JONIO INTERNATIONAL FILM FESTIVAL 2005: i film, i vincitori, gli ospiti

Allegati

18/ott/2005 15.21.49 JIFF Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

GRANDE CINEMA ALLO JONIO INTERNATIONAL FILM FESTIVAL

i film, i vincitori, gli ospiti  

 

Successo e commozione al Pala Congressi del Villaggio Olimpico il 25 settembre, data storica per la Calabria e per i nuovi spiragli (d’arte e di cultura, d’innovative proposte) dati dallo JONIO INTERNATIONAL FILM FESTIVAL, ideato e diretto da Franco Gramisci, che ha portato in questa terra antichissima, ricca di risorse, la magia dell’immagine in movimento.

Oltre alla stupenda ed originale colonna sonora della sigla introduttiva di apertura del JIFF 2005 - composta dal musicista Luigi Critelli - interessante anche la musica di Andrea Renne, giovane cantautore di Amendolara che ha intrattenuto il pubblico presente in sala, la Mostra di Effetti Speciali e di Make-up Cinematografici della GAVIM film di Brindisi con i Fratelli Magrì, registi ed esperti di animatronics, che ha suscitato forte emozione per le maschere, i video, le creature e gli arti robotizzati esposti, i bellissimi quadri della pittrice Caterina Pisilli, pieni di grandi suggestioni e di sicura poesia e le sculture di legno di Hevzi Nuhiu, artista del Kosovo, le interviste del programma televisivo “Dietro l’evento” dirette dal promoter cine-televisivo Giuseppe Pipicelli, i Percorsi Cinematografici con proiezione di cartoons, brevi documentari e corti ed il Premio Jonio Film Festival alla Carriera al cineasta e filosofo di fama mondiale Josè Pantieri che ha offerto per la Rassegna di film in esclusiva mondiale del periodo muto due rare “chicche” storiche del MICS Museo Internazionale del Cinema e dello Spettacolo di Roma (“Un cicerone a Roma”, 1905, primo film turistico girato nella capitale e “Mozart”, 1917, rarità austriaca sulla vita, gli amori ed i dolori del celebre musicista), si è giunti al momento più atteso della serata: la premiazione dei vincitori del JIFF, con l’intervento di numerosi ospiti quali Silvio Tonini, capo tecnico del MICS nonché esperto restauratore di pellicole cinematografiche, l’attrice Giusy Criscuolo, il professore di storia e filosofia Enrico Persichella, l’Assessore al Turismo e Spettacolo Antonio Chinnici della CMAJ Comunità Montana Alto Jonio, il filmologo Salvatore Lo Piano, l’attore calabrese Roberto Russo, la testimonial del JIFF Elisabetta Demme.

I due presentatori, Mario Brigante e la giovane ma bravissima Rossella Stamati, accompagnati dal direttore del festival Franco Gramisci e dagli ospiti saliti sul palco, hanno proclamato i vincitori dello Jonio International Film Festival edizione 2005, invitandoli a raccontare la nascita del loro film.

Per la sezione animazione:

1° classificato “Racing Beats” di Alexander Kiesl e Steffen Hacker (prod. Filmakademie, Stuttgart, Germania); 2° classificato “Alosha” di Kostantin Bronzit (prod. Melnitsa Animation/CTB Film Company, St. Petersburg/Russia); 3° classificato “06/08/2045 Life on Mars?” di Andrea Castellani (prod. A. Cartobaleno, Firenze), che si è aggiudicato anche il Premio Speciale della Giuria;  Menzioni di merito della sezione a: “Io so chi sonodi Simone Massi (prod. indipendente, Pesaro) e “Quasi quasi” di Mauro Borgarello (prod. indipendente, Torino);

per la sezione documentari:

1° classificato “Explorer 1 Discovering Perù” di Fabio Breccia (prod. Studio 3 TV, Ascoli Piceno) ritirato da Pier Giorgio Caria (sceneggiatore e autore dei testi); 2° classificato “Sulla strada per Bagan” di Francesco Uboldi (prod. indipendente, Varese); 3° classificato “Anassilao Tiranno di Reggio” di Gaetano Labate (prod. indipendente, Reggio Calabria); Premio Speciale della Giuria a “Flying over Everest” di Fabio Toncelli (prod. SD Cinematografica, Roma) e Menzioni di Merito a: “La rivoluzione di Malevič” di Fabiola Giancotti (prod. FG SR, Milano), “Il costruttore di zampogne Andrea Pisilli” di Pietro Silvestri (prod. CMAJ, Roma) e “Wind in the silence of dust” di Ramtin Lavafipour (prod. Pishro Film, Tehran/Iran);

per la sezione cortometraggi:

1° classificato “Chora” di Lorenzo Adorisio (prod. indipendente, Roma); 2° classificato “Senza tempo” di Antonio Bellia e Giacomo Iuculano (prod. Eka Cult, Palermo); 3° classificato “Mai dove dovremmo essere” di Davide Mannella (prod. Fandango, Roma); Premio Speciale della Giuria a “Ottomilametri” di Nicola Vero, Aldo Rapè e Giuseppe Falagario (prod. Primaquinta/Frames Film Studio, Bari) e Menzioni di Merito a: “Luminaria” di Alvaro Giménez Sarmiento (prod. indipendente, Madrid/Spagna), “The carousel rite” di Zoltàn Gayer e Péter Molnàr (prod. Lonely Films, Budapest/Ungheria), “Spendo i soldi che non ho” di Daniela Ceselli (prod. indipendente, Roma), “Film piccante” di Antonio Malfitano (prod. indipendente, Cosenza), “Tutto brilla” di Massimo Cappelli (prod. I.A.V./Nuvola Film, Gorizia) e “Il giardino delle Esperidi” di Alessandro Capitani (prod. Avocado Pictures, Grosseto);

per la sezione lungometraggi:

1° classificato “Comunque mia” di Sabrina Paravicini (prod. Ravic Film, Roma); 2° classificato “Himoniatiki Nostalgia” di Costas Aenian (prod. Greek Film Center, Makrakomi/Grecia) che si è aggiudicato anche il Premio Speciale della Giuria; 3° classificato “Stile libero” di Stefano Giannuzzi (prod. Energia Cinetica, Roma); Menzioni di merito a: “Cicale assordanti” di Riccardo Micalizio (prod. B-movies, Roma) e “Un filo d’aria” di Francesco Pasqua (prod. indipendente, Siracusa).

Ad impreziosire la serata, che si è protratta fino a tarda notte anche per dare spazio a tutti, il docente universitario ed esperto di effetti visivi, virtual reality, modellazione 3D, editing e compositing Gianfranco Confessore, la signora Elisabetta Del Frate vedova di Carlo Simi (scenografo di Sergio Leone e figlia del direttore della fotografia Renato Del Frate), il violinista M° Maria Rosa Di Leo ed il flautista M° Vincenzo Diodati (che hanno musicato dal vivo i due film del MICS), l’imprenditore dello spettacolo Alfonso Renne, collaboratore dell’Agenzia Teatrale “Ariete Music” di Salvatore Gialdini di Morano Calabro, ed i numerosi finalisti giunti direttamente da varie parti d’Italia per il ritiro personale del proprio premio. [PRESS OFFICE]

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl