Teatro delle Passioni, Modena

13/mar/2007 16.49.00 immaginicinema Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°
Questa e-mail ti giunge perchè sei iscritto alla newsletter:
archivio immagini cinema
http://www.archivioimmaginicinema.com
°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°
PERDERE PESO? CONTROLLA IL TUO PESO IN MODO SEMPLICE. FACILE COME CONTARE FINO A TRE! PER INFORMAZIONI CLICCA QUI: http://www.mailextra.com/link.asp?ID=32
°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°
Teatro delle Passioni, Modena
SCHERZO, SATIRA, IRONIA E SIGNIFICATO PROFONDO
di Marco Martinelli
riscrittura da SCHERZ, SATIRE, IRONIE, UND TIEFERE BEDEUTUNG
di Christian Dietrich Grabbe
regia Marco Martinelli
con Alessandro Argnani, Luigi Dadina, Cinzia Dezi, Luca Fagioli, Marco Fariselli, Roberto Magnani, Michela Marangoni, Ermanna Montanari, Massimiliano Rassu, Laura Redaelli, Alessandro Renda
Teatro delle Albe / Ravenna Teatro
Dopo le riscritture dei "classici" del teatro (ricordiamo tra queste All'Inferno!, "affresco da Aristofane" che ha vinto il Premio Ubu per la drammaturgia nel 1996, e I Polacchi, da Alfred Jarry, spettacolo "cult" e successo internazionale dell'ultimo decennio), Marco Martinelli si appropria di una caustica favola di Christian Dietrich Grabbe, drammaturgo tedesco del primo Ottocento.
A proposito della sua unica commedia, Scherzo, satira, ironia e significato profondo, Grabbe disse che era stata scritta per provocare il riso, specificando che si trattava di "un riso di disperazione". La storia del diavoletto che viene sfrattato dall'Inferno in ristrutturazione e catapultato in una terra per lui gelida, dove si darà al commercio di fanciulle, si intreccia con l'immagine tutta metaforica di un'ipotetica azienda dei giorni nostri, dedita al commercio di ragazze in valigia creando l'affresco di una società corrotta e priva di ogni scrupolo morale. A questo humour anarchico e ribelle si aggancia la scrittura di Martinelli per costruire una farsa "nera", sguardo politico sul paesaggio dell'occidente contemporaneo.
per informazioni e prenotazione biglietti:
biglietteria telefonica dal lunedì al venerdì h. 9/13 tel.059.2136021
biglietteria dei Teatri, Via Scudari, 28 41100 Modena tel.059.2032993
www.emiliaromagnateatro.com
Resta confermata anche per questa stagione la vendita di biglietti last minute on line, per gli spettacoli programmati nei Teatri Storchi e Passioni di Modena. Collegandosi al nostro sito (alla pagina vendita on line), lo stesso giorno della rappresentazione, si potranno acquistare i biglietti con il 50% di riduzione sul prezzo intero.
EMILIA ROMAGNA TEATRO FONDAZIONE


MISSION



Mantenere costantemente un doppio sguardo sul mondo teatrale, da una parte rivolto alle esigenze creative facendo in modo che esse possano trovare un luogo di lavoro dove crescere in libertà, dall'altra per fare in modo che lo spettatore trovi corrispondenza e coinvolgimento nel suo incontro con la produzione artistica.



Condividere sogni e progetti di artisti, mantenendo un'attenzione per il nuovo, costruire un sistema di vasi comunicanti aperto alle sollecitazioni che nascono dal territorio.



Progettare invece di programmare, solo facendo perno sui progetti si può condivide quello che emerge dal lavoro artistico, per trasformarlo nel rapporto con lo spettatore.



Sviluppare il ruolo di Teatro Stabile Pubblico della Regione Emilia Romagna, con una forte azione rivolta al radicamento territoriale, in rapporto con i Teatri, con gli spettatori e con gli artisti. Salvaguardando la funzione di interlocutore attivo sia sul piano nazionale, che internazionale con proposte di produzione, di formazione e più in generale di cultura teatrale.




STORIA



Teatro Stabile Pubblico Regionale
Emilia Romagna Teatro Fondazione, Teatro Stabile Pubblico dell'Emilia-Romagna, è attivo fin dal 1977 come settore di prosa dell'ATER. Nel 1991 si è costituito in un organismo autonomo per volontà della Regione e del Comune di Modena; nell'aprile 2001, dopo un percorso che ha portato all'allargamento a nuovi soci, si è definito come Fondazione con un nuovo Statuto. Nell'ottobre 2001 sono stati insediati i nuovi organi di gestione nella continuità della Direzione artistica: Consiglio Generale, Consiglio di Amministrazione, Collegio dei Revisori dei conti. Dal maggio 1994 è diretto da Pietro Valenti.



Le sedi
Le sedi di produzione di Emilia Romagna Teatro Fondazione sono il Teatro Storchi (a partire dal 1991) e il Teatro delle Passioni (dal 1999) a Modena e, dal 2001, il Teatro Bonci a Cesena.



La produzione
L'Ente è prima di tutto un centro di produzione teatrale. Con all'attivo oltre 80 spettacoli prodotti, svolge la propria attività in due direzioni fondamentali: la collaborazione con i registi da un lato e, dall'altro, la ricerca di tipologie spettacolari e spaziali alternative alla grande sala, all'insegna di un incontro con un pubblico diversificato e complesso. Un pubblico inteso come soggetto partecipe, cui fornire un servizio portando in città le migliori proposte del panorama nazionale, ma anche come soggetto mobile, cui suggerire stimoli che escano dalle consuetudini. Tra i numerosi registi che in questi ultimi anni hanno collaborato con Emilia Romagna Teatro vi sono Giancarlo Cobelli, Pippo Delbono, Cesare Lievi, Thierry Salmon, Federico Tiezzi, Enrique Vargas, Bob Wilson.



La gestione e la programmazione dei teatri
L'Ente programma le Stagioni dei già citati teatri di Modena e di Cesena, e inoltre gestisce attraverso rapporti in convenzione le attività e le Stagioni di altri dieci spazi in Regione, adattando la proposta culturale a diverse tipologie di teatri: Teatro Dadà di Castelfranco Emilia, Teatro della Regina di Cattolica, Teatro Asioli di Correggio, Auditorium Enzo Ferrari di Maranello, Teatro Nuovo di Mirandola, Teatro Barattoni di Ostellato, Teatro Walter Mac Mazzieri di Pavullo, Nuovo Cinema Teatro Italia di Soliera, Teatro Testoni di Casalecchio di Reno e Teatro Petrella di Longiano.
I cartelloni delle ultime stagioni hanno riguardato vari generi ed epoche senza mai abbandonare la qualità delle proposte, data dallo spessore degli interpreti e della direzione, ma anche dalla scelta dei soggetti, che spaziano nei patrimoni drammatici delle diverse culture.
Le rassegne di teatro-ragazzi e teatro-giovani consentono inoltre un progressivo e arricchente rapporto con il teatro fin dall'infanzia.


Rapporti internazionali
Un momento importante di rapporto con il palcoscenico internazionale è costituito da Le vie dei festival, l'appuntamento autunnale che a Modena ospita alcune delle proposte più interessanti dei festival estivi italiani e stranieri e presenta eventi spesso al loro debutto nel nostro Paese, mescolando generi e lingue e proponendo esperienze di grande teatro, senza dimenticare realtà italiane di ricerca. Tra i numerosi artisti ospiti delle passate edizioni vanno ricordati almeno Peter Brook, Lev Dodin, Alain Platel, Philip Glass, Carmelo Bene, Joseph Chaikin, Mathilde Monnier, Meg Stuart, Rodrigo Garcìa.
Nelle ultime stagioni gli spettacoli prodotti sono stati invitati ai Festival di Avignone, Berlino, Barcellona, Madrid, Mosca, Zurigo, Bruxelles, Amsterdam, Berlino, Leuven.
Nel 2000 la Regione Emilia-Romagna ha incaricato Emilia Romagna Teatro di collaborare alla riapertura, sia dal punto di vista strutturale che organizzativo ed artistico, del Teatro Mijeni di Scutari (Albania).



La formazione
Una parte importante e innovativa dell'attività di Emilia Romagna Teatro Fondazione è la formazione.
Dal 2000 Emilia Romagna Teatro è stato riconosciuto dalla Regione Emilia-Romagna come ente di formazione accreditato. I suoi progetti di formazione sono rivolti a formare "sul campo" giovani aspiranti attori offrendo loro la possibilità di una promozione e di uno sbocco professionale.
I progetti, finanziati dal Fondo Sociale Europeo - Regione Emilia Romagna, attualmente in essere sono due.



Teatro ragazzi e giovani
L'attenzione verso la formazione si esprime anche attraverso la produzione di spettacoli per i più giovani e l'intensa programmazione di Teatro ragazzi e giovani. La stagione di Teatro rivolta alle scuole ha raccolto interesse e partecipazione sempre rinnovati ed ha portato in questi anni a Modena e negli altri teatri della regione compagnie e progetti tra i più interessanti e qualificati in Italia. L'attività produttiva e di ospitalità si arricchisce di proposte per i ragazzi e per gli insegnanti tese a sviluppare gli strumenti di lettura e di fruizione dei linguaggi del teatro: laboratori, seminari, stage, conferenze si confrontano con il teatro "visto" disegnando sempre nuove prospettive e sguardi differenti.
Il progetto Teatro ragazzi e giovani per la città di Modena si articola in:
· Storie a teatro e bambini: rassegna di teatro per le scuole che coinvolge bambini e ragazzi dai 3 ai 14 anni.
· Teatro giovani: la rassegna offre l'occasione alle Scuole Superiori di assistere ad una selezione degli spettacoli proposti nella stagione del Teatro Storchi e del Teatro delle Passioni ad un prezzo agevolato, in orario pomeridiano. Strumento privilegiato di lettura e di analisi degli spettacoli proposti è da alcuni anni La scuola dello Sguardo. Il progetto si articola in una serie di attività, fra loro correlate, indirizzate essenzialmente all'approfondimento della cultura teatrale degli insegnanti, all'avvicinamento degli studenti alla conoscenza del teatro ed alla preparazione di idonei strumenti di documentazione del
lavoro teatrale, con particolare attenzione alle forme di trasmissione della conoscenza di un'arte vivente.
· La domenica non si va a scuola: rassegna domenicale di spettacoli per famiglie, si sviluppa tra Novembre e Marzo. Gli spettacoli sono rivolti ad un pubblico di giovanissimi ma sono pensati perché possano essere un momento vissuto assieme ai famigliari. Tre generazioni (genitori - figli - nonni) si incontrano a teatro per condividere un pomeriggio "alternativo".
· Teatro di classe: è una rassegna nata per dare visibilità all'attività teatrale svolta nelle Scuole Medie e Medie Superiori di Modena e Provincia; un progetto che vede alunni ed insegnanti protagonisti del palcoscenico; un esempio di educazione alla fruizione del teatro nei luoghi del teatro, un momento di aggregazione, di confronto e di crescita culturale.


Le attività culturali
Un'azione importante di stimolo culturale viene svolta dall'Ente in merito all'intreccio tra le diverse discipline del sapere: in questo ambito ormai consolidata è la rassegna VivaVoce (realizzata assieme alla Fondazione San Carlo di Modena), che ospita letture di testi non drammatici per i quali l'ascolto si evidenzia come prima fonte del sapere, e si rivelano luoghi di esperienza vitale i laboratori di approfondimento narrativo realizzati in collaborazione con le biblioteche.
La collaborazione con l'Arci di Modena ha dato vita, ormai 8 anni fa, a Teatro per amore, rassegna di gruppi teatrali di base.
Assieme a partners internazionali, e con il contributo della DG V° della Commissione Europea, Emilia Romagna Teatro ha svolto e svolge ricerche sulla cultura e sull'economia dello spettacolo dal vivo volte a delineare i sistemi di finanziamento e di relazioni che qualificano il teatro come impresa.
In questo ambito, appare essenziale alla dimensione di impresa culturale di Emilia Romagna Teatro promuovere, in collaborazione con l'Università di Modena, indagini dalle quali ricavare una conoscenza più precisa, sulle modalità di gestione delle attività teatrali, delle diverse tipologie di pubblico, dei suoi gusti, delle sue preferenze.

LA STRUTTURA - LE SEDI - I TEATRI GESTITI
direzione
Pietro Valenti
segreteria
Silvia Grieco, Mirella Astolfi, Silvia Ottani
coordinatore controllo di gestione, amministrazione
Patrizia Cuoco
coordinatore progetti, produzioni, promozione e ufficio stampa, formazione, attività culturali, archivio
Barbara Regondi
coordinatore programmazione e gestione teatri, rapporti con le scuole
Luigi Pedroni
coordinatore personale, contratti, acquisti, sicurezza
Giorgio Gaetani
produzioni
Mariella Casciu, Giulia Musumeci
attività culturali e formazione
Eduardo Sammartino, Jolandapaola Gazzerro
teatri in gestione
Chiara Cavedoni
personale, contratti, sicurezza, accoglienza
Cristina De Col, Domenico Trotta, Nadia Serravalli
amministrazione
Nara Guidetti, Paola Mazzi, Federica Aleandro
ufficio stampa
Agnese Doria
promozione e rapporti con il pubblico
Anna Bergamin, Marisa Tucci
rapporti con le scuole
Cecilia Serradimigni
teatro di classe
Renzo Raccanelli
coordinamento tecnico
Marco Stefanini
direttore tecnico produzioni
Mauro Brecciaroli
SEDI
Teatro Storchi - Teatro delle Passioni, Modena
organizzazione
Giorgio Gaetani
responsabile Teatro Storchi
Raffaele Formicone
responsabile Teatro delle Passioni
Fabrizio Orlandi
tecnici
Andrea Bulgarelli, Stefano Matullo, Roberto Riccò
portineria
Francesco Di Cunto, Rosalba Di Nuzzo, Marcello Fornaciari, Paola Zagni, Alberto Zanetti
biglietteria
Elena Azzaloni, Sonia Bicceri, Virginia Catoio, Barbara Chiriacò, Elena Pierazzi, Vanessa Radrizzani, Alessandra Zironi
Teatro Bonci, Cesena
direzione organizzativa
Franco Pollini
amministrazione e promozione
Anna Della Strada
teatro ragazzi e giovani
Stefania Alberini
tecnici
Franco Federiconi, Marco Benazzi (custode)
portineria
Renzo Barduzzi, Claudia Sama
biglietteria
Silvia Del Vecchio, Rita Ulivi
TEATRI GESTITI
Casalecchio di Reno, Teatro A. Testoni - Cira Santoro
Castelfranco Emilia, Teatro Dadà - Federica Bedeschi
Cattolica, Teatro della Regina - Simonetta Salvetti, Monica Trocchi
Correggio, Teatro Asioli - Alessandro Pelli, Sara Rasori
Longiano, Teatro Petrella - Stefano Bellavista
Maranello, Auditorium Enzo Ferrari - Diego Borgazzi
Mirandola, Teatro Nuovo - Elisa Razzaboni
Ostellato, Teatro Barattoni - Paola Vancini
Pavullo, Teatro Walter Mac Mazzieri - Linda Serafini
Soliera, Cinema Teatro Italia - Cecilia Molinari
Tecnici
Tonino Buoli, Laura Severini, Emanuele Tollari

°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°
www.mailextra.com - CENTINAIA DI NEWSLETTER GRATUITE!
LA NEWSLETTER IN EVIDENZA DI OGGI:
FRATELLIDITALIA
Benvenuti nella newsletter ufficiale dei FRATELLI D'ITALIA. Ascoltaci su Radio Arancia Network alle 7:30 e alle 18:00 !

Per iscriversi alla newsletter descritta clicca qui: http://www.mailextra.com/newsletter.asp?ID=10968
°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°
Per cancellarsi dal servizio di newsletter clicca qui:
http://www.mailextra.com/elimina.asp?ID=2113
blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl