Domenica In...Corto

Domenica In...Corto Si inaugura domenica 14.3.2010 alle ore 20:00 "DOMENICA IN…CORTO", ciclo di quattro eventi dedicati al sodalizio tra arti visive e corti d'autore, voluti dall'associazione culturale "pARTEnope Studio", nell'omonimo spazio polifunzionale (via del Parco Margherita n. 36/b - Napoli.

09/mar/2010 12.08.59 Victoriano Papa Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.


Si inaugura domenica 14.3.2010 alle ore 20:00 “DOMENICA IN…CORTO”, ciclo di quattro eventi dedicati al sodalizio tra arti visive e corti d’autore, voluti dall’associazione culturale “pARTEnope Studio”, nell’omonimo spazio polifunzionale (via del Parco Margherita n. 36/b – Napoli. Info: 081/419777, info@partenopestudio.it, www.partenopestudio.it). Ingresso con tessera.

 

 

Sono quattro le domeniche deputate che sposano il Live Painting a cura di MARCELLA FUSCO, KATIA PUZONE e STEFANIA CICCARELLA con la videoproiezione di tre cortometraggi di GIOVANNI MEOLA e due di LUCIANO DE FRAIA. Rispettivamente nelle date del 14, 21 e 28 Marzo e del 18 Aprile, a partire, come si è già accennato, dalle 20:00.

Le serate, che avranno il tenore di incontri all’insegna dell’ospitalità e della sinergia culturale tra varie forme d’arte e differenti mezzi di comunicazione, si struttureranno con un aperitivo di benvenuto, seguito dalle dimostrazioni pratiche di pittura dal vivo, nelle diverse tecniche, forme e realizzazioni, secondo l’estro e l’ispirazione di tre artiste poliedriche, avvezze alla pittura (olio, acrilico, tempera, tecnica mista), così come alla fotografia, alla rielaborazione pittorica del digitale, al restauro e alle installazioni d’arte.

A seguire due turni di videoproiezioni di tre corti di Meola e due di De Fraia. Saranno presenti, di volta in volta, regista e attori, disponibili a brevi chiacchierate sulle loro creazioni.

L’iniziativa, per sfuggire alla noia domenicale sostituendola con una ‘stuzzicante’ proposta culturale che dia spazio al libero confronto e al connubio tra arte pittorica e quella cinematografica, parte dall’intento delle due socie fondatrici del “pARTEnope Studio”, STEFANIA ANDRIA e MARCELLA FUSCO, di aprire lo spazio al più largo pubblico anche nelle ore serali e nel weekend.

Da circa due anni, cioè dalla sua nascita, “pARTEnope Studio” è concretamente attivo nella didattica, con corsi di pittura di vario tipo, restauro, antiquariato, arredamento d’interni, decorazione, e nell’organizzazione di eventi culturali, che abbiano come comun denominatore la passione per l’arte, la serietà e la professionalità. La raffinatezza e l’eleganza, e al tempo stesso l’atmosfera informale, sono i connotati di questo studio d’arte nel cuore ‘nobile’ della città.

I cortometraggi che saranno proiettati hanno quasi tutti una valenza e un taglio per così dire ‘socio-antropologici’. Per lo più, spaziano – come “IN APNEA” di GIOVANNI MEOLA, quello che domenica 14 marzo apre la rassegna – dalla lotta sociale, alle difficoltà del mercato lavorativo, sino all’integrazione dei cittadini extracomunitari. Sarà poi la malattia, come una sorta di vero e proprio ‘coup de théậtre’ all’interno del breve plot, a ribaltare, se non addirittura ad annullare, qualsiasi distanza di rango e classe.

Gli altri appuntamenti prevedono corti (“Il Pinocchio Carognone” e “Hinter-Land” di Meola, e “Stabat” e “I Love in You” di De Fraia) non certo di minor impatto, che affrontano ambientazioni dell’hinterland e della periferia napoletana, temi come il tradimento, la decadenza di usi, costumi e dell’etica attuale, la camorra con le sue gerarchie e dinamiche interne, attraverso una sintassi dell’immagine mai usurata o banale, su argomenti spiacevolmente sin troppo all’ordine del giorno.

Da segnalare anche che Sabato 13 marzo alle 21:00 e Domenica 14 alle 19:00, presso la Sala Ichòs (via Principe di Sannicandro n. 32/a – San Giovanni a Teduccio, Napoli), va in scena “IL SULFAMIDICO” – produzione a cura di “Virus Teatrali”, testo e regia di GIOVANNI MEOLA, interpretato da ENRICO OTTAVIANO, costumi di Annalisa Ciaramella, assistente alla regia Vittoria Smaldone, pièce sulla disillusione di una generazione orfana dei coetanei argentini. (Info: 320/4808099, virusteatrali@gmail.com, biglietto unico Euro 7,50).

 

 

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl