CATANIA - Al Museo Emilio Greco fino al 18 dicembre 2009 la mostra bipersonale "Oltre le arcane realtà" degli artisti siciliani Giovanni Greco e Giuseppe Spinoso

27/nov/2009 10.47.10 Antonella Gandolfo Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

 

CATANIA – Al Museo Emilio Greco fino al 18 dicembre 2009 la mostra bipersonale "Oltre le arcane realtà" degli artisti siciliani Giovanni Greco e Giuseppe Spinoso
 
Curata da Fortunato Orazio Signorello, è promossa per il "Festival siciliano della Cultura"
 
Nell'ambito della programmazione di eventi voluti o sostenuti dall'Assessorato alla Cultura del Comune di Catania (retto dall'assessore Fabio Fatuzzo) e dal Museo Emilio Greco di Catania, diretto dal dott. Tommaso D'Amico, rientra anche la mostra bipersonale ”Oltre le arcane realtà” degli artisti Giovanni Greco e Giuseppe Spinoso (Jos). Ideata e curata dal noto critico d'arte Fortunato Orazio Signorello e promossa dall'Accademia Federiciana di Catania con il patrocinio dell'Assessorato per i Beni culturali, ambientali e della Pubblica istruzione della Regione Siciliana, dell'Assessorato alla Cultura del Comune di Catania e della casa editrice Kritios Edizioni, la mostra documenta, con le opere da loro realizzate su supporti eterogenei di vario formato, la versatile sperimentazione formale e linguistica dei due validi artisti siciliani nell’ambito del Surrealismo-metafisico (Greco) e dell’Astrattismo (Spinoso). Giovanni Greco (classe 1953) propone, proseguendo la sua ricerca avviata sui valori plastici, opere di atmosfera metafisica  dechirichiana e di impianto classicheggiante frutto di una curiosità  che "lo porta a intersecare la pittura contemporanea per poter ampliare le sue conoscenze e trovare la sua dimensione interiore spinto da una maggiore riflessione sulla vita e cercando di interpretare il “pensiero” a volte ineffabile come mezzo per porre in una luce nuova i problemi fondamentali di cui la nostra mente non cessa di liberarsi ponendo in scena dei ricatti visivi, dei ricatti dell’anima". Nato nel 1986, Spinoso, che a dicembre esporrà alcune sue opere all'International Exhibition of Contemporary Art di Shanghai, predilige invece un linguaggio astratto, al quale è approdato dopo una breve ricerca sul Surrealismo e sulle infinite declinazioni nel mondo onirico, ricco di spunti innovativi che sono compiutamente espressi in modo originale. Disegno e colore - ma anche creatività e intuizione concettuale - sono le cifre inconfondibili e coerenti dell'esperienza cromatica dell'artista, la cui arte, di particolare caratterizzazione esecutiva, coinvolge tutti gli elementi della composizione a profitto del linguaggio espressivo. Inserita nel programma di eventi della prima edizione del "Festival siciliano della Cultura", ideato e curato dal critico d'arte Fortunato Orazio Signorello e promosso dall'Accademia Federiciana, l'esposizione è supportata da monografia e brossura editate dalla Kritios Edizioni. La mostrà, che verrà inaugurata dall'assessore Fabio Fatuzzo lunedì 7 dicembre alle ore 19, potrà essere visitata fino al 18 dicembre da lunedì a sabato dalle 9 alle 13; domenica dalle 8,30 alle 13,30, sabato anche dalle 16 alle 20. L'ingresso è libero.
 
 
Sede: Museo Emilio Greco (Catania) - Piazza San Francesco d'Assisi, 3 (1° piano)
Vernissage: lunedì 7 dicembre 2009, ore 18,30. Saranno presenti gli artisti.

 

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl