MOSTRA di PICCHIO-DIETER SPECHT-Galleria Tondinelli-Roma

16/set/2008 11.04.36 Galleria Tondinelli Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
 
 

 

COMUNICATO STAMPA

 

Con il Patrocinio dell’Ambasciata di Svizzera in Italia

 

 

In occasione della Giornata del Contemporaneo promossa dalla AMACI, l’Associazione Nazionale dei Musei di Arte Contemporanea d’Italia,

la Galleria Tondinelli presenta la

Mostra personale di Picchio (Dieter Specht)

“Light-Art”

 

a cura di

Floriana Tondinelli

con un testo di

Dalmazio Ambrosioni

Inaugurazione: giovedì 18 settembre 2008 dalle 19.00 alle 21.00

Sede: Galleria Tondinelli

Indirizzo: Via Quattro Fontane, 128/a - 00184 Roma

Tel/fax: 06/4744300 www.galleriatondinelli.it  E-mail: info@galleriatondinelli.it

Durata: 18 settembre- 20 ottobre 2008

Organizzazione e ufficio stampa: Galleria Tondinelli Tel 064744300-

Cell. 339 2314606

Catalogo: in galleria con testo di Dalmazio Ambrosioni edito per i tipi di CPZ Spa, Bergamo

Orario: dal lunedì al venerdì dalle 10.30 alle 12.30 e dalle 16.00 alle 19.00

 

La Galleria Tondinelli, con il Patrocinio dell’Ambasciata di Svizzera in Italia, in occasione della Giornata del Contemporaneo promossa dalla AMACI, l’Associazione Nazionale dei Musei di Arte Contemporanea d’Italia, presenta dal 18 settembre al 20 ottobre 2008 la mostra personale di Picchio (Dieter Specht), artista operante ad Arcegno (Canton Ticino). La mostra a cura di Floriana Tondinelli con un testo di Dalmazio Ambrosioni,  presenterà al pubblico l'ultima ricerca artistica di Picchio la Light-Art.

Picchio in questa serie di lavori realizzati appositamente per la mostra romana si confronta con un nuovo mezzo espressivo: la luce artificiale; tecnica che ha interessato diversi artisti contemporanei ma che vede nella composizione poetica di Picchio un utilizzo del tutto originale, nell’opera convivono in armonia  l’elemento luce ed il suo stile a segmenti, tecnologia e arte tradizionale.

Nell’opera di Picchio, la luce si sviluppa e si rilancia nel rapporto tra i volumi e la posizione nello spazio. Luce e colore, vengono esaltati quando le forme diventano oggetti e rilanciano luce e colore attraverso la mobilità nello spazio. Se la Geometria e la prospettiva fanno, per così dire la loro parte, c’è un elemento tonale che diventa essenziale, ed è la luce. La luce che pare alitare sulla superficie, che anima il movimento, che interpreta la qualità dell’evocazione. Una luce, delicata, raffinata, sottile, quasi impalpabile, eppure richiamata in gradazioni diverse. Ogni intervento, anche minimo, crea una variazione, un riflesso tonale diverso attraverso la scelta armoniosa con la quale applica il colore sulle superfici. Le notevoli diversità stilistiche tra le varie disposizioni del colore, portano ad un’ampia gamma di stesure luminose, che variano a seconda dei concetti messi in opera ed espressi con formulazioni stilistiche specifiche e non generiche, di maniera. L'artista per meglio esprimere questo concetto essenziale legato alla luce artificiale ha elaborato un sistema che consente alle opere di essere luminose, attraverso cablaggi, morsetti, e il processore collocati nel retro di ciascuna opera. Il sistema è facilmente sostituibile con un consumo quasi nullo di corrente. I  LED hanno una durata di 50.000 ore, con un uso medio di circa 8 ore per un periodo di 40-50 anni.

Tra le ultime mostre ricordiamo tra le più importanti:

Hyposwiss Privatbank, Zürich, (Switzerland); Galleria D’ArteCon, Ascona, (Switzerland); CASO, Art Center, Osaka, (Japan); Caelum Gallery, New York (U.S.A); "Arte in azienda"- Interroll, San'Antonino, Ascona, (Switzerland); Galleria Tondinelli, Rome (Italy); Art Center Berlin, Friedrichsstr. 134 (Germany); Galleria D’ArteCon, Ascona, (Switzerland)

Sabato 4 ottobre 2008 apertura straordinaria per la Giornata del Contemporaneo promossa dalla  AMACI
blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl