COME PREPARARSI AD UN VIAGGIO IN SOLITARIA

COME PREPARARSI AD UN VIAGGIO IN SOLITARIA Saranno in più di 1000 (incluse alcune tv e radio private) a seguire su Facebook in diretta la prossima avventura di Raffaella Milandri, viaggiatrice in solitaria e fotografa di San Benedetto del Tronto.

19/ago/2009 18.47.53 Europrinters Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

  Saranno in più di 1000 (incluse alcune tv e radio private) a seguire su Facebook in diretta
la prossima avventura di Raffaella Milandri,
viaggiatrice in solitaria e fotografa di San Benedetto del Tronto.
Dopo Australia, Alaska, Tibet, Nepal, la meta ora è il Botswana ,
in Africa. Partenza domenica 23 agosto.
"Pochissimi viaggiatori hanno affrontato quelle zone in solitaria
(Okavango, Kalahari, Limpopo) e molto probabilmente sono l'unica donna"
dice Raffaella Milandri.
Abbiamo chiesto come è la preparazione per un viaggio in solitaria, ecco i dettagli.
Mappe e guide alla mano, Raffaella Milandri ha valutato un percorso di massima,
temperatura e condizioni climatiche, condizioni delle strade, eventuali pericoli,
equipaggiamento e mezzi di trasporto.  Solito check up dei vaccini con la aggiunta
di quello per la febbre gialla e profilassi antimalarica , sotto il consiglio dell'utilissimo
Centro Medicina del Viaggiatore offerto dal SSN. Ha prenotato solo il volo e noleggiato un fuoristrada con GPS,
contattato l'Ambasciata Italiana competente per le emergenze. In valigia: borsa di medicinali ampia e generosa, repellente per insetti ed energetici a rilascio immediato. Kit di pronto soccorso.
" Il mio bagaglio più importante è costituito da tre cose:
il sorriso, un profilo basso e il mio sesto senso " dice la Milandri.
"Il mio viaggio, oltre ad essere una spedizione in fuoristrada di 5000 km,
ha anche il fine di raccogliere immagini e testimonianze a fini umanitari.
La fotografia è per me soprattutto uno strumento sociale, che
evidenzi realtà distrutte da una globalizzazione avida di denaro e povera di Progresso.
La fotografia è anche uno strumento di aiuto economico e umanitario:
ringrazio la ANFFAS Onlus di Varese che, chiedendomi alcune foto in dono
per una mostra fotografica con asta di beneficenza che si terrà ad ottobre,
mi ha dato modo di contribuire in modo fattivo alla loro causa. "
La Milandri ha già al suo attivo una mostra sul lavoro minorile in India,
e una su Nepal e Tibet,  con asta di beneficenza, in favore di un centro di anziani nepalesi
senzatetto.
Al rientro dal viaggio la viaggiatrice annuncerà una mostra  su
alcune tematiche sociali  e umanitarie.
"Per scaramanzia ne parliamo quando torno"

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl