Comunicato stampa del 26/10/2004

avviene la svolta che lo porterà appunto ad una fedele ricerca tesa ad una

Allegati

26/ott/2004 20.16.20 Mario Commone Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

COMUNICATO STAMPA

mostra

SOPRACASE

opere recenti

                                                                  

 

 

 

 

periodo:

            29 ottobre - 13 novembre 2004

 

titolo:

            SOPRACASE

            opere recenti

 

sede espositiva:

            La Spezia

            Galleria d’arte “Vallardi”

            p.zza Verdi 38 SP - Italia        

            (info) 339.1997213 - 338.9509083

 

 

 

testo: Vittorio Sopracase, pittore tra i più attivi operanti nel territorio spezzino, propone nello storico spazio espositivo di p.zza Verdi gli esiti ultimi della sua produzione pittorica.

Dopo anni di lunga esperienza espositiva in Italia e all’estero -  ma l’ultima personale spezzina, alla Galleria “Il Gabbiano”, risale al lontano 1972 - attraverso i quali è giunto ad una <<pittura fedelmente astratta, non oggettiva, gestuale>>, tenta una nuova strada, se pur sempre nella medesima direzione e soprattutto senza dimenticare le proprie origini, che lo hanno visto dapprima muoversi nell’ambito dell’”Imprinting figurativo”, seguito da un interessamento nei confronti della Pop Art e ancora successivamente alla Nuova Figurazione; sino al 1970 quando avviene la svolta che lo porterà appunto ad una fedele ricerca tesa ad una astrazione che guarda prima all’Astratto-Concreto italiano di Lionello Venturi e successivamente all’Abstract Expressionism americano di Harold Rosemberg.

            Scrive difatti Bruno Corà nel suo contributo critico: <<L’acquisizione linguisticamente stabilizzata e direi persino la sicurezza degli esiti pittorici di questi ultimi anni spinge Sopracase a offrire, una volta di più, nuovi esempi di un episodio esplorativo recente>>; sono i quadri, in mostra, con aggiunte sulla tela <<porzioni di fogli di piombo ritagliate nella morfologia delle spatolature di colore>> a ricoprire; evidenziando quindi un <<simultaneo dispiegarsi di facoltà pienamente raggiunte e un’apertura di modi diversi e plasticamente suscettibili di ulteriori mutamenti nel traguardare il medesimo ‘luogo’ di sempre suscitato dalla pittura>>.

 

 

 

orario: 16.00 - 19.30 / chiuso domenica

vernissage: venerdì 29 ottobre 2004, ore 18.00

catalogo: DNA per +Le, in galleria, con contributi critici di Bruno Corà e Mario Commone

coordinamento tecnico: “Pluritendenze Itineranti”

genere: arte contemporanea, personale

 

 

 

immagine allegata: l’artista; foto di Enrico Amici
 
blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl