UNA LUCE BIANCA il nuovo film di Alberto Nacci

28/ott/2014 09.11.36 AJP art joins people Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

COMUNICATO STAMPA


Bergamo, Auditorium P.zza della Libertà

venerdì 27 Novembre 2014 ore 20,30


In apertura del Festival Internazionale Parentesi Cinema 

Presentazione fuori concorso

del nuovo film di Alberto Nacci

UNA LUCE BIANCA


interverranno

Dr. Giuseppe Remuzzi (scienziato)

Don Lorenzo Testa (teologo)

Dr. Francesco Biroli (neurochirurgo)

Alberto Nacci (regista)

 

SINOSSI

Marcello S. é un giovane sportivo, gioca a rugby, pallanuoto, ama il calcio e ha sempre seguito con passione la sua squadra del cuore: l'Atalanta.Un giorno la sua vita subisce una brusca "sterzata": un forte mal di testa é il segnale di qualcosa che non va per il verso giusto. Poche ore dopo era in sala operatoria per un intervento chirurgico al cervello. Purtroppo dopo il risveglio dall'anestesia i medici si accorgono che bisogna ritornare in sala operatoria per una complicazione. Da quel momento Marcello entra in coma e per 52 giorni mamma Ines, papà Luigi, la sorella Carolina e i più fedeli amici diventano i partners dello staff medico del reparto di neurochirurgia dell'Ospedale Maggiore di Bergamo: il silenzio, la preghiera, le lunghe attese nei corridoi dell'ospedale si trasformano in "energia pura" che cerca di strappare Marcello al buio, per restituirgli la gioia di vivere che l'aveva sempre accompagnato, nei frequenti viaggi all'estero, nell'attività sportiva, nella curva Nord durante le partite dell'Atalanta...

Una energia "contagiosa" che ha preso la forma del grande striscione TIENI DURO MARCELLO esposto allo stadio durante i suoi giorni in coma, nel corso di una partita della sua squadra del cuore. E questa energia (con l'insostituibile competenza dei medici) ha prodotto l'effetto desiderato: poche ore dopo che l'anestesista aveva confidato ai genitori la preoccupazione che Marcello potesse non risvegliarsi più … all'improvviso esce dal coma!

Da quel momento il sorriso ha preso il posto della tristezza nel volto di tutti coloro che hanno vissuto questa dolorosa vicenda che ... oggi sembra un brutto sogno! Marcello aveva perso quasi completamente l'uso della parte destra del corpo e grazie all'amore dei suoi congiunti (e ad un eccezionale programma di riabilitazione) oggi vive in modo autonomo in un appartamento a Bergamo, lavora, nuota in piscina, ha una vita di relazione ed è tornato allo stadio a tifare per la sua Atalanta!

In questo film lo sport (il calcio in particolare) viene presentato come aggregatore di sentimenti nobili, di amicizia, solidarietà e rispetto per i sentimenti altrui. Gli amici dell’Atalanta sono stati importanti per Marcello. I loro silenzi (seduti per terra nei corridoi dell’ospedale) erano un canto d’amore per un amico che viveva fra la vita e la morte.

Questo docu-film vuole racconta questa storia coinvolgendo i suoi protagonisti. Il linguaggio filmico é sobrio, con una particolare attenzione ai dettagli, agli spazi fra le parole, al significato dei silenzi, agli sguardi intensi di chi rivive momenti dolorosi ma... con la consapevolezza che tutto andrà per il verso giusto.

E' una storia a lieto fine (che prelude ancora a nuovi progressi nella qualità della vita di Marcello...) che può essere di esempio per quanti non trovano oggi la forza di reagire a vicende della vita in cui può sembrare che tutto sia destinato al peggio.

La grande forza di Marcello e delle tante persone che l'hanno aiutato in questi anni (i familiari, gli amici, lo staff medico e paramedico...) sono un’eccezionale testimonianza della possibilità di cambiare il corso della propria vita anche quando sembra che tutto ci crolli addosso.

 

UNA LUCE BIANCA

scritto e diretto da
Alberto Nacci

 

con la partecipazione di Marcello Salvi, Ines Salvi, Carolina Salvi, Luigi Salvi, Giovanni Colombo, Stefano Zambelli, Paolo Gervasoni

musiche di P.Osterberg, G.Narholz, J Newmann, J.Epping, M.Franko

 

girato presso

ajpstudios (Dalmine, BG)

Centro Sportivo di Brembate Sopra (BG)

Azienda Ospedaliera Papa Giovanni XXIII di Bergamo

USC Riabilitazione Specialistica di Mozzo (BG)

 

durata 18'

 

editing e montaggio presso ajpstudios (suoni&visioni)

 

prodotto da Alberto Nacci / ajpstudios

 

Alberto Nacci vive e lavora a Bergamo dal 1982. Già docente di Progettazione Sonora alle Accademie di Belle Arti di Bergamo e Brescia, dopo una lunga attività di musicista con numerose produzioni discografiche e una ricca attività concertistica si é dedicato alla produzione di documentari di arte e cultura, filmati industriali e didattici e opere di videoarte ricevendo numerosi riconoscimenti a livello internazionale. I suoi lavori sono apprezzati in Italia e all’estero e selezionati in alcuni fra i più importanti festival del cinema e della ­­­­videoarte in Europa, Usa, Asia. Ha partecipato, in rappresentanza dell’Italia, a EURONIGHT08, evento internazionale di videoarte proposto dall’Istituto Italiano di Cultura a Toronto. Con il cortometraggio THE COLOURS OF BLACK ha vinto il Chicago Short Film Festival (art direction) e ricevuto la Mention Spéciale du Jury al Festival du Cinema de Paris. Con THE MOVING TOWN é stato selezionato al 61° Festival du Film Locarno, ha ricevuto la Mention Spéciale du Jury al Festival du Cinema de Bruxelles, ha vinto il Philadelphia Documentary & Fiction Film Festival (per la miglior regìa), ha vinto il Festival de Cine Internacional de Barcelona (miglior fotografia), ha vinto Alaska International Film Award (miglior video musicale), ha ricevuto la Nomination (per il miglior cortometraggio) all’International Filmaker Festival (Kent, UK) ed è stato presentato nella mostra “Parallel Worlds” nell’ambito delle iniziative collaterali alla 53^ Mostra Biennale di Venezia. Con QUIPPE DANCE ha vinto il Philadelphia Documentary & Fiction Film Festival (per il miglior montaggio) e ricevuto la Special Mention of Jury al Punta del Este International Film Festival (Uruguay) ed é stato selezionato per l'evento The Best 6 Short Film in the World al Mar de La Plata International Film Festival. Il documentario TRA LA TERRA E IL CIELO - Mario Botta, Chiesa a Seriate ha fatto parte del percorso espositivo della grande mostra Mario Botta, Architetture 1960-2010 al Mart di Rovereto ed é stato presentato con successo alla GAMeC di Bergamo, alla TRIENNALE di Milano e su RAI 5 (CoolTour). Ha presentato il film L'Arte della Calcografia al Museo Nazionale di Torino, al MAX Museo di Chiasso, all'Accademia di Belle Arti di Brera (MI), all'Accademia Carrara di Belle Arti (BG). Al Palazzo Ducale di Genova ha presentato le opere video Hands to Jill e Handmade by Chris realizzate con la fotografa americana Jill Mathis e lo scultore inglese Chris Gilmour.

Il suo filmato Il Giardino della Pace fa parte del percorso espositivo del Padiglione Italia nella 14^ Biennale Architettura di Venezia.

Dal 1996 é titolare di ajpstudios (suoni&visioni), specializzato nella produzione di documentari di arte e cultura, opere di videoarte e filmati di industrial-art come strumenti di comunicazione d'impresa.

Ulteriori info su www.albertonacci.it e su Wikipedia.

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl