richiesta pubblicazione comunicato stampa

29/lug/2004 00.08.46 Segreteria di redazione Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
MUSEO EBRAICO DI BOLOGNA
Palazzo Pannolini ? via Valdonica 1/5
40126 Bologna
tel. 051.2911280 fax. 051.235430
e-mail: info@museoebraicobo.it ? web: www.museoebraicobo.it
orari di visita: domenica-giovedì 10-18; venerdì 10-16; chiuso il sabato
e festività ebraiche
____________________________________________________________________________________________________

COMUNICATO STAMPA

Domenica 5 settembre 2004 ? 19 elul 5764

V GIORNATA EUROPEA DELLA CULTURA EBRAICA
?Ebraismo ed Educazione?
www.ucei.it/giornatadellacultura - www.jewisheritage.org

Sotto l?Alto Patronato del Presidente della Repubblica
Con il Patrocinio del Ministero per i Beni e Attività Culturali; Ministero
dell?Istruzione, Università e Ricerca;
Consiglio Europeo delle Comunità Ebraiche; Unione Comunità Ebraiche Italiane;

Fondazione per i Beni Culturali Ebraici in Italia, Comune di Bologna
________________________

dal 5 settembre al 10 ottobre 2004
Mostra d?Arte Contemporanea di
GIOVANNI BONALDI
a cura di Franco Bonilauri ed Enza Maugeri

catalogo Skira
a cura di PierAngelo Sequeri e Nadine Shenkar


Domenica 5 settembre, in occasione della V Giornata Europea della Cultura
Ebraica, il Museo Ebraico di Bologna inaugurerà nei suoi spazi espositivi
la mostra di dipinti e sculture dell?artista bergamasco Giovanni Bonaldi
che vedrà la presenza anche di un?opera inedita, realizzata appositamente
per l?occasione, sul tema dell?alfabeto ebraico. Opere su carta, dipinti
ad olio, installazioni creano il percorso artistico di Giovanni Bonaldi
che cerca ispirazione e forme espressive sia dalla Cabbala, componente mistica
della filosofia ebraica, sia dai simboli e dalle lettere dell?alfabeto ebraico,
che secondo la tradizione ebraica sono state il veicolo o il mezzo attraverso
il quale si è realizzata la Creazione. Bonaldi ci racconta l?Essere Infinito
che crea il mondo e l?uomo attraverso numeri e lettere ebraiche
La mostra, che rimarrà allestita sino al 10 ottobre, offre al visitatore
la possibilità di confrontarsi con il tema dell?eternità ritrovata al di
fuori dello statico, dello spazio chiuso e bloccato della terra, concezione
tipicamente ebraica dello spazio-tempo che si contrappone all?idea greca
del tempo come un circolo chiuso. Le figure di Bonaldi sono in una situazione
intermedia tra la terra e il cielo e testimoniano sia la gravità verso la
terra (questa paura del peso e della gravità è sempre presente nell?anima
ebraica), sia la tensione verso l?alto (l?aspirazione a riposare in Dio
per avere pace). Alla perfezione troppo statica delle forme l?artista preferisce
immagini più dinamiche e asimmetriche, quasi ad indicare che nel mondo umano
non esiste la perfezione.


Giovanni Bonaldi nasce a Serina (Bg) nel 1965, si diploma presso il Liceo
Artistico Statale di Bergamo nel 1983; decisiva la formazione con il maestro
Umberto Tibaldi in merito alla strutturazione plastica della forma. Nel
1987 si diploma in Pittura presso la Nuova Accademia di Belle Arti di Milano
sotto la guida di Lucio Del Pezzo, Umberto Mariani, Luigi Veronesi e Renata
Boero; nell?incisione ha avuto come maestro Walter Valentini. Nello stesso
anno insegna presso l?Accademia di BB.AA. di Milano, in qualità di assistente
di Gianni Colombo nel corso di Strutturazione dello Spazio. Dal 1993 è docente
titolare di Discipline Pittoriche ed Anatomia Artistica presso il liceo
Artistico di Treviglio (Bg) e dal 2002 presso il Liceo Artistico Statale
di Bergamo.
Periodicamente collabora con la poetessa milanese Alda Merini nella realizzazione
di Libri d?artista.
Da tempo è impegnato in uno studio approfondito della cultura ebraica e
nel dialogo ebraico-cristiano.
Da segnalare le mostre personali realizzate a settembre 2003 presso il museo
della Stampa Ebraica di Soncino (Cr) per la IV Giornata Europea della Cultura
Ebraica; ad aprile 2004 presso il museo Ebraico di Casale Monferrato (Al);
a settembre 2004 presso il museo Ebraico di Bologna per la V Giornata Europea
della Cultura Ebraica.
Vive e lavora a Serina.


PROGRAMMA DETTAGLIATO DELLA GIORNATA
ore 9,45 saluti delle Autorità. Sindaco di Bologna, Assessore all?Istruzione
dell?Unione delle Comunità ebraiche italiane Dott. Saul Meghnagi, Presidente
della Fondazione Carisbo Dott. Fabio Roversi Monaco, Presidente della Comunità
ebraica di Bologna Ing. Lucio Pardo, Rabbino Capo della Comunità ebraica
di Bologna Dr. Alberto Sermoneta.


MUSEO EBRAICO DI BOLOGNA

-ore 10.00: Inaugurazione della mostra di dipinti e sculture dell'artista
bergamasco Giovanni Bonaldi, dal titolo L?origine tesa. (La mostra sarà
visibile dal 5 settembre al 10 ottobre 2004).
-Fiera del libro ebraico, ormai tradizionale appuntamento che per questa
edizione si proporrà in una forma più ampliata: 2.500 volumi, con una vasta
scelta tra circa 800 titoli di argomento ebraico di oltre una ventina di
case editrici, comprese le ultime novità 2004, con lo sconto del 15% sul
prezzo di copertina.
-Degustazione e vendita di prodotti kasher: vini bianchi e rossi, dolci
e pasticceria, salumi d'oca tipici della gastronomia ebraica italiana.
-ore 11.30: Alef Beth: una storia in 22 lettere. Conferenza di Vincenza
Maugeri, curatore MEB.
-ore 16.00: Lo stereotipo dell'ebreo nell'arte. Conferenza di Franco Bonilauri,
direttore MEB
-ore 17.30: Concerto del gruppo Bologna Klezmer Kapelye, con Giorgio Simbola
violino e trombone, Alessandro Zacheo fisarmonica, Riccardo Pittau cornetta,
Francesco Quero percussioni, Matteo Sgarzi contrabbasso, Francesca Esposito
voce. Il gruppo ormai affermato ha come punto di partenza la musica klezmer,
con particolare attenzione tuttavia ai rapporti e alle contaminazioni che
nel suo cammino storico ha avuto con le altre culture, con commistioni e
suggestioni dall'Est Europa al jazz.

Visite guidate dalle 10 alle 17 al Museo Ebraico e ai luoghi ebraici in
Bologna.

SINAGOGA DI BOLOGNA

CONVEGNO: L?Ebraismo e l?Educazione

-9.45 saluti delle autorità.
-Inizio dei lavori (Chair, Prof. Maria Modena Mayer, Università Statale
di Milano); L?ebraismo e l?educazione fra Torà, Mishnà e Talmud- Dr. Alberto
Sermoneta, Rabbino Capo della Comunità ebraica di Bologna; Vita, cultura
e istruzione nelle comunità ebraiche in Italia durante la prima età moderna-
Prof. Roberto Bonfil (Hebrew University di Gerusalemme); L?esperienza delle
scuole ebraiche in Italia durante gli anni della persecuzione razziale (1938-1943)-
Dr. Daniel Fishman (Comunità ebraica di Milano); L?educazione ebraica oggi
in Italia- Rav Dr. Roberto Della Rocca (Direttore del Dipartimento dell?Educazione
dell?Unione delle Comunità ebraiche italiane); Fra teoria e prassi: educazione
ebraica e trasmissione dell?ebraismo- Dott.ssa Franca Coen Eckert (Comune
di Roma).
-ore 15 (Chair, Prof. Gianni Sofri, Università di Bologna); La tradizione
ebraica: una pedagogia per un?umanità cainide- Rav Dr. Haim Baharier (Comunità
ebraica di Milano); L?educazione in Israele: mobilità sociale e identità
nazionale- Prof. Sergio Della Pergola (Hebrew University di Gerusalemme);
Una risposta fra tradizione e innovazione, psicanalisi e psicoterapia cognitiva:
i centri educativi in Israele- Prof. Reuven Feuerstein (Director of Center
for Development of Human Potential di Gerusalemme).
-ore 18,30 Fondazione Carisbo, Palazzo Saraceni, Via Farini n. 15, Bologna:
Inaugurazione della mostra I bambini nel mondo ebraico. La magia di Emanuele
Luzzati, a cura del Centro Machshavà Tovà di Gerusalemme.
-Concerto: Musiche delle Feste ebraiche, a cura del Centro Salomone De Rossi
di Milano.

Comitato scientifico: Prof. Amos Luzzato, Prof. Maria Modena Mayer, Ing.
Lucio Pardo, Rav Dr. Alberto Sermoneta. Coordinamento e organizzazione:
Dott.ssa Miryam Cohen, Dott.ssa. Federica Francesconi.

EX GHETTO EBRAICO DI BOLOGNA

- dalle 10.00 alle 17.00: Ghetto in festa, che comprende una serie di attività
tra le strade del ghetto: il laboratorio per bambini L'Alfadama: giochiamo
con l'alfabeto ebraico, a cura della sezione didattica del MEB (dott. Caterina
Quareni e Patrizia Panigali): attraverso un'esperienza vivace ed attiva,
i bambini coi loro genitori divisi in due squadre si fronteggeranno su una
grande scacchiera nel tradizionale gioco della dama, per conquistare le
lettere dell'alfabeto ebraico e i loro preziosi significati. Animazioni
musicali del duo David Sarnelli e Giorgio Simbola.



blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl