Dialogo in Corso 5 - A Misura d'Uomo

14/set/2008 19.19.42 Francoise Calcagno Art Studio Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

 

Dialogo in corso 5
 
A misura d’uomo
 
Vittorio Bustaffa
e
 Nicola Biondani
 
 
Inaugurazione: sabato 30 agosto 2008, ore 18.00
In mostra fino al 21 settembre
Orari: da domenica a giovedì 15:30/19:30
Altri orari su appuntamento
 
A cura di Francesca Ruth Brandes
Presso: Françoise Calcagno Art Studio
Venezia
 
 
 
 
Dal 30 agosto la galleriaFrançoise Calcagno Art Studio presenta “A MISURA D’UOMO”, esposizione personale di Vittorio Bustaffa,pittore e Nicola Biondani, scultore, alle prese con il tema della rappresentabilità dell’umano.
 
I due artisti, giovani, ma già affermati protagonisti della scena contemporanea italiana, lavorano sulla figura con modalità tra loro diversissime e, in qualche modo, inversamente proporzionali: Bustaffa, impegnato nel rappresentare la costruzione (che avviene con un’autonomia sorprendente e, spesso, difficilmente governabile); Biondani, teso a costruire la rappresentazione di figure sempre più archetipiche e trans-temporali.
 
La struttura magmatica delle presenze bustaffiane, di aereo plasticismo, si coniuga allora con il grafismo scultoreo della scultura di Biondani, definendo una situazione di campo-limite, in cui le due espressioni si confrontano. In entrambi i casi, è il tempo a produrre superficie, quasi una membrana osmotica tra dentro e oltre. La delimitazione dello spazio diviene commutazione; la separazione radicale tra ciò che è e ciò che si vorrebbe fosse, si fa passaggio obbligato, transito.
Il modo in cui Bustaffa e Biondani, seguendo itinerari diversi e tangenti intendono la loro misura d’uomo, è particolarmente significativa: quello che, fino ad oggi, rappresentava la frontiera della materia, diventa nei loro lavori una via d’accesso dissimulata. L’apparenza delle superfici nasconde una trasparenza segreta e la resa – sia pittorica che scultorea – è data dal rapporto fra il valore della misura e la sua incertezza. Dai referenti primari – spunto descrittivo, volume e posizione nello spazio – i due artisti spostano l’attenzione su altri fattori, che potremmo definire di transfert (dov’è l’umano, in cosa consiste – con precisione – una dimensione fisica?).
 
Perché misurare, a ben pensarci, significa anche modificare, agire sul mondo, sfasare. E, se entra in crisi la nozione di dimensione, vista come crisi dell’intero, Bustaffa e Biondani sanno recuperare la relatività di uno spazio accidentale (discontinuo ed eterogeneo) dove le parti, le frazioni tornano ad essere essenziali.
 
Con preghiera di pubblicazione e diffusione
Presso
Françoise Calcagno Art Studio
Campo del Ghetto Nuovo 2918
30121 Venezia
 
Info
 (+39) 339 1134786 - (+39) 041 7792011
 info@calcagnoartstudio.com
 www.calcagnoartstudio.com

 

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl