BENATTI - SCULTURE, INSTALLAZIONI, DISEGNI. Robbiate (LC) - dal 26 marzo al 17 maggio 2009

20/mar/2009 14.48.39 Bellati Editore Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

 

 

BENATTI

 

SCULTURE, INSTALLAZIONI, DISEGNI

 

 

 


 
 
 
Sede

Gelateria Spini, Piazza Airoldi n. 2, Robbiate (LC)

 
 
Inaugurazione
venerdì 27 marzo 2009

 

 

Durata della mostra

28 marzo  17 maggio 2009

 

 

Orari

tutti i giorni 9-24, martedì chiusura

 

 

ingresso gratuito

 

 

Curatore

Anna Caterina Bellati

 

                                                                                                                                                                            


 

  

 

BENATTI

 

 

SCULTURE, INSTALLAZIONI, DISEGNI

 


 

 

I corpi in movimento di Mauro Benatti nascono da un equilibrio instabile tra materia, cultura e storia dell'arte. Le pietre, le tele metalliche, il ferro, la carta sono gli ingredienti fondamentali delle sue costruzioni aeree di grande impatto emozionale. La ricerca dello scultore lombardo cresciuto nell'alveo del Naturalismo, e non è un caso che il suo studio si affacci sull'Adda, il fiume che da secoli nutre la sensibilità dei nostri artisti, prende le mosse da una conoscenza profonda dei materiali e da una forte curiosità intorno ai meccanismi della natura. Benatti, nel lavorare un sasso o nel trarre dal metallo sinuose figure di donna, non lascia nulla di intentato. La sua ricerca empirica sulle possibilità che il fuoco e le reazioni chimiche offrono a chi sperimenta la materia, gli ha permesso di arrivare a sculture quasi volanti che si colorano di blu, verde salvia, bronzo, oro. Delicate e impalpabili, richiamano alla memoria tutto quello che conosciamo delle divinità antiche, ma riqualificano anche la devozione al bello diventata nel nostro tempo malato un imperativo dei media. Proprio la tensione alla bellezza come elemento salvifico e insieme strumento di consolazione della carne è il tema alla base di tutto il lavoro dell'artista di Airuno. Questa mostra ospitata in un luogo luminoso deputato a pause di relax e di piacevole conversazione è stata pensata per giocare con le vetrate della limonaia e lo spazio bianco dell'interno. Gli oggetti che la costituiscono sfruttano la luce e creano una coreografia mozzafiato.

 

 

 

Anna Caterina Bellati

 

Venezia, primavera 2009

 

 


 

 

 

 

 

Pentesilea, 2009, tela metallica

 

 

BIOGRAFIA

 

 

1947

 

Mauro Benatti nasce ad Airuno (Lc) il 31 maggio.

 

1961-65

 

Lavora come fabbro in una officina di Sesto San Giovanni (Mi). 

Frequenta corsi serali di disegno.

 

1966

 

Il suo lavoro lo porta a eseguire dei manufatti in lamiera cotta e aumenta la sua capacità di trattare e plasmare il materiale metallico. Capacità che gli permetteranno alcuni anni dopo di lavorare alle sue sculture in autonomia.

 

1974

 

Sposa Marisa Rocchi.

 

1976-78

 

Nascono i figli Riccardo e Roberto.

 

1979-84

 

La passione per l ’arte che coltiva da sempre lo porta finalmente a iscriversi alla Scuola d ’Arte Pura e Applicata di Merate sotto la guida dei maestri Vincenzo Trivulzio e Sandro Scaccabarozzi.  In seguito,lavora nella medesima scuola come assistente e più avanti come insegnante di copia dal vero .Inizia con un gruppo di acquarellisti a esporre le sue opere a Merate (Lc)Sala Civica, a Rovagnate (Lc)Libreria Ghezzi . 

Partecipa a concorsi per acquarellisti dove ottiene numerosi riconoscimenti e premi.

 

1985-91

 

Alla passione per il disegno e la pittura si aggiunge quella per la scultura.  Sarà una scultura informale per quanto riguarda i materiali usati,classica per le forme plasmate e assemblate.  Lo stilista lecchese di Par Avion Oreste Agostoni gli commissiona l ’allestimento dello Stand per la XL Edizione di Pitti Immagine Uomo a Firenze.  Esegue manichini e cariatidi in tela metallica e ferro con le sembianze di mitici eroi greci.

 

1992

 

A Firenze durante la manifestazione Pitti Uomo conosce l ’architetto Angelo Grassi,curatore degli allestimenti e appassionato d’arte. Viene invitato all’edizione successiva.  Grassi gli propone uno stand a Palazzo dei Congressi per Fashion at work .Seguono una serie di iniziative mirate al recupero di materiale di scarto,tra le quali Presepi all’aperto a Gambettola (Forlì)e Cesenatico (Forlì).  In questo periodo Benatti frequenta Corsi di Nudo al Crams di Lecco affinando la passione per la copia dal vero.

 

1993-96

 

Inizia una proficua collaborazione con il pittore briviese Fernando Massironi con il quale organizza il I Premio Frisia a Paderno d ’Adda e la serie di Mostre per Idea Giovane a Palazzo Prinetti a Merate (Lc).  Ad Airuno organizza la collettiva Trenta Artisti alla Rocca.  Tiene corsi serali per disegno e pittura per ragazzi alla cooperativa La Mongolfiera di Airuno.

 

1997-99

 

Apre lo studio in riva all’Adda a Cisano Bergamasco e forma con alcuni amici pittori il gruppo Blue-s di prussia .Si aggiungono alle sculture in ferro le terracotte e le pietre.  Espone in vari Centri Culturali e organizza, partecipandovi, lo Spazio Arte alla Festa di Liberazione a Osnago (Lc)dove sarà presente anche negli anni successivi.

 

2000-02

 

Partecipa alla prima edizione Artisti a Torino a Palazzo Nervi. In seguito è invitato alla rassegna d ’Arte Contemporanea Memorial Giovanni Quaglino all’Arengo del Broletto, Novara.  Conosce Anna Caterina Bellati che visita il suo studio con l’amico pittore Donato Frisia jr.

Anna Bellati organizza a Chiavenna (Sondrio) la prima di una serie di mostre intitolate: Il volo di Icaro. Illustra il libro di poesie Come due che si amano di Antonella Ronchetti,edito da Bellati Editore, che viene presentato durante la mostra.

 

2003

 

Prima esposizione all ’estero con il pittore Donato Frisia jr. al Centre Culturel di Le Saix,Francia. A settembre un incendio gli distrugge lo studio. Si salveranno solo le poche opere in mostra nella Sala Civica del comune di Scanzorosciate (Bg). A novembre va comunque in porto la seconda mostra Il Volo di Icaro nella sontuosa Villa Sommi Picenardi a Olgiate Molgora (Lc).La figura principale Icaro, distrutta dall’incendio,viene costituita da proiezioni visive e da un pannello che lo riproduce. La mostra è recensita,fra l’altro,in Arte numero di novembre 2003.

 

2004

 

Apre un nuovo studio e per superare il trauma di quanto perduto ritrova energia,forza creativa continuando la sua attività.

 

2005-06

 

Continua il suo percorso artistico con sempre più interesse verso il mondo del mito con installazioni, sculture,disegni. Col patrocinio del Comune di Lecco,allestisce la mostra: “5 movimenti per un corpo solo” dedicata a Pentesilea,curatrice della mostra e del catalogo Anna Caterina Bellati. 

Arte (Editoriale Giorgio Mondatori) n.391 – Marzo 2006 ne pubblica un articolo nello spazio “Eventi ”.

 

2007

 

Nel mese di aprile alla Galleria San Lorenzo a Milano allestisce la mostra, curata da Anna Caterina Bellati e Patrizia Barlettani, “LA CARTA LA PIETRA IL FERRO - Disegni Sculture Installazioni”. Catalogo Bellati Editore. 

Presso la Mya_Lurgo_Gallery di Lugano (Svizzera) presenta le sue opere nella personale “Dee e Miti” (20 ottobre - 4 novembre), curatrice dell’esposizione Anna Caterina Bellati. 

A Osnago (LC) - Percorso Arte Contemporanea Osnago. L’8 dicembre, in occasione dell’anniversario della morte di John Lennon e dell’inaugurazione del viale a lui dedicato, posa in piazza della Pace la scultura PeaceKeepers.

 

2008

 

Nel mese di maggio presso la Mya_Lurgo_Gallery di Lugano (Svizzera) partecipa alla collettiva “À travers l’immateriel - omaggio a Yves Klein ”, curatrice dell’esposizione Anna Caterina Bellati. 

Ad agosto è invitato all’esposizione OPEN XI International Exhibition of Sculptures and Installations, Venezia Lido-Isola di San Servolo. Catalogo Bellati Editore. 

Partecipa a Chiavenna nel mese di ottobre alla mostra Il vuoto e le forme - 1. Esposizione Internazionale di Sculture, Installazioni e Dipinti.

 

 

 

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl