LIVELLO16_14 OTTOBRE_VERNISSAGE LISA DALLA NOCE

LIVELLO16_14 OTTOBRE_VERNISSAGE LISA DALLA NOCE LISA DALLA NOCE In mostra dal 14 ottobre al 28 ottobre 2009 Spazio Artisti LIVELLO16 Via dell'Aprica, 16 Milano Vernissage: Mercoledì 14 ottobre 2009 http://www.livello16.it/news/news.html Quando si scrive di un'artista al suo debutto lo si fa o perché se ne conosce il tratto fin nei più reconditi meandri della mente, oppure per instaurare un pour parler senza costrutto al fine d'illudere chi legge.

09/ott/2009 18.02.04 LIVELLO16 Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

LISA DALLA NOCE

In mostra dal 14 ottobre al 28 ottobre 2009

Spazio Artisti LIVELLO16

Via dell’Aprica, 16  Milano

 

 

Vernissage:

Mercoledì 14 ottobre 2009

 

 

http://www.livello16.it/news/news.html

 

 

Quando si scrive di un’artista al suo debutto lo si fa o perché se ne conosce il tratto fin nei più reconditi meandri della mente, oppure per instaurare un pour parler

senza costrutto al fine d’illudere chi legge.

Non è certamente il caso di chi scrive se dico che sto  parlando di Lisa Dalla Noce della quale ho avuto modo di seguire ogni moto della mano fin dall’adolescenza,

quel suo infarcire d’immagini libri, quaderni, diari, e poi cartoni,  e strutture telate, supporti d’ogni genere, specchi, pareti di casa, un’autentica antesignana dei murales

che nella fantasia di quegli anni assumevano i contorni di paesaggi esotici alla Gaugin.

Ne ho poi seguito l’evoluzione delle  tecniche e dei contenuti che a ben vedere non si sono discostati mai dalla ricerca dell’intrinseco, dalla visualizzazione del suo mondo sottile, con un che di astrale, cui è pervenuta in questi ultimi anni in cui sta rivelando il meglio di sé, esprimendosi al massimo della coerenza col suo mondo interiore.

Una vita che cammina in parallelo con la sua consapevolezza della necessità di affermarsi come donna perché a ben vedere  non è consapevolezza intrinseca bensì persistente e pervicace opera di costruzione quotidiana:  ecco dunque  il tema della maternità che si fa dominante insieme a quella degli angeli che appartengono a una dimensione tutta sua,  in un mondo che mimetizza la sofferenza dietro aloni di paradisi intuitivi, spezzoni d’arte sereni dove anche la morte può assurgere a uno sguardo dall’alto, rilassato, sul mondo, di chi è libero di acquisire dimensioni angeliche.

Ad una lettura superficiale delle sue opere, l’impatto è con una sorta di nudismo naif mentre ad un’osservazione più elaborata, le teste sono mondi, tanti robot di vita

più o meno riflessiva, impegnata, poetica, fantasiosa o genialoide, gli addomi sono il grembo sicuro in cui sonnecchiano forme informi di angeli-embrione, mentre

i seni rappresentano una sorta di cordone ombelicale che assiste i piccoli e li accompagna nei primi passi della vita come è ben intuibile, ad esempio, in una sua opera

non recentissima dal titolo: “ La sposa al parco”.

Il tutto incorniciato da un mondo apparentemente reale, seppure svisato,  dominato da tecniche nuove, materiche, che rendono palpabile, al tatto, quell’universo

talora dorato o cupo e lucente come possono esserlo gli stati d’animo di chi è in sintonia con chi quel mondo ha idealizzato perché forse è vero che soltanto

chi ha  intùito può giungere alla comprensione.

Proprio come è accaduto dopo gli anni del Futurismo che ha concesso all’arte di configurarsi nell’occhio di chi guarda.

 

 

Per Everardo Dalla Noce  - di Carla Abeti

 

Per info:

LIVELLO16_ARIESMILANO srl

press@livello16.it

Via dell'Aprica,16

20158 Milano

tel.+39.02.69018044

fax.+39.02.69015645

 www.livello16.it

 

 

 

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl