PERDERSI NEI LABIRINTI DELL'ASTRAZIONE

Questo raggruppamento si serve di diverse tecniche pittoriche per concettualizzare l'ineffabile.

04/giu/2009 17.48.25 RossoCinabro Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Perdersi nei labirinti dell’astrazione

6 - 21 giugno 2009

" Noi preferiamo le vie tortuose per arrivare alla verità." (F. Nietzsche, Ecce homo)

Una  selezione di artisti di talento sono stati scelti per la mostra ‘I labirinti dell’astrazione’, una vetrina di pittura astratta contemporanea. Questo raggruppamento si serve di diverse tecniche pittoriche per  concettualizzare l'ineffabile. Esplosioni di colori, linee, forme e sfumature per celebrare la vita, seducendo gli occhi.  Questo ardito linguaggio artistico mostra una individualità e una  larghezza di stile che parla direttamente al vostro cuore rinfrescando la vostra anima e il vostro spirito.

Opere di: Salvatore Alessi, Silvio Balestra, Luca Braglia,  Rinaldo Cirillo, Amos Crivellari, Gaetano Fiore, Marco Feci, Elisabetta Fontana, Giorgio Imperadori,  Karen Precht, Francesco Sandrelli, Carlotta Schiavio, Stefania Vassura.

 

Salvatore Alessi ama affidarsi ai dettami della geometria che lo aiutano a conferire eleganza formale alle sue creazioni a differenza di Marco Feci e Rinaldo Cirillo che comunicano attraverso il gesto e colori forti la dimensione istintuale dell’essere umano. Acquista tensione la ricerca fotografica in bianco e nero di Silvio Balestra orientata verso una spiccata concettualità.  Luca Braglia con chiaro simbolismo esprime le sue idee sui concetti che spaziano dal sociale  alle pure emozioni.

Crivellari indaga una realtà paradossalmente più vera, catturando quella che si potrebbe definire l’emozione cromatica pura: la forza empatica di quegli urti, quelle simpatie, quelle affinità e quelle discrepanze di cui è intessuto il paesaggio urbano contemporaneo, liquefatto nella trasmutazione continua dei suoi oggetti artificiali in un potente e inarrestabile flusso di luce-colore. L’esplosione materica di Elisabetta Fontana rimane sospesa tra impeto e dramma. Gaetano Fiore lascia tracce di vita con le sue creazioni guidando attraverso esse la nostra visione e ricerca esistenziali. Giorgio Imperadori  esprime un mondo colorato, in un assemblaggio cromatico dalle tinte pure, tutte racchiuse in un suo particolarissimo recinto mentale.

Karen Precht comunica attraverso materia e colore per condurre lo spettatore verso un ‘vortice’ intellettuale. Francesco Sandrelli  presenta un bosco/labirinto nel quale  solo chi riesce a trovare se stesso potrà trovare un sentiero verso la luce. Carlotta Schiavio adotta un modus operandi legato alla spontaneità creativa caratterizzato dal colore fluorescente e da cuciture  che bilanciano le forze contrarie della sua psiche. Guardando l’opera di Stefania Vassura  permangono dubbi di un micro o macro cosmo colorato e ci si chiede se lo spazio è finito o infinito, se è un’entità fisica reale o astratta.

 

 

A cura di Cristina Madini

Organizzazione e promozione RossoCinabro

 

 

Galleria RossoCinabro

Piazza Mazzini 6

00018 Palombara Sabina (RM)

 

vernice ore 16,30 sabato 6

 

6 – 21 giugno 2009

 

ingresso libero

 

 

 

 

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl