Giochiamo alla guerra...vuoi?

26/ott/2008 23.10.08 Oltreimari Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

L’arte porta   nel cuore di  Torino un’esperienza sensoriale sull’isolamento della guerra.

 

All’interno del Circuito Contemporary Arts Torino Piemonte l’artista Giuliano Fazzari propone una riflessione sulla guerra e sull’inquietudine dell’anima attraverso un percorso di suggestioni visive e sonore.

 

 

Si  inaugura a Torino il 14 novembre l’installazione che segna il via del  progetto Giochiamo alla guerra .. vuoi?” dell’artista Giuliano Fazzari, promosso dall’Associazione Culturale Oltreimari  con il patrocinio e la collaborazione della Regione Piemonte, del Comune di Torino e del Comune di Brandizzo. Il progetto scaturisce da una profonda riflessione dell’artista Giuliano Fazzari sul fenomeno delle guerre che quotidianamente viviamo, dalla prevaricazione domestica alle guerre religiose, politiche o economiche, e prevede un’installazione multimediale sul tema della guerra e una mostra personale sull’inquietudine dell’anima.

 

L’aristocratica piazza Vittorio Veneto ospiterà dal 15 al 25 novembre due curiosi parallelepipedi fucsia.

L’installazione multimediale di Giuliano Fazzari, il cui slogan è volutamente ironico e un po’ fanciullesco, scaturisce da una profonda riflessione sul fenomeno della guerra.

Un percorso di suggestioni visive e sonore per scuotere il visitatore, scrollarlo dal torpore, indurlo a porsi delle domande, ad uscire dall’indifferenza in cui si rifugia per non riconoscere che ogni tipo di violenza è la negazione della vita, che ogni guerra, ogni prevaricazione domestica, politica o religiosa svilisce ed umilia ciò che siamo: uomini.

Giuliano Fazzari interpreta con originalità la funzione sociale e catartica dell’arte, rendendola strumento di autoanalisi e riflessione, coinvolgendo interamente sia i sensi che la psiche, rendendo reale una dimensione distante, apparentemente sconosciuta. L’artista  riporta nella tranquillità della piazza, nello spazio in cui la comunità  si incontra e riconosce la sua identità, una dimensione alterata, poiché in ogni ambiente sereno e quotidiano, possa esistere uno spazio d’ombra, un luogo oscuro in cui si combatte e si commettono soprusi e ingiustizie.

 

Piazza Vittorio Veneto - Torino

15-25 novembre 2008

Ingresso gratuito

 

 

 Per informazioni

 

Ass. Culturale Oltreimari

Email: info@oltreimari.org

 

Ufficio Stampa

 

Teresa Guarnieri

Cell 380 30 40 730

Email: teresa@oltreimari.org

 

Cristina Rossi

Email : cristina@oltreimari.org
blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl