COMUNICATO STAMPA

28/nov/2008 01.30.24 Ufficio Stampa Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
(Si avvisano le redazioni che le immagini sono disponibili on-line su: http://www.flickr.com/photos/31270580@N06/sets/72157610273221606/ ) TRAMONTI E DISSOLVENZE Mostra Internazionale d’Arte Contemporanea Dal 19 dicembre 2008 al 29 gennaio 2009 Vernissage Venerd 19 dicembre, ore 19,00 c/o ART STUDIO CAFE’, via dei Gracchi 187a 00192 / ROMA Orario: tutti i giorni Ingresso libero Espongono gli artisti: Laura Benini, .Brethil., Giorgio Centovalli, Paola Colleoni, Irene D’Ant, Ivo D’Orazio, Epizumia, Maria Gerardi, Giacomo La Commare, Donato Lotito, Massimo Rosario Marino, Fulvio Mian, Francesco Pizzo, Cinzia Tavoletta, Marco Trogi, Serena Vitulo, Giovanni Vuolo L’Art Studio Caf di Roma lieto di annunciare un nuovo progetto espositivo finalizzato a favorire l’incontro tra arte, cultura e gusto con la Mostra d'Arte Contemporanea "TRAMONTI E DISSOLVENZE". Il critico d'arte Sabrina Falzone, curatrice della mostra, ci informa che il progetto ha lo scopo di valorizzare la ricerca artistica contemporanea imperniata sul tema del tramonto, mettendo a punto lo studio luministico e indagando le innumerevoli sfumature del colore mediante linguaggi stilistici e tecniche esecutive differenti. Sabrina Falzone spiega inoltre: <<Tripudi cromatici in dissolvenze tonali trionfano sulle amabili tele di Giorgio Centovalli e Fabio Mian, mentre giochi di colore soffuso s’impongono con eleganza sugli scenari onirici di Paola Colleoni e .Brethil. In Maria Gerardi e Francesco Pizzo lo scatto diviene strumento emozionale nella focalizzazione delle sorgenti luminose, creando efficaci penombre che accarezzano lo sguardo sulle onde in declino di Donato Lotito e Massimo Rosario Marino. Languide distese marine emergono in tutto il loro splendore riflesso nelle opere di Serena Vitulo e Giacomo La Commare, intrise di luci sottese, mentre una tendenza verso enigmatiche presenze sferiche, forse un riflesso del divino, si apre sui tramonti caliginosi di Giovanni Vuolo, su quelli dorati di Cinzia Tavoletta e sul declino dell’uomo di Epizumia. Il crepuscolo diviene mera poesia nei dipinti di Ivo D’Orazio e Marco Trogi, distendendosi nel ristoro dell’anima nelle realizzazioni artistiche di Irene D’Ant e Laura Benini: un tramonto di illusioni, scenari fantastici o reali che accompagnano le visioni umane dagli albori ai nostri giorni.>> Sabrina Falzone Critico e Storico dell’Arte - www.sabrinafalzone.info -- -- -- -- -- -- -- -- -- www.sabrinafalzone.info
blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl