comunicato stampa: da sabato 5 febbraio al Cinema dei Piccoli - Generica(mente) cult

«A fine settembre del 1989 io e Giovanni Buttafava avremmo dovuto chiudere un libro che si sarebbe intitolato Italian Cult Movie.

03/feb/2011 12.38.17 Centro Sperimentale di Cinematografia Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Ogni sabato, a partire dal 5 febbraio fino al 30 aprile, alle ore 20.45,  al cinema dei Piccoli, verrà proposta al pubblico la rassegna cinematografica “Generica(mente) cult” organizzata dalla Cineteca Nazionale.

 

«A fine settembre del 1989 io e Giovanni Buttafava avremmo dovuto chiudere un libro che si sarebbe intitolato Italian Cult Movie. Come spesso capita, non rispettammo le dati di consegna. E non lo riuscimmo a fare neppure l’anno successivo, perché Giovanni, improvvisamente e con profondo dolore, ci lasciò. […] Se era snob e poco accettato parlare di cult movies – Giovanni li aveva ribattezzati in italiano “film santi” – cosa sarebbe stato trattare i nostri amati trashioni italiani, […] i musicarelli, i poliziotteschi, i film d’autore sballati […]? Strasnob? E come li avremmo definiti con un termine chiaro per tutti? Stracult? No. Allora i tempi non erano maturi. […] Ma gli anni ’90 hanno portato molte sorprese. Quello che sembrava snob o elitario, piano piano, grazie alla continua riproposta televisiva, stava diventando popolare. […] E stavano nascendo le prime fanzine italiane, come Nocturno e Amarcord con servizi e interviste dedicate ai nostri maestri della serie Z».

Sono solo alcuni stralci della toccante introduzione di Marco Giusti alla prima edizione del suo Dizionario dei film italiani. Stracult in cui descriveva la nascita di un gusto, di una sensibilità nuova verso territori, autori, opere allora tutte da (ri)scoprire. Grazie a cinefili e critici come Goffredo Fofi, Enrico Ghezzi, Teo Mora, Carlo Bocci, Stefano Della Casa, Tatti Sanguineti, Sergio Grmek Germani, Baldo Vallero, Piero Tortolina, Enzo Ungari, Marco Melani, Lorenzo Codelli e di molti altri. Erano gli anni cui si sperimentava sulle pagine di nuove riviste di cinema, su interessanti collane di volumi imperdibili («Il Patalogo», in primis) e su grandi operazioni culturali (le notti folli di Massenzio) su quelle particolari associazioni culturali chiamate cineclub: l’Officina Filmclub e L’occhio, l’orecchio, la bocca a Roma, il Movie Club a Torino, il Filmstory a Genova. Ora che però tutto è stato sdoganato e tutto è diventato paradossalmente di culto, dalla fisicità prorompente di Bombolo ai rumori gastrointestinali di un Alvaro Vitali, urge la necessità di una selezione del cosiddetto cinema di genere. Ecco allora tredici film che spaziano dal gotico (La maschera del demonio, 5 tombe per un medium, La cripta e l’incubo), al peplum (Maciste all’inferno), al thriller (L’uccello dalle piume di cristallo, Non si sevizia un paperino, Il tuo vizio è una stanza chiusa e solo io ne ho la chiave, L’etrusco uccide ancora) senza dimenticare i noir e i polizieschi (Città violenta, Tony Arzenta, I bastardi, Milano calibro 9, Autostop rosso sangue) per creare un’ideale mappatura di autori di piccoli capolavori e non di semplici artigiani intrappolati in prodotti seriali e anonimi.

 

Programma:

 

sabato 5 febbraio

ore 20.45  La maschera del demonio di Mario Bava (1960, 88’)

 

sabato 12 febbraio

ore 20.45  Maciste all’inferno di Riccardo Freda (1962, 91’)

 

sabato 19 febbraio

ore 20.45  La cripta e l’incubo di Camillo Mastrocinque (1964, 85’)

 

sabato 26 febbraio

ore 20.45  5 tombe per un medium di Massimo Pupillo (1965, 89’)

 

sabato 5 marzo

ore 20.45  L’uccello dalle piume di cristallo di Dario Argento (1970, 96’)

 

sabato 12 marzo

ore 20.45  Non si sevizia un paperino di Lucio Fulci (1972, 105’)

 

sabato 19 marzo

ore 20.45  Il tuo vizio è una stanza chiusa e solo io ne ho la chiave di Sergio Martino (1972, 96’)

 

sabato 26 marzo

ore 20.45  L’etrusco uccide ancora di Armando Crispino (1972, 106’)

 

sabato 2 aprile

ore 20.45  I bastardi di Duccio Tessari (1968, 102’)

 

sabato 9 aprile

ore 20.45  Tony Arzenta di Duccio Tessari (1973, 114’)

 

sabato 16 aprile

ore 20.45  Città violenta di Sergio Sollima (1970, 109’)

 

sabato 23 aprile

ore 20.45  Milano calibro 9 di Fernando Di Leo (1972, 100’)

 

sabato 30 aprile

ore 20.45   Autostop rosso sangue di Pasquale Festa Campanile (1977, 107’)

 

Cinema dei Piccoli, viale della Pineta, 15 (Villa Borghese) tel. 06 8553485

 

Ingresso:

interi 4 euro

ridotti 3euro

studenti 3 euro

abbonamento 10 spettacoli 20 euro

 

 

 

Susanna Zirizzotti

Ufficio stampa  

Centro Sperimentale di Cinematografia

via Tuscolana, 1520 - 00172 Roma

tel. 06.72294260   fax 06. 72294322  cell. 3391411969

susanna.zirizzotti@fondazionecsc.it

 

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl