Poesie d'Amore

- Adonis (Qassabin, Siria, 1930) è un poeta e saggista di origine siriana ma di cittadinanza libanese.__ L'edizione di "Poesia d'amore" di quest'anno, siamo giunti alla quarta manifestazione, lascia la piccola saletta di Galleria Roma, divenuta troppo stretta per contenere poeti e pubblico, per trasferirsi a Palazzo Impellizzeri, due passi più in là sulla stessa via Maestranza, due passi avanti anche per il successo di questo evento.

21/mag/2009 09.43.00 Galleria Roma Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Palazzo Impellizzeri
via Maestranza 99 Siracusa
Poesie d'Amore
versi di poeti contemporanei

giovedì 21 maggio ore 18,30



L’incanto della Poesia

“Credo che la poesia abbia un gran ruolo nel cambiamento delle società, non è un ruolo pratico, nel senso che non è la poesia che cambierà il mondo, ma può aiutare l’essere umano a trovare le strade giuste per farlo.” -
Adonis (Qassabīn, Siria, 1930) è un poeta e saggista di origine siriana ma di cittadinanza libanese.__
L’edizione di “Poesia d’amore” di quest’anno, siamo giunti alla quarta manifestazione, lascia la piccola saletta di Galleria Roma, divenuta troppo stretta per contenere poeti e pubblico, per trasferirsi a Palazzo Impellizzeri, due passi più in là sulla stessa via Maestranza, due passi avanti anche per il successo di questo evento. Galleria Roma continua il suo cammino anche lungo la strada della poesia, raccogliendo via via compagni di viaggio sempre più numerosi. Come la melodia incantata del flauto magico (nel nostro caso l’incantatore è l’amico Amedeo Nicotra), la poesia rapisce e cattura chi, anche solo un poco, apre il suo cuore alla musica delle parole.
Le parole ed il silenzio, il bianco ed il nero, ciò che è vero e ciò che è falso, ciò che semplicemente è e ciò che non è perché non esiste. La poesia restituisce niveo e intatto il senso dei sentimenti che fluiscono attraverso il linguaggio scritto, stabilisce attraverso il senso delle parole il contatto tra esseri umani, nessuno escluso, misurando con sconcertante precisione il rapporto dell’uomo con la vita e il proprio divenire.
Gli artisti di Galleria Roma lanciano anche quest’anno, ancora una volta, il loro richiamo ai poeti per l’adunata di un esercito armato solo della forza delle parole contro il potente nemico della futilità e della volgarità come ci ha insegnato Montale.
Nella sala delle conferenze di Palazzo Impellizzeri si celebrerà quindi il rito della poesia: le luci si spegneranno, il vocio si placherà, si ascolterà il silenzio e poi le note di una melodia riempiranno il buio e accompagneranno fianco a fianco il suono delle parole che, una dietro l’altra, come gocce di una fresca pioggia d’estate cadranno sulla polvere che rende opaco il mondo, laveranno i nostri cuori se solo lasceremo che il senso della poesia ci pervada.

Salvatore Zito
Presidente dell’Associazione Culturale
Nuova Galleria Roma
blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl