"3WORDS.Di Caprio, Migliore e Spider" - da Emmeotto icone, suoni e voci del sottosuolo metropolitano

Di Caprio, Migliore e Spider" - da Emmeotto icone, suoni e voci del sottosuolo metropolitano Pesantemente coinvolti con la musica, in equilibrio tra graffitismo metropolitano, fumetto underground, manga, cartoons, Nicola Di Caprio, Bartolomeo Migliore e Spider si confrontano in una triplice personale che, con il nome 3Words, sarà ospitata da EMMMEOTTO di Roma a partire da giovedì 12 marzo.

09/mar/2009 14.50.14 scarlett matassi Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Pesantemente coinvolti con la musica, in equilibrio tra graffitismo metropolitano, fumetto underground, manga, cartoons, Nicola Di Caprio, Bartolomeo Migliore e Spider si confrontano in una triplice personale che, con il nome 3Words, sarà ospitata da EMMMEOTTO di Roma a partire da giovedì 12 marzo.

In
3Words le parole sono protagoniste di ogni composizione: parole che sono i suoni, le voci e i bisbigli del sottosuolo metropolitano, che si intrecciano alle icone del mondo della produzione di massa dando vita a un visionario affresco underground in cui la cifra stilistica dei tre artisti è assolutamente personale e riconoscibile

3 WORDS

 Nicola Di Caprio, Bartolomeo Migliore, Spider

 

a cura di

Martina Cavallarin

 

EMMEOTTO – Via Margutta 8 – 00187 ROMA

Inaugurazione: giovedì 12 marzo dalle ore 18,30

12 marzo – 9 aprile 2009

 

Tel. 06 3216540 – Fax 06 3217155 – e-mail: info@emmeotto.net

Website: www.emmeotto.net

 

Orario:  da martedì a sabato 11,00-13,30  15,00-19,30

lunedì per appuntamento

Chiuso la domenica e nei giorni festivi

 

 

Ufficio stampa: Scarlett Matassi 347 0418110 – info@scarlettmatassi.com

 

 

In 3 WORDS - la tripla personale che EMMEOTTO dedica a Nicola Di Caprio, Bartolomeo Migliore e Spider - la parola è protagonista di ogni composizione. La mostra è impostata come un dialogo tra artisti che agiscono sul terreno comune della citazione e utilizzano icone tratte dal mondo della produzione industriale contaminandole con le parole degli slogan di massa.   L’immaginario pop che li apparenta è però riportato ad una cifra stilistica che, in ciascuno dei tre, è assolutamente originale e riconoscibile.

 

NICOLA DI CAPRIO

 

La ricerca di Nicola Di Caprio oscilla fra due specifici espressivi: la grafica e la musica, che produce con la batteria, strumento usato, in anni passati, anche da professionista. Il suo immaginario è tutto musicale. Nei lavori di questo artista – scrive Martina Cavallarin, curatrice della mostra – “costante è il rumore della musica di fondo trasformata in immagine e in parola”. La volontà di tradurre visivamente una realtà sonora dà corpo ad una iconografia desunta dal mondo dell’industria discografica: copertine e coste di Cd fotografate o dipinte, buste di Lp squarciate e ridisegnate, installazioni come Drumcusi, batteria-totem che rievoca la colonna di Brancusi. Artista dai linguaggi incrociati, Di Caprio si dedica anche al disegno e al collage. Emmeotto propone in mostra la sua produzione più recente: i Boogie Woogie Blackmail, insiemi di scritte assemblate come vecchie invenzioni suprematiste; i caricaturali personaggi della serie Nerogrottesco, trattati ad inchiostro sui rivestimenti cartacei di vecchi 33 giri e  i Cd Oversize, composizioni di coste di Cd.

 

 

BARTOLOMEO MIGLIORE

 

Anche l’universo pittorico del torinese Bartolomeo Migliore è ricco di immagini emblematiche: uno spazio graffitista e rockettaro. Tenere conto della sua appartenenza alla generazione del punk e del dark aiuta a comprendere il senso del suo lavoro. Migliore racconta l’emarginazione metropolitana e il mondo delle etichette indipendenti attraverso un codice di simboli raccolti da uno sguardo attento sui muri della città. Affamato di linguaggio suono e colore, l’artista usa toni acidi e stridenti abbinati all’irruzione di spunti cromatici caldi come il giallo, il rosso e il marrone. Partecipa alla mostra a tre voci con track, la nuova serie di lavori in cui dal fondo monocromo di tele rettangolari, quadrate o tonde emerge la parola: insegne precise o frettolosi pensieri sparsi che sono i suoni, le voci e i bisbigli del sottosuolo  metropolitano.

 

SPIDER

 

Daniele Melani, è ben conosciuto nel campo dell’illustrazione. Quando, con il nome di Spider, si trasforma in artista, rimastica il suo repertorio di illustratore per creare originali lavori in suggestivo equilibrio tra grafica, writing-graffiti art e pittura. Campione della contaminazione, passa da gesti da graffitista metropolitano al fumetto underground, dal manga ai disegni animati, riversando la sua bulimica cultura visiva pop in incisioni su tavole di legno. Il suo immaginario creativo lega mondi e imbriglia generi: motociclette, Betty Boop, Braccio di Ferro, lupi cattivi, scritte, calligrafie, lettering. Nella sua narrazione fiori si intrecciano a teschi, linee sapientemente condotte a graffi da espressionista, universi lontani si confrontano e scontrano. Per 3 Words ha prodotto tavole solcate da incisioni più marcate del solito, rese cattive da fondi di tenebra. 

 

 

3 WORDS : tre artisti declinano parole e icone della quotidianità underground.

  

 

 

 



 

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl