Programma di proiezioni e incontri al Cinema Trevi (1-9 marzo 2014)

24/feb/2014 12.26.56 Centro Sperimentale di Cinematografia Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Programma della prima settimana di Marzo:  proiezioni e incontri al Cinema Trevi - Cineteca nazionale

 

 

1-2 marzo

L’invenzione cinematografica. Donne che scrivono personaggi

 

La Società Italiana delle Letterate e la Cineteca Nazionale organizzano una breve rassegna sulla scrittura filmica delle donne. Attraverso la visione e la discussione del lavoro di alcune sceneggiatrici italiane si vuole mettere in luce la peculiarità del rapporto autrice/personaggia (tematica che la SIL sta sviluppando da alcuni anni) per verificare il valore aggiunto che tale costruzione può rappresentare anche in campo cinematografico. Tra i molti percorsi che il cinema offre, ci si soffermerà su due in particolare: la scrittura amorosa e il mondo del lavoro.

Ingresso ridotto per i membri della Società Italiana delle Letterate

 

sabato 1 marzo

Scritture d’amore

 

ore 16.30 Il dolce rumore della vita di Giuseppe Bertolucci (1999, 93’)

 

ore 18.10 Incontro moderato da Giuliana Misserville

con Lucilla Albano, Pina Mandolfo, Lidia Ravera

     

ore 19.40 Viola di mare di Donatella Maiorca (2009, 107’)

ore 21.40 La bestia nel cuore di Cristina Comencini (2005, 121’)

       

domenica 2 marzo

Donne che lavorano

 

ore 17.00 La signora senza camelie di Michelangelo Antonioni (1953, 102’)  

 

ore 19.00 Incontro moderato da Giuliana Misserville

con Wilma Labate, Costanza Quatriglio

      

ore 20.30 Signorinaeffe di Wilma Labate (2008, 95’)

ore 22.10 Mi piace lavorare - Mobbing di Francesca Comencini (2003, 89’)

 

martedì 4 marzo

Pasolini: la fine (non) è nota

 

Il 5 marzo Pier Paolo Pasolini avrebbe compiuto 92 anni, ma è impensabile immaginarlo anziano, scolpito dagli anni, più di quanto i suoi sofferti 53 anni fossero impressi sul suo viso, in quell’ormai lontano 1975, al quale idealmente torniamo dopo il poetico omaggio con La ricotta e Che cosa sono le nuvole?. Il 1975 di Salò o le 120 giornate di Sodoma e il 1975 come ultimo anno di vita, raccontato minuziosamente dal regista e produttore Federico Bruno nell’inedito Pasolini, la verità nascosta, film senza distribuzione, inesorabilmente rimosso.

 

ore 17.00 La ricotta di Pier Paolo Pasolini (ep. di Ro.Go.Pa.G., 1963, 36’)

 

a seguire Che cosa sono le nuvole? di Pier Paolo Pasolini (ep. di Capriccio all’italiana, 1968, 21’)

 

ore 18.30 Salò o le 120 giornate di Sodoma di Pier Paolo Pasolini (1975, 116’)

 

ore 20.45 Incontro moderato da Sergio Bassetti

con Federico Bruno, Alberto Testone, Marcello Maietta

e altri attori del film

 

a seguire Pasolini, la verità nascosta di Federico Bruno (2013, 132’)

Anteprima Nazionale - Ingresso gratuito

 

5-7 marzo

Giovani, preparati e disoccupati. Europa e lavoro

 

In occasione del Mercoledì delle Ceneri, la Fondazione Konrad Adenauer, in collaborazione con il Centro Sperimentale di Cinematografia-Cineteca Nazionale e in accordo con l’Ambasciata di Grecia a Roma, ha scelto di interrogarsi sugli effetti della crisi economica sulle generazioni future.

L’Europa è ancora nella crisi economica più profonda che abbia mai attraversato. A farne le spese sono soprattutto i giovani, che siano superspecializzati o meno. Da Rotterdam a Ragusa trovare lavoro è un’impresa, spesso decisamente impossibile. Il problema è grave, perché al rischio sopravvivenza si unisce l’impoverimento delle capacità professionali: meno si è occupati, meno occasioni di crescita si hanno. Eppure molti giovani e giovanissimi sono bravi, ricchi di potenzialità, persone speciali che chiedono solo di poter esprimere il proprio valore. Una condizione trasversale perché, appunto, l’Europa tutta sta combattendo la stessa battaglia per ritrovare compattezza, forza, abilità di imporsi e uscire dalla crisi.

Il cinema, come spesso accade, nelle ultime stagioni si è fatto specchio degli eventi. Una lente d’ingrandimento in grado di mettere a fuoco contesti particolari, situazioni generali, casi emblematici. Non fanno eccezione i film scelti per l’annuale appuntamento promosso dalla Fondazione Adenauer: tre titoli significativi che declinano, ognuno a modo suo, il tema della condizione giovanile in Europa. Accanto alle anteprime, alcuni titoli italiani che in passato o in anni più recenti hanno affrontato il tema del lavoro.

Rassegna a ingresso gratuito

 

mercoledì 5 marzo

 

ore 18.00 tavola rotonda

“Giovani, preparati e disoccupati. Europa e Lavoro”

partecipano: Salvatore Pirrone, Direttore generale per le politiche attive e passive del lavoro presso Ministero del Lavoro e Politiche Sociali; Mario Toso, Segretario del Pontificio Consiglio Giustizia e Pace; Maria Immacolata Macioti, professoressa di Sociologia presso l’Università “La Sapienza” e responsabile della rivista «The Sociological Critique»; Chiara Nardiello, educatrice; Thanos Anastopoulos, regista

 

 

ore 20.30 Incontro moderato da Luca Pellegrini e Angela Prudenzi

con Thanos Anastopoulos

 

a seguire I Kori di Thanos Anastopoulos (La figlia, 2012, 87’)

 

giovedì 6 marzo

 

ore 16.30 Il posto di Ermanno Olmi (1965, 98’)

ore 18.30 Impiegati di Pupi Avati (1985, 97’)

 

ore 20.30 Incontro moderato da Luca Pellegrini e Angela Prudenzi

con Leopold Grün, Dirk Uhlig

 

a seguire Am Ende der Milchstraße di Leopold Grün e Dirk Uhlig (Alla fine della Via Lattea, 2012, 93’)

 

venerdì 7 marzo

 

ore 16.30 Padre e figlio di Pasquale Pozzessere (1994, 95’)

ore 18.30 Tutta la vita davanti di Paolo Virzì (2008, 89’)

 

ore 20.30 Incontro con il regista moderato da Luca Pellegrini e Angela Prudenzi con Maurizio Zaccaro

 

a seguire Come voglio che sia il mio futuro? di Maurizio Zaccaro (2012, 70’)

 

8-9 marzo

 

La sottile linea rosa: appuntamenti con il cinema delle donne. R-Esistenze

 

La lotta partigiana vissuta dalle donne e da loro conservata nella memoria e narrata nel presente. Punto di svolta, di non ritorno, in un cammino di liberazione forse non ancora compiuto. La città di Rosarno osservata prima che diventasse un caso mediatico e indagata nella quotidiana sopravvivenza di “migranti” e “nativi”, entrambi sospesi in una terra di nessuno che sembra al di fuori della Storia e che invece ne è il cuore. Due amiche moldave, un lavoro in Italia, gli affetti lontani: una storia tutta al femminile come tante in Italia, in un film che indaga sulla maternità, la fuga dalla solitudine, la ricerca della propria “casa”. E poi ancora l’incontro (im)possibile tra due donne, un’italiana e una straniera, osservato in chiave esistenziale. E l’educazione sentimentale di una giovane adolescente prima dello sbarco sulla luna, divisa tra impegno politico, emancipazione e sogni di libertà e amore. Per finire con il ritratto di tutta una generazione attraverso tre storie di donne fra gli anni Sessanta e Settanta del Novecento. Uno sguardo al passato, ma anche al presente, con i corti di tre registe diplomate al Centro Sperimentale di Cinematografia. La società italiana vista attraverso occhi femminili e racconti di straordinarie esistenze e quotidiane resistenze.

Programma a cura di Maria Coletti

Un ringraziamento a Carmen Accaputo, Maura Delpero, Silvia Folchi e Andrea Peraro per la preziosa collaborazione

 

sabato 8 marzo

 

ore 17.00 Incontro con Anna Reiter e Claudio Silingardi

(Direttore Istituto Nazionale per la Storia del Movimento di Liberazione in Italia)

 

a seguire Le ragazze di Montefiorino di Anna Reiter (2012, 50’)

In collaborazione con Regione Emilia-Romagna, A.N.P.I., Arci, Istituto Storico Modena

 

a seguire I giorni narrati di Silvia Folchi e Annamaria Frau (1994, 42’)

In collaborazione con Videodocumentazioni

 

ore 19.00 Rosarno di Greta De Lazzaris (2013, 70’)

In collaborazione con Greta De Lazzaris, Antonio Pezzuto, Mazzino Montinari e Mario Raoli

 

a seguire Incontro con Greta De Lazzaris

 

ore 21.00 Nadea e Sveta di Maura Delpero (2012, 62’)

In collaborazione con Miramontefilm e Cineteca di Bologna

Giornata a ingresso gratuito

 

domenica 9 marzo

 

ore 17.00 Cloro di Laura Plebani (2012, 11’)

 

a seguire Come l’ombra di Marina Spada (2006, 87’)

ore 19.00 Le cose che si perdono di Camilla Ruggiero (2004, 30’)

 

a seguire Vogliamo anche le rose di Alina Marazzi (2007, 85’)

 

ore 21.00 Il linguaggio dell’amore di Susanna Nicchiarelli (2003, 15’)

 

a seguire Cosmonauta di Susanna Nicchiarelli (2009, 85’)

 

Cinema Trevi, vicolo del puttarello, 25 – Roma  - ingresso 4 euro, ridotti 3 euro – abbonamento 10 ingressi 20 euro

 

 

Susanna Zirizzotti

Ufficio stampa  

Centro Sperimentale di Cinematografia

via Tuscolana, 1520 - 00172 Roma

tel. 06.72294260   cell. 3391411969

susanna.zirizzotti@fondazionecsc.it - susanna.zirizzotti@gmail.com

mailfax: cscfax_press@fondazionecsc.it

 

TUTELA DELLA PRIVACY

Gli indirizzi e-mail presenti nel nostro archivio provengono da contatti personali o da elenchi e servizi di pubblico dominio o pubblicati. In ottemperanza della Legge 675 del 31/12/96 così come modificata dal decreto legislativo 196 del 30/06/2003, per la tutela delle persone e di altri soggetti rispetto al trattamento di dati personali, in ogni momento è possibile modificare o cancellare i dati. Nel caso le nostre comunicazioni non fossero di vostro interesse, sarà possibile evitare ulteriore disturbo, rispondendo a questa e-mail e specificando l'indirizzo o gli indirizzi da rimuovere e come oggetto del messaggio “Cancellazione Nominativo”.

 

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl