CINEMA: ALLARME CHIUSURA PICCOLE SALE,SOFFOCATI DA MULTISALE

CINEMA: ALLARME CHIUSURA PICCOLE SALE,SOFFOCATI DA MULTISALECINEMA: ALLARME CHIUSURA PICCOLE SALEVENERDÌ ATTORI E REGISTI ITALIANI A NUOVO TEATRO PER PROTESTA"SE MUORE UN CINEMA_ MUORE TUTTO IL CINEMA".

09/giu/2006 19.25.00 Cinema Nuovo Teatro Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
CINEMA: ALLARME CHIUSURA PICCOLE SALE
VENERDÌ ATTORI E REGISTI ITALIANI A NUOVO TEATRO PER PROTESTA
“SE MUORE UN CINEMA… MUORE TUTTO IL CINEMA".
Lo schermo è buio. Centinaia di piccoli cinema chiudono ogni anno in Italia. E la crisi non risparmia neanche le sale storiche delle grandi città. Registi, attori, produttori, esercenti, spettatori e addetti ai lavori del cinema: sono coloro che venerdì 9 giugno (ore 21.00) durante il «XXI Festival delle Cerase», si sono dati appuntamento al Cinema Nuovo teatro di Palombara Sabina in provincia di Roma per un incontro dal titolo significativo: «Se muore un cinema... muore tutto il cinema».
L'incontro è stato, infatti, organizzato per denunciare il rischio di chiusura per le piccole sale cinematografiche. E il buio incombe anche sul Cinema Nuovo Teatro di Palombara Sabina, famoso per il festival delle Cesare - la rassegna del cinema Italiano che quest’anno compie ventuno anni. «I piccoli cinema sono spettatori paganti destinati a soccombere. Le case di distribuzione ci uccidono pretendendo minimi garantiti da capogiro, che in teoria dovrebbero servire solo a coprire i costi delle copie dei film. Inoltre, vengono stampate sole poche copie, e vanno tutte in mano dei multisala» spiega Silvio Luttazi, titolare del cinema di Palombara. «È il momento che le piccole sale facciano sentire la loro voce nella battaglia, anche culturale, per la sopravvivenza. È il momento di dire basta alle agenzie di distribuzione che a distanza di quattro mesi dall’uscita di un film ci chiedono ancora i minimi garantiti. Non vogliamo concorrenza sleale o contributi. Il nostro sogno è di riuscire a guadagnare con gli spettatori in sala. Bisogna che le persone si rendano conto che una sala che muore fa morire il cinema stesso perché disperde la cultura e il rapporto sociale e storico con il grande schermo» continua Luttazi. Dello stesso parere il delegato nazionale dei piccoli esercizi dell'Agis (Associazione generale italiana dello spettacolo), Silvio Nalesso: «Sembra quasi che ci sia in atto una strategia per far chiudere i piccoli cinema».
Nel corso della serata verrà presentata anche la sceneggiatura del corto “The end” di Roberto Di Sante sulle speranze e le angosce di un cinema di provincia.
Il problema della chiusura dei cinema è talmente evidente anche nella Capitale che il Comune di Roma ha deciso di offrire ai proprietari delle "ex sale" gli strumenti per convertirle ad altre attività, con un bando per recuperare i cinema dismessi di Roma.

PER INFORMAZIONI
Tel - Fax 0774/637305
Palombara Sabina (RM)
Nuovo Teatro
Via Isonzo, 44
Cap: 00018








blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl