione. Tutti i destinatari di questa e-mail sono in copia nascosta. Qualora non intendesse ricevere ulteriori comunicazioni la preghiamo di inviare una risposta all'indirizzo giadalomi@interfree.it con oggetto: CANCELLAMI ---------------------------------------------------------------------------- Vuoi essere presente online? Vuoi dare voce alla tua attivita`? Acquista un dominio su domini.interfree.it. A partire da 18,59 euro ----------------------------------------------------------------------------
blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl