Itali@rte 2007

18/giu/2007 17.00.00 Mediascena Europa Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

 

con il patrocinio


 

Assessorato alle Politiche Culturali

 

 

Istituto nazionale di Studi Romani

 

 

 

 

presentano

 

 

ITALI@RTE 2007 : la danza può ancora incantarti

dal 20 al 29 giugno all’Aventino

                                  

 

 

Dal 20 al 29 giugno, a piazza Cavalieri di Malta 2, presso il giardino dell’Istituto Nazionale di Studi Romani, torna Itali@rte l’annuale vetrina della danza italiana a Roma.

 

Mediascena Europa, Ente di Promozione della danza, riconosciuto dal Ministero per i Beni e le Attività Culturali, presenta un cartellone che riflette le numerose forme di espressione che l’Arte coreutica può proporre al pubblico, dal balletto classico, al tango, alle danze della tradizione, e per l’occasione, presenta un sito dedicato www.italiarte.net con foto e anteprime video degli spettacoli.

 

“Come in uno specchio, nel prestigioso sito aventiniano dove ormai si è consolidato per il IV anno l’appuntamento con la danza italiana, Itali@rte riflette le numerose forme di espressione che l’Arte coreutica può proporre al pubblico.

Come in uno specchio che consente di esplorare sé stessi, è la danza che fa da ponte tra il gesto e la musica, l’universo circostante, il movimento del corpo e le emozioni.

Gioco di specchi che consente una riproduzione multiforme della realtà circostante, talvolta anche deforme, ma sempre frutto di un rimbalzo di luce.

Pensiamo di aver dato spazio a ciascuna immagine che la danza è in grado di proiettare con il movimento, immagine di un’arte che dinamicamente riproduce la realtà”.

 

Danilo Esposito

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

IL PROGRAMMA

 

 

 

Mercoledì 20 Giugno

Compagnia Nazionale del Balletto

Carmen e Bolero

 

Musiche: Carmen George Bizet, Bolero Joseph-Maurice Ravel

Coreografie: Tuccio Rigano

Primi ballerini: Fara Grieco (Carmen), Danilo Mazzotta (Don José)

Francesco Sorrentino (Escamillo)

Corpo di ballo: Annamaria Perilli, Francesca Shipani, Enrica Felici,

Marilena Agnello, Licia Cricchi, Carlotta Indraccolo, Raffaella Sellitto

Gennaro Lasco, Sebastiano Meli, Emanuele Mirchi, Dario De Leo

Manuel Di Pietro

 

CARMEN La coreografia, di geometrica semplicità classica, evoca i fasti di una

Spagna calda e sensuale che fa da sfondo a un intreccio amoroso a tre, giocato

a tinte forti e drammatiche. La coreografia é suddivisa in sette quadri, che si susseguono

veloci con ritmo quasi cinematografico.

BOLERO Un balletto giocato sulla coralità degli intrecci e sui giochi di luce. E’ un

racconto, in chiave neoclassica, della nascita dell’umanità. Il Bolero è una danza

di movimento molto moderato e costantemente uniforme, tanto per la melodia e

l’armonia che per il ritmo. Il solo elemento di diversificazione è costituito dal crescendo

dell’orchestra.

 

 

 

 

Giovedì 21 Giugno

Balletto’90 diretto da Paola Catalani e Francesca Trenta

Medit-amar Danze d’amore, di terra e di mare

 

Coreografia: Francesca Trenta, Francesca La Cava

Musicisti: Massimo Biclungo, Alfredo Notarloberti, Gian Franco

Santucci, Francesco Migliaccio, Francesco Paolo Perreca, Francesca

Trenta

Danza tradizionale: Maristella De Mitri, Michela Marchesi, Sara

Scarselletta, Vito Troianni, Francesca Trenta

Danza contemporanea: Stefania Bucci,

Voce recitante: Mario Misuraca

Consulenza Etnomusicale: Gian Franco Santucci

Organizzazione e promozione: Simona Di Luise

 

La cultura del meridione italiano tra danze e suoni, con particolare interesse verso

quelle aree che ancora oggi si esprimono con vocalità, dialetto, ritmica e stile del

ballo, legati ai popoli da cui sono stati invasi e che li hanno particolarmente

influenzati. La voce narrante fonde con le varie espressioni del linguaggio coreutico

tradizionale con quello contemporaneo.

I canti e le tarantelle, in cui i dialetti attuali si fondono con quelli di derivazione

Greca e Albanese, si snodano fra la forza ritmica della tammurriata dell'area vesuviana

dove vocalità e postura del ballo rammentano una forte influenza Arabo-

Andalusa.

 

 

 

 

 

Venerdì 22 Giugno

Compagnia Balletto Classico Liliana Cosi/Marinel Stefanescu

I Grandi Pas de Deux

 

Coreografia: Marinel Stefanescu - Gabriel Popescu

Maitre du Ballet Liliana Cosi

Musiche: Ciaikovski, Chopin, Delibes, Minkus, Liszt, Beethoven,

Kaciaturian, Drigo, Glazounov

Costumi: Marinel Stefanescu e Cazacu

Interpreti: Bianca Assad, Elena Casolari, Michela Creston, Beatrice

Flaborea, Paola Masi, Clara Ventura, Marco Ferrini, Vittorio Galloro,

Dorian Grori, Luca Quercioli, Alexandr Serov, Rezart Stafa

Una serata dedicata ai grandi “Pas de deux” per celebrare la bellezza del balletto

classico. I momenti culmine dell’intero balletto estratti da Corsaro, Don

Chisciotte, Schiaccianoci, Raymonda, o da lavori originali proposti dall’efficace

linguaggio coreografico di Marinel Stefanescu.

Per Grande Pas de deux si intende l’assieme del ‘Passo a due’ con le ‘variazioni’

maschile e femminile e le ‘code’; proprio per questa struttura esso permette

agli interpreti di esprimere al meglio la propria sensibilità artistica, sia

nei brani danzati in coppia che negli ‘a soli’ e nelle ‘code’ piene di virtuosismo.

Nella serata ci saranno anche alcuni ‘duetti’ creati su brani particolarmente

espressivi e intensi del repertorio della musica classica: i Notturni di Chopin,

il “Chiaro di Luna” di Beethoven, il “Sogno d’amore” di Liszt.

 

 

 

 

 

Sabato 23/Domenica 24 Giugno

Movimento Danza presenta Ya ‘stà - Roberto Ricciuti

El Abrazo del Tango

 

 

 

 

Regia e coreografie: Roberto Ricciuti

Musiche: Pintin Castellanos, Mariano Mores, Pedro Laurenz,

Atahuala Yupanqui, Angel Villoldo

Interpreti: Pino Bongiorno e Daniela Demofonti, Claudio Forte e

Barbara Carpino, Daniel Montaño e Francesca Del Buono,

Roberto Ricciuti e Claudia Fusillo

Un appassionante evento di tango. L’abbraccio del tango non lascia scampo:

unisce i ballerini, allaccia i passi alle note, scende dal palco, coinvolge il pubblico.

È difficile resistergli. In scena, quattro coppie di ballerini, maestri di grande

esperienza e lunga consuetudine col palcoscenico.

Con le loro coreografie, ognuna caratterizzata da una particolare impronta tecnica

e stilistica, accompagnano brani celebri e meno noti, disegnando un percorso

che si snoda attraverso più di mezzo secolo, a partire dalla cosiddetta “década

de oro” (gli anni ’40) passando per il rinnovamento operato da Astor Piazzolla, fino

alle contaminazioni “sintetiche” dell’electro-tango.

Nella varietà di “colore” musicale del programma, lo stimolo ai diversi approcci

interpretativi che rendono ogni coppia immediatamente riconoscibile e diversa

dalle altre. “Tango salon”, “tango fantasia”, “tango nuevo”... visioni individuali che

nelle coreografie d’insieme si fondono in un’ armoniosa espressione del sentimento

che lega e unisce tutti gli elementi di questo spettacolo: il tango.

 

 

 

 

 

Lunedì 25/Martedì 26 Giugno

Teatro Greco Dance Company - L’uomo tra il sacro ed il profano

Magnificat

 

 

 

La danza, quale espressione dell'interiorità del danzatore, è comunione tra il

corpo e lo spirito. Comunicare attraverso le arti e la loro bellezza, solleva l'animo

e avvicina alla fede.

Interpreti: Vincenza Brini, Elena Franchi, Gloria Rossi, Franco Favaro,

Matteo Faieta, Salvatore Polidoro

IDENTITÀ NASCOSTE - Coreografia: Maria Teresa Dal Medico

Elaborazione musicale di Rino Amato

Dal Simposio di Platone il mito della metà di Aristofane.

MAGNIFICAT - Coreografia di Renato Greco - Musica di Marco Frisina

Magnificat, Magnificat, Magnificat anima mea dominum. Magnificat,

Magnificat, Magnificat anima mea… (Luca 1,46-56)

Il “Magnificat” è presentato da due ragazzi, le “sentinelle del mattino” tanto

amate da Giovanni Paolo II: un uomo e una donna, simbolo dell'unione sacra.

LA FAMIGLIA (da ODYSSEUS, DANCE OPERA di R. Greco)

Coreografie: Maria Teresa Dal Medico

Musiche originali: D. Scuderi - Liriche: S. Curina - Costumi: A. Saroli

ESPRESSIONI D'AMORE Assoli e passi a due

Coreografie: Renato Greco e Maria Teresa Dal Medico

 

 

 

 

 

 

Mercoledì 27/Giovedì 28 Giugno

Compagnia Nazionale Italiana

Danza Classica’80 diretta da Raffaele Guerra

Ballando per l’Europa

 

 

 

 

Coreografie: Giuseppe Carbone

Musiche: Etniche tradizionali

Maestro del Ballo: Gaetano Petrosino

Interpreti: Alexandra Grillo, Alessia Gay, Maria Ciccarelli, Francesca Ingino,

Ariel Morea, Angela Abruzzese, Aleio German, Ivan Ristallo

Uno spettacolo dedicato all’Europa e al suo 50° Anniversario del Trattato di

Roma, che il 25 Marzo del 1957 ha sancito la nascita della Comunità Europea

(CEE).

Le coreografie sono state ideate per celebrare le tradizioni che hanno caratterizzato

la storia dell’Europa dal dopoguerra ai nostri giorni.

La Compagnia Nazionale Italiana Danza Classica ’80 si dedica da anni alla

valorizzazione dei giovani talenti che hanno collaborato con i maggiori coreografi

italiani contribuendo alla creazione di numerose opere coreografiche di

squisito gusto artistico.

 

 

 

 

 

 

 

Venerdì 29 Giugno

Danza Prospettiva Vittorio Biagi

Mujeres - Picasso, la donna, la danza

 

 

 

 

Coreografia e regia: Vittorio Biagi

Assistente alla coreografia: Stefania Minardo

Musiche: R. Korsakof, C. Debussy, M. Davis, W.A. Mozart,

Prokofiev, Percussioni Indiane

Costumi: Helene Diolot

Interpreti: Laurence Patris, Veronica Lombardi, Francesca Shipani,

Mariana Porceddu, Monica Tollot, Federica Cananà, Giovanni

Scura, German Marina, Yari Molinari

Il pensiero guida và al grande pittore “innovatore” Pablo Picasso e al suo amore

per la donna come Musa ispiratrice nella sua lunga vita d’artista.

La sua visione della donna madre, donna amica, donna romantica, donna scrittrice,

donna operaia, donna contadina, La Donna nel teatro nelle sue interpretazioni,

con i suoi dubbi e le sue incertezze.

Un viaggio con e nel mondo della Donna.

 

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl