Edolo Masci, Clichés-Verre

Edolo Masci, Clichés-Verre EDOLO MASCI CLICHÉS-VERRE a cura di Sissi Aslan e Roberto Savi CON IL PATROCINIO DELLA PROVINCIA DI PESCARA CON LA PARTECIPAZIONE DI ASSOCIAZIONE ALBERGATORI MONTEPULCIANO CONSORZIO TURISTICO ALBERGHIERO MONTEPULCIANO WELCOMEHOME, MONTEPULCIANO LIBRERIA AL FERRO DI CAVALLO, ROMA GALLERIA DI PALAZZO BELLARMINO MONTEPULCIANO (SI) Dal 16 Maggio al 31 Luglio 2009 Inaugurazione 16 Maggio 2009, dalle ore 17:30 La Galleria di Palazzo Bellarmino rende omaggio ad Edolo Masci, artista curioso e sperimentatore, recentemente scomparso, attraverso una mostra dove viene presentata una selezione dei suoi 43 clichés-verre, già esposti nel 2004 presso lo "Sparts-Spazio per le Arti" di Pescara e nel 2006 presso la "Maison du Tourisme du Pays" de Charleroi (Belgio).

03/mag/2009 00.14.29 Roberto Savi Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

 

EDOLO MASCI

CLICHÉS-VERRE

 

a cura di Sissi Aslan e Roberto Savi

 

 

CON IL PATROCINIO DELLA PROVINCIA DI PESCARA

 

       

 

CON LA PARTECIPAZIONE DI

 

    

ASSOCIAZIONE ALBERGATORI MONTEPULCIANO

CONSORZIO TURISTICO ALBERGHIERO MONTEPULCIANO

WELCOMEHOME, MONTEPULCIANO

LIBRERIA AL FERRO DI CAVALLO, ROMA

 

 

GALLERIA DI PALAZZO BELLARMINO

MONTEPULCIANO (SI)

 

Dal 16 Maggio al 31 Luglio 2009

Inaugurazione 16 Maggio 2009, dalle ore 17:30

 

 

La Galleria di Palazzo Bellarmino rende omaggio ad Edolo Masci, artista curioso e sperimentatore, recentemente scomparso, attraverso una mostra dove viene presentata una selezione dei suoi 43 clichés-verre, già esposti nel 2004 presso lo “Sparts-Spazio per le Arti” di Pescara e nel 2006 presso la “Maison du Tourisme du Pays” de Charleroi (Belgio).

Centocinquant’anni dopo il brevetto, dopo i primi esempi magistrali di Corot e 83 anni dopo l’Eggbeater di Man Ray, la curiosità d’artista e la passione d’incisore condussero Edolo Masci a sperimentare questa rara tecnica, incidendo o dipingendo le lastre di vetro, perspex, e acetato, anche di grande formato (cm 50x70 circa), con la punta, il pennello e lo stilo in legno di bosso, il tampone e la carta abrasiva, sfruttando tutte le possibilità delle matrici e delle tecniche d’esecuzione, tenendo conto, sempre, anche delle fasi di stampa. Nella letteratura artistica il termine cliché-verre indica sia la lastra eseguita a mano dall’artista sia la stampa che né deriva. La matrice è una lastra di vetro, oggi anche di altro materiale trasparente, annerita, sulla quale l’artista traccia con una punta, similmente all’incisore per l’acquaforte, mettendo a nudo il vetro e ottenendo, così, un negativo. Tali lastre vengono poi stampate, su carte sensibili, con procedimenti che sfruttano l’azione della luce (solare o elettrica).

Dai primi anni Novanta Edolo Masci lavorò con la luce, elemento fondamentale di questa tecnica; lavorò con le colle, gli sviluppi e i pigmenti usati in pittura. E qui è l’originalità dei clichés-verre di quest’artista, ampiamente stimato e considerato per la sua figurazione poetica e sintetica, fin quasi astratta.

Il cliché-verre, rara stampa d’arte, poco conosciuta anche tra gli addetti ai lavori, è nata nel XIX secolo, più o meno contemporaneamente in Francia e nel mondo anglosassone. Ha dato vita a risultati sperimentali ma di grande pittoricismo e fascino poetico. Come spesso accade, questa tecnica è stata avvicinata, quasi sempre, dai maggiori artisti, quelli più curiosi, più sperimentatori, da Corot, che ne ha eseguiti 66, a Delacroix, che ne ha eseguito solo uno. Dopo essere stato impiegato da Corot (negli anni 1853-1874) e dai pittori della Scuola di Barbizon, a causa della fragilità delle lastre, il cliché-verre è stato abbandonato quasi completamente. Agli inizi del XX secolo l’artista che ha ripreso la tecnica è stato Man Ray (che ne ha realizzati circa 28) seguito da Max Ernst (19), Brassaï (12) e naturalmente Picasso (5).

 

La mostra ed il libro “Edolo Masci, Clichés-Verre” verranno presentati presso la storica Libreria-Galleria “Al Ferro di Cavallo” di Roma, sita in Via del Governo Vecchio n.7, nel giorno di sabato 9 Maggio 2009, dalle ore 17:30.

Le librerie ed i libri, “luoghi” cari ad Edolo Masci, che da curioso ed accanito lettore divenne fine e colto bibliofilo, come anche ricorda il grande mercante d’arte Giuseppe Zanini nei suoi ritratti d’artista: <<Doveva essere un lettore avido e appassionato e molte volte ebbi occasione di osservarlo, nella libreria accanto (Feltrinelli a Via del Babuino, n.d.r.), sbirciare fra le pagine socchiuse di un libro che cercava di leggere senza doverlo acquistare. Ancora adesso non esiterebbe un momento a spendere le ultime diecimila lire per un libro, pur sapendo che per questo dovrà saltar la cena.>> [ZANINI G., Edolo Masci, Un Volto del Novecento, da De Chirico a Campigli, La Collezione Zanini; Mazzotta, Milano, 2004, pag.36].

“Al Ferro di Cavallo” e gli artisti, un amore che ha superato il mezzo secolo, da quando Agnese De Donato e Gina Severini inaugurarono lo spazio, come riporta un cronista del quotidiano “Il Tempo”, il primo Novembre 1957: <<È questo un negozio del tutto particolare che, aperto di proposito nelle immediate vicinanze della Accademia di Belle Arti e del Liceo Artistico, vuole essere soprattutto un ritrovo di artisti>>. E dove la politica passava per il "Que viva a Fidel Castro!" che vide Giuseppe Capogrossi, Fabio Mauri, Mimmo Rotella, Gastone Novelli, ed altri ancora, esporre nel 1961 per il Lidér Maximo.

Amore continuato con Sergio Mazzocchi, Lena Salvatori e Peppe Orlandi che hanno portato avanti il “Ferro di Cavallo” dal 1982 fino ad oggi, dove Giuseppe Gallo fece la sua prima mostra e qui conobbe Bruno Ceccobelli, Gianni Dessì, Claudio Bianchi e Nunzio: stava nascendo la Nuova Scuola Romana.

Uno spazio di promozione libera dell´arte tra i libri, dove nel 1985 venivano esposte le, allora pionieristiche, "Immagini al computer" di Paul Thorel.

Un luogo che ha offerto la possibilità ai giovani che studiavano all'Accademia di esporre il loro lavoro, spesso “Al Ferro di Cavallo” hanno tenuto la prima mostra personale artisti oggi riconosciuti nell'arte come Alessandra Giovannoni, Paolo Picozza, Maurizio Pierfranceschi, Enrico Pulsoni, Enzo Scolamiero ed altri.

 

 

Mostra:                                     "Edolo Masci, Clichés-Verre”

Luogo:                                      Galleria di Palazzo Bellarmino, Via di San Donato n.12, Montepulciano (SI) 

Inaugurazione:                        Sabato 16 Maggio 2009, ore 17.30

Periodo:                                    16 maggio – 31 Luglio 2009

Orario:                                       Dal LUN. al SAB. 9,30 – 13,00 / 15,00 – 18,00; DOM. su appuntamento

Ingresso:                                  Gratuito

Artista:                                     Edolo Masci  

Genere:                                     Clichés-verre, Stampa d’arte, Arte Contemporanea

Curatori:                                   Sissi Aslan, Roberto Savi

Catalogo:                                  Thesan & Turan

Organizzazione:                       ArteMonte, associazione culturale

Informazioni:                            Thesan & Turan, Tel. 0578717007, Fax. 0578717298, E-mail. info@thesaneturan.it, Website. www.thesaneturan.it; Roberto Savi, robertosavi@yahoo.it

 

Presentazione:                         "Edolo Masci, Clichés-Verre”

Luogo:                                      Libreria-Galleria “Al Ferro di Cavallo”, Via del Governo Vecchio n.7, Roma (RM)

Periodo:                                    Sabato 9 Maggio 2009, 17.30

Ingresso:                                  Gratuito

Informazioni:                            Libreria-Galleria Al Ferro di Cavallo, Tel. 066893703, E-mail. lena@ferrodicavallo.com

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl