ARTE CERVELLO E DIDATTICA SPERIMENTALE

09/mar/2009 21.36.00 Galleria Roma Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.


Galleria Roma
via Maestranza 110 Siracusa
per i giovedì della galleria

Conversazione su "Arte Cervello e didattica"
a cura di Nino Sicari

giovedì 12 marzo ore 18,30

La prevalenza dell’emisfero cerebrale destro nell’analisi visivo-spaziale è stata sfruttata anche nell’insegnamento del disegno, con l’idea che favorendo lo sviluppo delle funzioni proprie dell’emisfero destro si possa facilitare la capacità di rappresentazione grafica. È provato che una disfunzione o una lesione dell’emisfero destro può seriamente compromettere non solo la capacità di riconoscimento delle forme, ma anche la capacità di disegnare. Nel libro “L’uomo che scambiò sua moglie per un cappello” di Oliver Sacks, si narra di un insegnante di musica e pittore dilettante che, in seguito a una patologia dell’emisfero destro, perde progressivamente la visione delle forme fino a scambiare la testa della moglie per il suo cappello, mentre la sua capacità di disegnare degenera fino a ridursi a segni incomprensibili. Talvolta la predominanza delle funzioni figurative dell’emisfero destro può manifestarsi in modo sorprendente. Ciò può accadere in concomitanza con ridotte prestazioni dell’emisfero sinistro, rivelate tra l’altro da uno scarso sviluppo del linguaggio. Tutto ciò fa pensare alla necessità di metodi pedagogici che facilitino uno sviluppo o un esercizio armonico dei due emisferi. Questo potrebbe compensare la tendenza storica della cultura occidentale che ha prediletto e predilige le forme di insegnamento basate sull’espressione analitica e linguistica del pensiero, prerogativa prevalente dell’emisfero sinistro. L’emisfero destro, il sognatore, l’artefice, l’artista, nel nostro sistema educativo è largamente trascurato: a esso non si insegna quasi nulla. Certo, esistono l’insegnamento artistico, le applicazioni tecniche e l’educazione musicale nella scuola di base, ma in nessuna scuola si svolgono corsi di immaginazione, di visualizzazione, di tecniche di percezione spaziale, di creatività come materia autonoma, di intuizione o inventiva; fanno eccezione i corsi tradizionali (ormai in via di estinzione) degli Istituti d’Arte, che con la riforma scolastica, anche quelle eccezioni spariranno.
blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl