Comunicato Stampa_CTw_Lei e Tancredi - Teatro Vascello - Roma - 16-17-18 dicembre 2011

15/dic/2011 11.14.19 Cie Twain Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
Cie Twain
physical dance theatre
Direzione Artistica Loredana Parrella

Si conclude al Teatro Vascello di Roma la tournè autunnale di "Lei e Tancredi , denunce di corpi parlanti" ultima creazione di Loredana Parrella per
Cie Twain physical dance theatre, produzione che torna dopo un anno a Roma dopo aver debuttato il 21 dicembre 2010 al Teatro Palladium all'interno della Rassegna Recitardanzando di A.T.C.L.
Dal 24 novembre al 18 dicembre è andato in scena nei teatri di Piemonte, Sicilia e Lazio la nuova versione dello spettacolo con 8 interpreti e video-live.
Gli eroi del passato, dalle leggende di Carlo Magno e dai romanzi epici, gli amori cavallereschi e le crude vendette si rispecchiano nella società di oggi e di ieri, negli eroi ed anti-eroi del Novecento.
Rivoluzionari e contro-rivoluzionari trovano un dualismo parrallelo con Crociati e Mussulmani, in un mondo in perenne conflitto dove anche l'amore pare sia costretto a soccombere sotto le bombe e dove spesso il coraggio di chi denuncia la verità viene fatto tacere nel sangue.

Lei e Tancredi
denunce di corpi parlanti

Promozione Mailing List Cie Twain
In occasione del ritorno a Roma, il 16,17 e 18 dicembre al Teatro Vascello, dello spettacolo Lei e Tancredi,denunce di corpi parlanti gli iscritti alla mailing list della Compagnia avranno diritto alla promozione speciale 15+1,  potranno quindi acquistare due bilglietti al costo di 15 euro per il primo biglietto e 1 euro per il secondo.
Inoltre tutti i danzatori e le scuole di danza avranno diritto ad un ulteriore promozione 12+1: un biglietto a 12 euro ed il secondo a 1 euro.

Per acquisti e prenotazioni:

Teatro Vascello


06/5881021 - 06/5898031


  
  
       

 
16-17 dicembre ore 21.00 18 dicembre 2011 ore 18.00
ATCL e Vascello Danza 2011
Teatro Vascello_Via G.Carini 78_Roma


Lei e Tancredi
denunce di corpi parlanti
Coreografia e regia Loredana Parrella

Produzione AcT - Co-produzione OFFicINa di tst, Regione Lazio
Con il sostegno di A.T.C.L. e Itinerario44, Provincia di Roma
In residenza a SpazioCTw_centrocoreograficopermanente
Progetto Finalista Premio Equilibrio 2008
Spettacolo Vincitore Bando Fuori Rotta 2010/2011 Areapergolesi, Milano
Prima Nazionale Teatro Palladium/Fondazione Romaeuropa
Premio MarteAwards Miglior Compagnia 2010
Progetto per 8 danzatori
 
Disegno luci: Cesare Lavezzoli
Consulenza alla drammaturgia: Roberta Nicolai
Costumi: Loredana Parrella
Musica: AAVV
Organizzazione: Paolo Fontani
Interpreti: Camilla Zecca, Elisa Teodori, Carmen Fuentes Guaza, Annarita De Michele,
Alain Elsakhawi, Yoris Petrillo, Fernando Pasquini, Giuseppe Insalaco.
Durata: 75 minuti
 
Con il sostegno del MiBAC - Ministero per i Beni e le Attività Culturali


...è la storia dell'amore ad avvincermi, cioè la storia dell'altro e del suo altro. Gli Altri, gli straripanti, Tancredi e Clorinda,
gli amanti della franchezza, queste due creature singolari, più forti di se stesse, sì, capaci l'una e l'altra di andare, a costo della vita,
per amore della verità, al di là delle proprie forze, fino all'altro, il più lontano, il più vicino.
            
                                                                                                                                      Hélëne Cixous, da Tancredi Continues
 


Ricercare la forza dei significati, in un periodo storico così potentetemente segnato dalla massificazione del pensiero e dei corpi,
mi ha portato a riflettere e a interrogarmi sulla figura dell'eroe, sul suo essere troppo umano, fino a disumanizzarsi,
fino a staccarsi completamente da qualsiasi condizionamento, in nome di un credo e di una fede, al di sopra di tutto e di tutti.
Sono partita dall' analisi delle relazioni che intercorrono tra alcuni personaggi da me scelti all'interno della Gerusalemme Liberata di Torquato Tasso:
Olindo e Sofronia, Tancredi e Clorinda, Erminia e Clorinda, Rinaldo e Armida, Erminia e Tancredi, Clorinda e Argante;
spinta dall'esigenza di riscoprire il sapore e il profumo della lotta e dell'infaticabilità,
di cercare anche un solo elemento di chiarezza, ho tentato di focalizzare l'attenzione non sul minimale dell'esistenza ma su ciò che gli sta dietro,
sulla storia; ecco che Tancredi e Clorinda,gli amanti impossibili, gli infaticabili, diventano i corpi parlanti nei quali si attua quel necessario distacco dalla stanchezza e dalla rinuncia,
devastanti epidemie del nostro tempo.
Una visione ideale e apparentemente astratta come quella dell'eroe è per me uno stimolo per andare a recuperare una singolare condizione con la vita,
rivalutando l'azione come potenziale di continuità, a patto che non si arresti davanti alla singola conquista,
ma che sia punto di partenza per gettarsi in una lotta sana e costruttiva capace di produrre Forze attive.
Nella consapevolezza che sia inutile fermarsi a condannare ma che invece sia necessario tendere verso una continuità di pensiero e azione, concluderei come ho iniziato: Tancredi continua.
                                                                                                                                                                                                                                            
                                                                                                                                                                                             Loredana Parrella

"... otto corpi danzanti che si interrogano sulla figura dell'eroe partendo da alcuni personaggi della Gerusalemme Liberata di Tasso. Tancredi e Clorinda,
gli amanti impossibili e infaticabili, diventano così strumento privilegiato per analizzare la disumanizzazione del mondo contemporaneo, mettendo in atto una personale esplorazione del Mondo,
segnato da conflitti tra popoli e da conflitti interiori. Veri e propri corpi parlanti, il vissuto dei personaggi di Tasso diventa viatico per indagare su alcuni degli avvenimenti della nostra storia recente
arrivando a leggerne gli effetti sulla quotidianità. Nella messinscena lo spazio è suddiviso tra l'azione dei corpi danzanti sul palco e quello della videoproiezione live che ne ingrandisce volti e dettagli
in un gioco di rimandi tra l'azione e la sua amplificazione visiva in una ricerca squisitamente coreografica che oltrepassa la tecnica per raggiungere un'espressione emozionale, incisiva e pura,
permettendo ai corpi degli interpreti di urlare, allo stesso tempo, dolore e amore, frammenti di denunce nel tentativo di evidenziare la purezza dell'essere umano piuttosto che quel che rappresenta..."
 
                                                                                                                                                    
                                                                                                                                                          A.Paesano, Metromorfosi_ Dicembre 2010





 

Cie Twain-Ufficio Stampa

Segreteria: 338 2051200
Yoris Petrillo: 328 2081180







Tutela delle persone e di altri soggetti rispetto al trattamento di dati personali D. Lgs. 196/2003.

Vi informiamo che gli indirizzi e-mail presenti nel nostro archivio provengono da elenchi e servizi di pubblico dominio pubblicati anche via web o per autorizzazione dei possessori. Secondo quanto previsto dall'art. 13 della legge, in qualsiasi momento, potrete non ricevere più comunicati da parte nostra, rispondendo a questa mail con oggetto: REMOVE

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl