HERICH KOEBEL sabato 25 e domenica 26

06/feb/2006 01.43.22 immaginicinema Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°
Questa e-mail ti giunge perchè sei iscritto alla newsletter:
archivio immagini cinema
http://www.archivioimmaginicinema.com
°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°
Il Casinò online più amato della Rete, scommettiamo che vinci? Clicca qui:
http://www.mailextra.com/link.asp?ID=30
°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°
EURITMIA
Seminario intensivo
con HERICH KOEBEL
SABATO 25 DOMENICA 26 febbraio 2006
ORE 10/13 15/18
al Circolo della Margherita piazza dell'orologio
Via del Governo Vecchio 3
(piazza dell'orologio) Roma
TEL FAX 063017830 3385465301
WWW.immaginedellospettacolo.com DANIELADANESI@HOTMAIL.COM

CHE COSA E' L'EURITMIA ?
Questa particolare forma d'arte sviluppata da Rudolf Steiner ha essenzialmente a che fare con la parola e con il suono. Essa cerca di rendere visibile, attraverso precisi movimenti del corpo, ciò che di vivente risuona nella parola poetica (poesia) o nelle note di una composizione musicale. Così, per mezzo dell'elemento visibile, l'Euritmia svela le leggi spirituali che vivono nel linguaggio e nella musica. Quest'arte del movimento, insegna anche a mettere in relazione il corpo con lo spazio attraverso l'universo delle forme (cerchio, curve, rette, spirali, forme geometriche, lemniscate).Ogni gesto agisce nell'interiorità dell'anima, si ripercuote sia nel fisico, sia nella sfera complessa del sentimento, sia in quella spirituale di ogni essere umano.
Le iscrizioni al seminario di Herich Koebel sono aperte a nuovi allievi
sino all'esaurimento dei posti disponibili
EURITMIA
Seminario intensivo
con HERICH KOEBEL
SABATO 25 e DOMENICA 26 febbraio 2006
TEL FAX 063017830 3385465301
WWW.TEATRODELLAFORMA.IT DANIELADANESI@HOTMAIL.COM

CHE COSA E' L'EURITMIA ?
Questa particolare forma d'arte sviluppata da Rudolf Steiner ha essenzialmente a che fare con la parola e con il suono. Essa cerca di rendere visibile, attraverso precisi movimenti del corpo, ciò che di vivente risuona nella parola poetica (poesia) o nelle note di una composizione musicale. Così, per mezzo dell'elemento visibile, l'Euritmia svela le leggi spirituali che vivono nel linguaggio e nella musica. Quest'arte del movimento, insegna anche a mettere in relazione il corpo con lo spazio attraverso l'universo delle forme (cerchio, curve, rette, spirali, forme geometriche, lemniscate).Ogni gesto agisce nell'interiorità dell'anima, si ripercuote sia nel fisico, sia nella sfera complessa del sentimento, sia in quella spirituale di ogni essere umano.
Le iscrizioni al seminario di Herich Koebel sono aperte a nuovi allievi sino all'esaurimento dei posti disponibili
SCHEDA DI ISCRIZIONE seminario di euritmia
tenuto da heinrich koebel
sulla ricerca della libertà
partecipante _____________________________
TEL:______________CELLULARE_______________
e mail_________________________
COSTO DEL CORSO EURO 70
FIRMA DELL'ALLIEVO ________________________
CONSEGNARE LA SCHEDA ALL'INCARICATO del teatro
o inviare per a danieladanesi@hotmail.com
per ricevuta iscrizione...............

CHE COSA E' L'EURITMIA

Questa particolare forma d'arte sviluppata da Rudolf Steiner all'inizio del XX° secolo ha essenzialmente a che fare con la parola e con il suono. Essa cerca di evidenziare e rendere visibile, attraverso precisi movimenti del corpo, ciò che di vivente risuona nella parola poetica (poesia) o nelle note di una composizione musicale. Vale a dire, quindi, scoprire da che cosa è costituita la parola e, per quel che riguarda la musica, individuare i nessi dinamici che esistono nei reciproci rapporti tra le note, esprimendo il tutto nel movimento.
Così, per mezzo dell'elemento visibile, l'Euritmia fa palesare le leggi spirituali e fenomenologiche che vivono nel linguaggio e nella musica.
Quest'arte del movimento sperimentata sia dagli adulti che dai bambini, insegna anche a mettere in relazione il corpo con lo spazio attraverso l'universo delle forme (cerchio, curve, rette, spirali, forme geometriche, lemniscate).

Per comprendere meglio il significato dell'Euritmia ci soffermeremo su questa riflessione fondamentale e cioè che ogni gesto agisce nell'interiorità dell'anima, si ripercuote sia nel fisico, sia nella sfera complessa del sentimento, sia in quella spirituale di ogni essere umano.
A GIOIA, MERAVIGLIA
E CHIUSURA, SONO IN ME STESSO IN OPPOSIZIONE AL MONDO
I MI PRESENTO- CONSAPEVOLEZZA
O AMORE - ACCOGLIENZA - ABBRACCIO
U DARE UN DONO CON LA SPERANZA CHE VENGA ACCETTATO
B MANTELLO
D CALMA GRAVITA' SOLENNITA'
R RABBIA
M ANDARE VERSO IL MONDO- CONOSCERE IL MONDO
N SCOPRIRE QUALCOSA E RITRARSI - CURIOSITA'
L RACCOGLIERE E LASCIARE ANDARE
G APRIRE SUL MONDO ( SENTIRE GOMITI E SCAPOLE)
CH SOFFIO CHE ENTRA --FAR ARRIVARE IL MESSAGGIO AL MONDO FISICO
F POSSIBILITA' DI CREARE
S PURIFICAZIONE, L'IO DOMINA IL VELENO DEL SERPENTE E NE FA MEDICINA
H (ASPIRATA) GRANDE ASPETTATIVA- GRANDE GIOIA CHE ARRIVERA' PRESTO QUALCOSA
T IL PIU' ALTO MOMENTO CHE CI SI PUO' ASPETTARE NELLA VITA TERRENA - NON C'E' PIU' NIENTE DA CHIEDERE
V ONDA CHE CI ATTRAVERSA LE BRACCIA SEGUONO LE GAMBE ANCHE LE GINOCCHIA SI PIEGANO
PIANETI
SOLE COLORE BIANCO
LUNA COLORE LILLA ( POLSO DESTRO SUL SINISTRO
MARTE COLORE ROSO ( BRACCIA TESE SULLA TESTA, MANI PIEGATE SCENDONO DAVANTI E LA TESTA SEGUE)
MERCURIO COLORE GIALLO ( MANO DESTRA GIRA IN SENSO ORARIO IN ALTO)
VENERE COLORE VERDE ( MANO DESTRA OFFRE E SINISTRA GIRA IN BASSO- LEGAME TRA IL MONDO SPIRITUALE E QUELLO FISICO)
GIOVE COLORE ARANCIO ( MANO SINISTRA A PUGNO- LA MANO DESTRA GIRA INTORNO ALLA SINISTRA MUOVENDOSI LENTAMENTE)
Parabola
Un uomo guarda indietro alla successione degli eventi della sua vita, i quali gli si rivelano come strade percorse in passato, come "Impronte sulla sabbia". Vicino alle sue orme egli vede quelle di Dio e gli domanda: "Signore, come può essere che nei momenti di maggiore difficoltà nella mia vita, le tue impronte scompaiono sempre? Perché nei momenti in cui avrei avuto più bisogno di te, mi hai abbandonato? Il Signore ascoltò il lamento e rispose: "Vedi io non ti ho mai lasciato. Ogni volta che le mie impronte sparivano era perché ero dentro di te".
La rappresentazione
Sulla base di questa parabola è stata scritta la sceneggiatura e una composizione musicale che potesse sorgere sempre in corrispondenza con lo sviluppo della sceneggiatura.
Una figura divina e una umana, che si incontrano sul piano della parola e su quello del movimento. Tre figure in movimento formano di volta in volta l'atmosfera umana, poi di nuovo quella della figura divina, oppure l'atmosfera in sé. Come in una fiaba, le cinque figure insieme formano prima di tutto un tutto, affinché abbia luogo, fuori e dentro la propria anima, il dialogo tra Dio e l'uomo e l'incontro con la natura.
L'euritmia
Possiamo chiederci che cosa è l'euritmia. Osserviamo prima di tutto un elemento architettonico che si esprime nel rapporto di quest'arte con lo spazio, per esempio nei diversi atteggiamenti e nella disposizione dei gruppi. Il gesto euritmico produce forme simili a quelle delle arti plastiche, quando si modella nell'aria un suono musicale o un suono articolato. Per questo Rudolf Steiner ha definito l'euritmia da lui creata "un'arte plastica in movimento".I colori della pittura ritornano in quelli dei costumi, dei veli, delle luci sulla scena. Vivono anche in ogni interprete, nelle sensazioni colorate che dovrebbero accompagnare ogni esercizio. I suoni della musica vengono resi visibili dall'euritmia musicale e le parole dall'euritmia della parola. Ad ogni tonalità, ad ogni sonorità verbale corrisponde un gesto preciso in cui si dispiega il movimento tracciato dalla laringe e realizzato dagli altri strumenti del linguaggio e del canto. L'euritmia quindi è suono e parola visib!
ili. Praticando l'euritmia, l'organismo umano nella sua interezza diviene lo strumento di quest'arte. Lo spettatore di una rappresentazione euritmica, anche lui, viene stimolato in modo del tutto particolare. Limitandosi al ruolo di spettatore, si perde la cosa più importante. Dovrebbe unirsi così attivamente ad ogni gesto euritmico da penetrarvi in modo tale da farlo rinascere in sé. Quest'appello all'attività personale vale in un certo senso per tutte le arti, ma acquista nell'euritmia un accento particolare. Facendo rivivere tutte le arti, l'euritmia si ricollega all'arte primordiale dell'umanità che si esprimeva nella danza sacra dei templi. Anche questa danza riuniva tutte le arti. I gesti dei danzatori avvolti in vesti colorate e accompagnati dalla parola e dai suoni della musica, si dispiegavano nello scenario dell'architettura dei templi e delle loro statue. Gli uomini percepivano allora che quell'arte proveniva dagli dei. Essa era ideata e diretta dai sacerdoti.
Parabola
Un uomo guarda indietro alla successione degli eventi della sua vita, i quali gli si rivelano come strade percorse in passato, come "Impronte sulla sabbia". Vicino alle sue orme egli vede quelle di Dio e gli domanda: "Signore, come può essere che nei momenti di maggiore difficoltà nella mia vita, le tue impronte scompaiono sempre? Perché nei momenti in cui avrei avuto più bisogno di te, mi hai abbandonato? Il Signore ascoltò il lamento e rispose: "Vedi io non ti ho mai lasciato. Ogni volta che le mie impronte sparivano era perché ero dentro di te".
La rappresentazione
Sulla base di questa parabola è stata scritta la sceneggiatura e una composizione musicale che potesse sorgere sempre in corrispondenza con lo sviluppo della sceneggiatura.
Una figura divina e una umana, che si incontrano sul piano della parola e su quello del movimento. Tre figure in movimento formano di volta in volta l'atmosfera umana, poi di nuovo quella della figura divina, oppure l'atmosfera in sé. Come in una fiaba, le cinque figure insieme formano prima di tutto un tutto, affinché abbia luogo, fuori e dentro la propria anima, il dialogo tra Dio e l'uomo e l'incontro con la natura.
L'euritmia
Possiamo chiederci che cosa è l'euritmia. Osserviamo prima di tutto un elemento architettonico che si esprime nel rapporto di quest'arte con lo spazio, per esempio nei diversi atteggiamenti e nella disposizione dei gruppi. Il gesto euritmico produce forme simili a quelle delle arti plastiche, quando si modella nell'aria un suono musicale o un suono articolato. Per questo Rudolf Steiner ha definito l'euritmia da lui creata "un'arte plastica in movimento".I colori della pittura ritornano in quelli dei costumi, dei veli, delle luci sulla scena. Vivono anche in ogni interprete, nelle sensazioni colorate che dovrebbero accompagnare ogni esercizio. I suoni della musica vengono resi visibili dall'euritmia musicale e le parole dall'euritmia della parola. Ad ogni tonalità, ad ogni sonorità verbale corrisponde un gesto preciso in cui si dispiega il movimento tracciato dalla laringe e realizzato dagli altri strumenti del linguaggio e del canto. L'euritmia quindi è suono e parola visib!
ili. Praticando l'euritmia, l'organismo umano nella sua interezza diviene lo strumento di quest'arte. Lo spettatore di una rappresentazione euritmica, anche lui, viene stimolato in modo del tutto particolare. Limitandosi al ruolo di spettatore, si perde la cosa più importante. Dovrebbe unirsi così attivamente ad ogni gesto euritmico da penetrarvi in modo tale da farlo rinascere in sé. Quest'appello all'attività personale vale in un certo senso per tutte le arti, ma acquista nell'euritmia un accento particolare. Facendo rivivere tutte le arti, l'euritmia si ricollega all'arte primordiale dell'umanità che si esprimeva nella danza sacra dei templi. Anche questa danza riuniva tutte le arti. I gesti dei danzatori avvolti in vesti colorate e accompagnati dalla parola e dai suoni della musica, si dispiegavano nello scenario dell'architettura dei templi e delle loro statue. Gli uomini percepivano allora che quell'arte proveniva dagli dei. Essa era ideata e diretta dai sacerdoti.

danieladanesi@hotmail.com
Seminario intensivo
per la formazione dell'attore
La parola fUORI E DEnTRO LA SCENA
tenuto da daniela danesi
"
.. Solo nel linguaggio la forza individuale dell'io umano può trovare la sua espressione sonora e rendersi consapevole di sé.
Vivere nel respiro, creare forme nell'aria col bulino del fiato e sentire il
tremito, la sottile vibrazione della sostanza dell'aria e dell'etere,
sentire i toni maggiori e i toni minori, i più sottili intervalli nei
cambiamenti di tono che diventano improvvisamente percettibili..
Se consideriamo il linguaggio soltanto come mezzo per intenderci, come l'involucro di un contenuto intellettuale, artisticamente lo uccidiamo. I suoi
ritmi, le sue melodie, la plastica dei suoi contorni, l'architettura creata
dall'impeto delle sue linee, la metrica del suo incedere, talvolta risonante
talvolta dolce.tutto questo è vita e ricchezza per chi possiede la chiave
delle fonti del linguaggio." Marie Steiner Von Sivers


CHE COS'E' L'ARTE DELLA PAROLA

Un preciso modo di concepire il linguaggio sviluppato da Rudolf Steiner all'inizio del xx secolo.
L'intento principale è quello di contribuire all'armonizzazione di tutte le facoltà umane ( pensare, sentire e volere) attraverso un lavoro di consapevolezza del proprio essere.
Un parlare in modo artistico affinché si possa veramente "comunicare" qualcosa a chi ascolta.
Nelle esercitazioni pratiche si andrà a riscoprire coscientemente l'anima segreta e unica di ogni parola, di ogni singolo suono, di ogni vocale e consonante che la configura.
Lo studio delle configurazioni del linguaggio e del gesto, dei temperamenti umani, e una pratica del ritmo respiratorio adeguata costituiscono i fondamenti
dell'Arte della Parola che porta in sé un carattere universale valido in ogni tempo e per ogni essere umano.

Programma

Ascolto e coscienza del ritmo respiratorio
Esercizi di coordinamento e socializzazione
Il corpo nello spazio: euritmia
Esercizi per rendere plastici e flessibili gli organi
fonetici
Educazione all'uso corretto della voce
Arte della parola :studio dello spirito del
linguaggio, la vibrazione vivente della lettera,
la parola nello spazio, nel tempo, nei colori,
l'articolazione della sillaba, le configurazioni del
linguaggio, i quattro temperamenti
Educazione alla lettura
Studio della poesia lirica, epica, drammatica alla
luce dell'arte della parola e dell'euritmia
La parola ed il ritmo
L'emozione nella parola.
Corso di arte della parola secondo Rudolf Steiner ........ tenuto da Daniela Danesi .......... alla libreria Rinascita
via botteghe oscure 1 Roma tel/fax 063017830 3385465301
tutti i mercoledì dalle 17 alle 19

ci sono ancora alcuni posti, contattaci subito e passa voce tra i tuoi conoscenti inviaci un e mail o telefonaci al 3385465301 per avere informazioni e eventualmente iscrivere te e altri amici
dopo il successo dell'anno passato e dopo che diversi attori usciti dal corso tenuto da Daniela Danesi a Rinascita sono arrivati a recitare a piazza Trilussa nell'anniversario del poeta All'ombra profumata di un Caffè -Omaggio a Trilussa
a Rinascita si ricomincia con un corso non solo per attori secondo l'arte della parola
CHE COS'E' L'ARTE DELLA PAROLA Un preciso modo di concepire il linguaggio sviluppato da Rudolf Steiner all'inizio del xx secolo. L'intento principale è quello di contribuire all'armonizzazione di tutte le facoltà umane ( pensare, sentire e volere) attraverso un lavoro di consapevolezza del proprio essere. Un parlare in modo artistico affinché si possa veramente "comunicare" qualcosa a chi ascolta. Nelle esercitazioni pratiche si andrà a riscoprire coscientemente l'anima segreta e unica di ogni parola, di ogni singolo suono, di ogni vocale e consonante che la configura. Lo studio delle configurazioni del linguaggio e del gesto, dei temperamenti umani, e una pratica del ritmo respiratorio adeguata costituiscono i fondamenti dell'Arte della Parola che porta in sé un carattere universale valido in ogni tempo e per ogni essere umano. Programma Ascolto e coscienza del ritmo respiratorio Esercizi di coordinamento e socializzazione Il corpo nello spazio: euritmia Esercizi per render!
e plastici e flessibili gli organi fonetici Educazione all'uso corretto della voce Arte della parola :studio dello spirito del linguaggio, la vibrazione vivente della lettera, la parola nello spazio, nel tempo, nei colori, l'articolazione della sillaba, le configurazioni del linguaggio, i quattro temperamenti Educazione alla lettura Studio della poesia lirica, epica, drammatica alla luce dell'arte della parola e dell'euritmia La parola ed il ritmo L'emozione nella parola.

http://www.immaginedellospettacolo.com/euritmia.htm


°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°
www.mailextra.com - CENTINAIA DI NEWSLETTER GRATUITE!
LA NEWSLETTER IN EVIDENZA DI OGGI:
CINEMA
Aggiornamenti settimanali sulle attività della Titobros
Per iscriversi alla newsletter descritta clicca qui: http://www.mailextra.com/newsletter.asp?ID=9485
°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°
Per cancellarsi dal servizio di newsletter clicca qui:
http://www.mailextra.com/elimina.asp?ID=2113

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl