SANDRO RAVAGNANI UN REGISTA D'AUTORE FUORI DA OGNI SCHEMA IN UN FILM DALLA FORTE SENSIBILITA' INTERIORE

Chi si aspettasse di vedere un "action movie" o una commediola all'italiana a lieto fine o un cosiddetto film "panettone" o l'apologia noiosa di uno sport, non vada a vedere Dreamland.

Persone Alberto Sala, Nessuna, Sandro Ravagnani, Sigmund Freud
Luoghi United States of America, Ho
Argomenti music, composition

18/giu/2011 08.11.47 WBE NEWS Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
"Come suol dirsi, ogni scarrafone è bello per la sua mamma!”“
Detto questo, è bene che qualcuno provi a vedere la trave che ha nell’occhio piuttosto che il moscerino nell’occhio altrui, ovvero sarebbe opportuno fare uno sforzo in più per vedere cosa c’è sotto il vestito invece di soffermarsi solamente sul fatto che il vestito sia stirato col ferro da stiro classico o con quello a getti di vapore.
Ed è proprio questa la sensazione che ho avuto leggendo alcune recensioni sull’opera “prima” del regista Sandro Ravagnani per il film Dreamland e che mi spingono a scrivere questa nota.
Ho conosciuto Ravagnani alcuni anni fa, lo reputo un uomo intelligente con “l’aggravante” per questi tempi di essere un sognatore, che annovera nella sua esperienza professionale anni e anni di programmi televisivi come autore, uffici stampa di prestigio, incarichi istituzionali e tanto altro.
Il film Dreamland – La Terra dei Sogni, è figlio di tutto questo!
Chi si aspettasse di vedere un “action movie” o una commediola all’italiana a lieto fine o un cosiddetto film “panettone” o l’apologia noiosa di uno sport, non vada a vedere Dreamland.
Dreamland è un sogno, una consapevole intersecazione tra biografia, sogno, realtà, al di là dei confini spazio-tempo, una costante sequenza di episodi, ognuno di loro metafora di ideali nascosti nell’inconscio collettivo a firma Sigmund Freud.
Un’opera quasi metafisica, da interpretare:
troppo semplice e superficiale soffermarsi sulle evidenti distonie e sulle sfacciate ma solo apparenti incongruenze, ed è decisamente inesatto paragonarlo ad altri film del passato.
Il film può piacere o no ma sicuramente va fatto lo sforzo per interpretarlo, è un dovere intellettuale per chi ha l’onere della critica.
Didascalico; dissacrante dei concetti legati a certi sport, e volutamente concentrato su una “italianità” che si è persa nel tempo, con l’ispanico che ha l’accento lombardo, simbolo dei tanti personaggi volutamente scelti tra i “non attori” ma che per il regista idealizzano l’Italia multietnica, di quando gli emigranti che andavano a cercare fortuna all’estero, eravamo noi!!!
Il costante, quasi maniacale confronto tra il passato ed il presente; le puntigliose ricostruzioni degli anni”50, la fotografia curata e romantica, la colonna sonora anch’essa come dilatata nel tempo; i “pugni nello stomaco” delle immagini degli USA attuali e quelle “antiche” di elementari quasi rozzi allenamenti di due sportivi dell’epoca; il tutto compresso nella testa di un moderno motociclista benestante che durante un percorso stradale, metafora della vita, rivive le fasi più significative della propria esistenza, trasfigurate e strane come possono apparire, a volte, i ricordi.
Nessuna demagogia ma l’essenza prima degli ideali positivi come non se ne vedono più da tempo, in un crescendo di speranze che in un momento come questo di crisi mondiale non solo economica ma anche di principi, trasmette una semplice e sana voglia di vivere.
Alberto Sala – scrittore, giornalista-pubblicista
blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl