seminario gratuito di alberto maria cirese su Organizzazioone del Sapere

15/mar/2007 13.49.00 immaginicinema Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°
Questa e-mail ti giunge perchè sei iscritto alla newsletter:
archivio immagini cinema
http://www.archivioimmaginicinema.com
°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°
PERDERE PESO? CONTROLLA IL TUO PESO IN MODO SEMPLICE. FACILE COME CONTARE FINO A TRE! PER INFORMAZIONI CLICCA QUI: http://www.mailextra.com/link.asp?ID=32
°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°

sei invitato nell'ambito della mostra Roberto Rossellini Arte e scienza dell'umanesimo oggi 15 Marzo dalle ore 16
a un seminario veramente importante
il Professor Alberto Mario Cirese terrà un seminario gratutito su organizazione del sapere e metodo di studio enciclopedico
Alberto Mario Cirese è nato ad Avezzano il 19 giugno 1921. La madre Aida Ruscitti era maestra elementare, e il padre Eugenio è stato anche lui maestro, poi direttore, quindi ispettore scolastico; ma fu, Eugenio Cirese, anche autore molto noto di versi in molisano, raccoglitore di canti popolari, iniziatore e direttore della rivista La Lapa, che trattava di "argomenti di storia e letteratura popolare" e che si pubblicò a Rieti tra il 1953 e il 1955.
Alberto Cirese ha studiato all'Università di Roma, dove si è laureato con Paolo Toschi nel 1944.
Nel dopoguerra ha partecipato attivamente alla vita politica locale e nazionale. A Rieti è stato assessore nell'amministrazione comunale (con il sindaco Angelo Sacchetti Sassetti, filologo, che era stato anche l'ultimo sindaco prima del fascismo) e poi in quella provinciale. Tra il 1947 ed il 1957 scrive sull'Avanti!, su Socialismo, sul Calendario del Popolo, su Mondo Operaio. Dal 1956 al 1959 fa parte della commissione cultura nazionale del Partito Socialista Italiano.
Parallelamente proseguiva la sua formazione di ricercatore e di studioso.
Ai primissimi anni '50 risale l'avvio dell'attività di raccolta sul campo di testi e musiche di tradizione orale. Queste rilevazioni, alcune delle quali in collaborazione con Diego Carpitella, furono svolte in Sabina e in Molise, in parte per il Centro Nazionale Studi di Musica Popolare diretto da Giorgio Nataletti, in parte per la rivista La Lapa, che Cirese curava insieme al padre Eugenio.
Del 1953 è un soggiorno con borsa di studio presso il Musée de l'Homme di Parigi, allora diretto da Georges Henri Rivière.
Presso la Facoltà di Lettere dell'Università di Roma studia con Raffaele Pettazzoni alla Scuola di perfezionamento in Scienze etnologiche, e svolge attività di assistente volontario presso la cattedra di Etnologia (1953-1957), per la quale collabora anche con Ernesto de Martino.
La carriera accademica si avvia con l'abilitazione alla libera docenza in Letteratura delle tradizioni popolari, ottenuta nel 1956.
A partire dall'anno successivo è chiamato a insegnare Storia delle tradizioni popolari all'Università di Cagliari, dove rimarrà fino al 1972, insegnandovi anche Antropologia culturale.
Nel 1961 è, con Giuseppe Bonomo e Giovanni Battista Bronzini, nella terna dei vincitori del secondo concorso a cattedra tenuto in Italia per la Storia delle tradizioni popolari (il primo concorso aveva visto vincitori nel 1948 Giuseppe Cocchiara, Paolo Toschi, Carmelina Naselli).
Nella seconda metà degli anni Sessanta Cirese collabora con il neonato Istituto Ernesto de Martino fondato a Milano da Gianni Bosio, e cura l'edizione di vari testi della collana Strumenti di lavoro. Archivi del mondo popolare.
Tra il 1968 e il 1972 coordina il lavoro di quaranta ricercatori che, per conto della Discoteca di Stato, effettuano la prima rilevazione di «tradizioni orali non cantate» (fiabe, leggende, aneddoti, indovinelli, proverbi, ecc.) che documenta tutto il territorio italiano. L'inventario delle registrazioni, classificate per tipi, motivi e argomenti, verrà pubblicato a cura dello stesso Cirese e di Liliana Serafini, sua moglie, nel 1975.
Dopo Cagliari, Cirese passa a insegnare Antropologia culturale prima a Siena, dal 1972 al 1974, e poi a Roma, dal 1973 al 1991. A Roma è anche il primo coordinatore del dottorato in Scienze etnoantropologiche, costituito nel 1988.
Dal 1997 è Professore Emerito della facoltà di Lettere e Filosofia dell'Università di Roma 'La Sapienza'.


[modifica] Temi di studio e di ricerca
Molti sono i temi di studio e di ricerca a cui Cirese ha dedicato la sua attenzione.
Tra questi un posto di rilievo spetta alla storia degli studi. Riprendendo e rinnovando l'opera di Giuseppe Cocchiara, Cirese ha dedicato alla demologia italiana quadri d'insieme, storie locali, profili su temi specifici, e numerosi contributi su singoli studiosi, raccoglitori e autori. A questo lavoro di ricostruzione storica si accompagnano le riflessioni teoriche sulla circolazione sociale dei fatti culturali, sui dislivelli di cultura, sulle relazioni tra cultura egemone e culture subalterne condotte soprattutto in rapporto allo studio dei testi di tradizione orale, scritta o mista diffusi in ambito popolare, e in dialogo con le posizioni di Giuseppe Vidossi, Vittorio Santoli, e Antonio Gramsci.
La letteratura popolare è stata per Cirese anche uno dei terreni d'elezione per lo studio di forme e strutture. La logica, la semiotica, alcuni lavori di Propp e di Lévi-Strauss fanno da riferimento per esperimenti di formalizzazione e di modellizzazione condotti su proverbi e forme metriche tradizionali, ma anche lo studio delle relazioni di parentela è stato condotto con particolare attenzione agli aspetti logico-formali. L'interesse per la comparazione dei fatti culturali, per il loro studio condotto con metalinguaggi astratti e con il ricorso al mezzo informatico (che assume valore euristico e non solo strumentale), si associa alla convinzione che l'unità della mente e dell'esperienza umane siano non solo fondate su dati biologici, ma anche comprovabili con dati culturali. È un tema già presente in Tylor, in Frazer e in Lévi-Strauss, e a cui Cirese non vuol rinunciare, rivendicando per l'antropologia la possibilità dello studio delle invarianze accanto a quello delle dif!
ferenze, la legittimità della considerazione dell'altro non come «altro da sé» ma come un «altro sé».
Molto presto Cirese ha iniziato a fare uso sistematico del computer per le proprie ricerche. Si collocano tra la fine degli anni Sessanta e l'inizio dei Settanta l'esperimento di elaborazione elettronica di un gruppo di testi della Raccolta Barbi, l'apertura della collaborazione col Centro Nazionale Universitario di Calcolo Elettronico di Pisa per un progetto di soggettario demologico informatizzato e il trattamento al calcolatore dei testi di poesia popolare pubblicati da Niccolò Tommaseo. Agli inizi degli anni Ottanta datano invece le prime versioni dei programmi per il calcolo delle relazioni di parentela elaborati da Cirese stesso. A questi se ne sono aggiunti altri che riguardano il funzionamento del calendario Maya.
Un'altra delle aree del lavoro di Cirese è quella dell'antropologia dei patrimoni culturali: il censimento, la catalogazione, la classificazione, la conservazione e la valorizzazione dei beni culturali demo-etno-antropologici (denominazione da lui stesso coniata). Cirese se ne è occupato sia in termini teorici, scrivendo per esempio di museografia contadina e di arte popolare, e discutendo sulla nozione di beni volatili o inoggettuali (da altri autori detti «beni immateriali»), sia in termini pratici: ricordiamo solo il lavoro del Repertorio e Atlante Demologico Sardo, avviato ai tempi dell'insegnamento a Cagliari, e quello già ricordato condotto tra il 1968 e il 1975 con la Discoteca di Stato.


[modifica] Opere principali
Saggi sulla cultura meridionale I. Gli studi di tradizioni popolari nel Molise. Profilo storico e saggio di bibliografia, Roma, De Luca, 1955
Volume secondo dei canti popolari del Molise, Rieti, Nobili, 1957
La poesia popolare, Palermo, Palumbo, 1958
Poesia sarda e poesia popolare nella storia degli studi, Sassari, Gallizzi, 1961
Cultura egemonica e culture subalterne. Rassegna degli studi sul mondo popolare tradizionale. Seconda edizione accresciuta. Palermo, Palumbo, 1973
Tradizioni orali non cantate. A cura di A.M. Cirese e L. Serafini. Con la collaborazione iniziale di A. Milillo. Roma, Ministero per i beni culturali e ambientali, Discoteca di Stato, 1975
Intellettuali, folklore, istinto di classe. Note su Verga, Deledda, Scotellaro, Gramsci, Torino, Einaudi, 1976
Oggetti, segni, musei. Sulle tradizioni contadine, Torino, Einaudi, 1977
Intellettuali e mondo popolare nel Molise, Isernia, Marinelli, 1983
Segnicità fabrilità procreazione. Appunti etnoantropologici, Roma, C.I.S.U., 1984
Ragioni metriche. Versificazioni e tradizioni orali, Palermo, Sellerio, 1988
La Lapa. Argomenti di storia e letteratura popolare (1953-1955), Di Eugenio e Alberto Mario Cirese. Ristampa anastatica a cura dell'Istituto 'Eugenio Cirese' di Rieti. Isernia, Marinelli, 1991
Dislivelli di cultura e altri discorsi inattuali, Roma, Meltemi, 1997
Il dire e il fare nelle opere dell'uomo, Gaeta, Bibliotheca, 1998
Tra cosmo e campanile. Ragioni etiche e identità locali, Siena, Protagon, 2003
All'isola dei Sardi. Per un anniversario 1956-2006, Nuoro, Il Maestrale, 2006
Alberto maria cirese oggi 15 marzo alle 0re 16 al museo in trastevere nellp'ambito della mostra Roberto Rossellini arte e scienza dell'umanesimo

Alberto Mario Cirese è nato ad Avezzano il 19 giugno 1921. La madre Aida Ruscitti era maestra elementare, e il padre Eugenio è stato anche lui maestro, poi direttore, quindi ispettore scolastico; ma fu, Eugenio Cirese, anche autore molto noto di versi in molisano, raccoglitore di canti popolari, iniziatore e direttore della rivista La Lapa, che trattava di "argomenti di storia e letteratura popolare" e che si pubblicò a Rieti tra il 1953 e il 1955.


Alberto Cirese ha studiato all'Università di Roma, dove si è laureato con Paolo Toschi nel 1944.
Nel dopoguerra ha partecipato attivamente alla vita politica locale e nazionale. A Rieti è stato assessore nell'amministrazione comunale (con il sindaco Angelo Sacchetti Sassetti, filologo, che era stato anche l'ultimo sindaco prima del fascismo) e poi in quella provinciale. Tra il 1947 ed il 1957 scrive sull'Avanti!, su Socialismo, sul Calendario del Popolo, su Mondo Operaio. Dal 1956 al 1959 fa parte della commissione cultura nazionale del Partito Socialista Italiano.
Parallelamente proseguiva la sua formazione di ricercatore e di studioso.
Ai primissimi anni '50 risale l'avvio dell'attività di raccolta sul campo di testi e musiche di tradizione orale. Queste rilevazioni, alcune delle quali in collaborazione con Diego Carpitella, furono svolte in Sabina e in Molise, in parte per il Centro Nazionale Studi di Musica Popolare diretto da Giorgio Nataletti, in parte per la rivista La Lapa, che Cirese curava insieme al padre Eugenio.
Del 1953 è un soggiorno con borsa di studio presso il Musée de l'Homme di Parigi, allora diretto da Georges Henri Rivière.
Presso la Facoltà di Lettere dell'Università di Roma studia con Raffaele Pettazzoni alla Scuola di perfezionamento in Scienze etnologiche, e svolge attività di assistente volontario presso la cattedra di Etnologia (1953-1957), per la quale collabora anche con Ernesto de Martino.
La carriera accademica si avvia con l'abilitazione alla libera docenza in Letteratura delle tradizioni popolari, ottenuta nel 1956.
A partire dall'anno successivo è chiamato a insegnare Storia delle tradizioni popolari all'Università di Cagliari, dove rimarrà fino al 1972, insegnandovi anche Antropologia culturale.
Nel 1961 è, con Giuseppe Bonomo e Giovanni Battista Bronzini, nella terna dei vincitori del secondo concorso a cattedra tenuto in Italia per la Storia delle tradizioni popolari (il primo concorso aveva visto vincitori nel 1948 Giuseppe Cocchiara, Paolo Toschi, Carmelina Naselli).
Nella seconda metà degli anni Sessanta Cirese collabora con il neonato Istituto Ernesto de Martino fondato a Milano da Gianni Bosio, e cura l'edizione di vari testi della collana Strumenti di lavoro. Archivi del mondo popolare.
Tra il 1968 e il 1972 coordina il lavoro di quaranta ricercatori che, per conto della Discoteca di Stato, effettuano la prima rilevazione di «tradizioni orali non cantate» (fiabe, leggende, aneddoti, indovinelli, proverbi, ecc.) che documenta tutto il territorio italiano. L'inventario delle registrazioni, classificate per tipi, motivi e argomenti, verrà pubblicato a cura dello stesso Cirese e di Liliana Serafini, sua moglie, nel 1975.
Dopo Cagliari, Cirese passa a insegnare Antropologia culturale prima a Siena, dal 1972 al 1974, e poi a Roma, dal 1973 al 1991. A Roma è anche il primo coordinatore del dottorato in Scienze etnoantropologiche, costituito nel 1988.
Dal 1997 è Professore Emerito della facoltà di Lettere e Filosofia dell'Università di Roma 'La Sapienza'.


[modifica] Temi di studio e di ricerca
Molti sono i temi di studio e di ricerca a cui Cirese ha dedicato la sua attenzione.
Tra questi un posto di rilievo spetta alla storia degli studi. Riprendendo e rinnovando l'opera di Giuseppe Cocchiara, Cirese ha dedicato alla demologia italiana quadri d'insieme, storie locali, profili su temi specifici, e numerosi contributi su singoli studiosi, raccoglitori e autori. A questo lavoro di ricostruzione storica si accompagnano le riflessioni teoriche sulla circolazione sociale dei fatti culturali, sui dislivelli di cultura, sulle relazioni tra cultura egemone e culture subalterne condotte soprattutto in rapporto allo studio dei testi di tradizione orale, scritta o mista diffusi in ambito popolare, e in dialogo con le posizioni di Giuseppe Vidossi, Vittorio Santoli, e Antonio Gramsci.
La letteratura popolare è stata per Cirese anche uno dei terreni d'elezione per lo studio di forme e strutture. La logica, la semiotica, alcuni lavori di Propp e di Lévi-Strauss fanno da riferimento per esperimenti di formalizzazione e di modellizzazione condotti su proverbi e forme metriche tradizionali, ma anche lo studio delle relazioni di parentela è stato condotto con particolare attenzione agli aspetti logico-formali. L'interesse per la comparazione dei fatti culturali, per il loro studio condotto con metalinguaggi astratti e con il ricorso al mezzo informatico (che assume valore euristico e non solo strumentale), si associa alla convinzione che l'unità della mente e dell'esperienza umane siano non solo fondate su dati biologici, ma anche comprovabili con dati culturali. È un tema già presente in Tylor, in Frazer e in Lévi-Strauss, e a cui Cirese non vuol rinunciare, rivendicando per l'antropologia la possibilità dello studio delle invarianze accanto a quello delle dif!
ferenze, la legittimità della considerazione dell'altro non come «altro da sé» ma come un «altro sé».
Molto presto Cirese ha iniziato a fare uso sistematico del computer per le proprie ricerche. Si collocano tra la fine degli anni Sessanta e l'inizio dei Settanta l'esperimento di elaborazione elettronica di un gruppo di testi della Raccolta Barbi, l'apertura della collaborazione col Centro Nazionale Universitario di Calcolo Elettronico di Pisa per un progetto di soggettario demologico informatizzato e il trattamento al calcolatore dei testi di poesia popolare pubblicati da Niccolò Tommaseo. Agli inizi degli anni Ottanta datano invece le prime versioni dei programmi per il calcolo delle relazioni di parentela elaborati da Cirese stesso. A questi se ne sono aggiunti altri che riguardano il funzionamento del calendario Maya.
Un'altra delle aree del lavoro di Cirese è quella dell'antropologia dei patrimoni culturali: il censimento, la catalogazione, la classificazione, la conservazione e la valorizzazione dei beni culturali demo-etno-antropologici (denominazione da lui stesso coniata). Cirese se ne è occupato sia in termini teorici, scrivendo per esempio di museografia contadina e di arte popolare, e discutendo sulla nozione di beni volatili o inoggettuali (da altri autori detti «beni immateriali»), sia in termini pratici: ricordiamo solo il lavoro del Repertorio e Atlante Demologico Sardo, avviato ai tempi dell'insegnamento a Cagliari, e quello già ricordato condotto tra il 1968 e il 1975 con la Discoteca di Stato.


[modifica] Opere principali
Saggi sulla cultura meridionale I. Gli studi di tradizioni popolari nel Molise. Profilo storico e saggio di bibliografia, Roma, De Luca, 1955
Volume secondo dei canti popolari del Molise, Rieti, Nobili, 1957
La poesia popolare, Palermo, Palumbo, 1958
Poesia sarda e poesia popolare nella storia degli studi, Sassari, Gallizzi, 1961
Cultura egemonica e culture subalterne. Rassegna degli studi sul mondo popolare tradizionale. Seconda edizione accresciuta. Palermo, Palumbo, 1973
Tradizioni orali non cantate. A cura di A.M. Cirese e L. Serafini. Con la collaborazione iniziale di A. Milillo. Roma, Ministero per i beni culturali e ambientali, Discoteca di Stato, 1975
Intellettuali, folklore, istinto di classe. Note su Verga, Deledda, Scotellaro, Gramsci, Torino, Einaudi, 1976
Oggetti, segni, musei. Sulle tradizioni contadine, Torino, Einaudi, 1977
Intellettuali e mondo popolare nel Molise, Isernia, Marinelli, 1983
Segnicità fabrilità procreazione. Appunti etnoantropologici, Roma, C.I.S.U., 1984
Ragioni metriche. Versificazioni e tradizioni orali, Palermo, Sellerio, 1988
La Lapa. Argomenti di storia e letteratura popolare (1953-1955), Di Eugenio e Alberto Mario Cirese. Ristampa anastatica a cura dell'Istituto 'Eugenio Cirese' di Rieti. Isernia, Marinelli, 1991
Dislivelli di cultura e altri discorsi inattuali, Roma, Meltemi, 1997
Il dire e il fare nelle opere dell'uomo, Gaeta, Bibliotheca, 1998
Tra cosmo e campanile. Ragioni etiche e identità locali, Siena, Protagon, 2003
All'isola dei Sardi. Per un anniversario 1956-2006, Nuoro, Il Maestrale, 2006
Evento Roberto Rossellini. Arte e scienza dell'umanesimo

L'eredità della tradizione umanistica nelle ricerche e nell'opera di Roberto Rossellini

Inaugurazione Venerdì 9 febbraio ore 18.00

Quando 10 febbraio - 1 aprile 2007

Dove Roma - Museo di Roma in Trastevere - Piazza Sant'Egidio 1b

Orari martedì - domenica ore 10.00 - 20.00 la biglietteria chiude un'ora prima - lunedì chiuso

Biglietti biglietto integrato Mostra+Museo: intero ? 5,50 - ridotto ? 4,00

gratuito per le categorie previste dalla tariffazione vigente

Info Museo tel. 06 82059127 (tutti i giorni ore 9.00 -19.30)

www2.comune.roma.it/museodiroma.trastevere/home.htm www.zetema.it

Info Progetto www.metacultura.org e-mail: metacultura@gmail.com

www.robertorossellini.it e-mail: fondazionerossellini@gmail.com

Ufficio Stampa Fondazione Roberto Rossellini

Claudia Russo info@robertorossellini.it

+39 335 6790735

Ufficio Stampa Zètema Progetto Cultura

Patrizia Bracci p.bracci@zetema.it

+39 06 82077337

Giusi Alessio g.alessio@zetema.it

+39 06 82077327


°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°
www.mailextra.com - CENTINAIA DI NEWSLETTER GRATUITE!
LA NEWSLETTER IN EVIDENZA DI OGGI:
FRATELLIDITALIA
Benvenuti nella newsletter ufficiale dei FRATELLI D'ITALIA. Ascoltaci su Radio Arancia Network alle 7:30 e alle 18:00 !

Per iscriversi alla newsletter descritta clicca qui: http://www.mailextra.com/newsletter.asp?ID=10968
°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°
Per cancellarsi dal servizio di newsletter clicca qui:
http://www.mailextra.com/elimina.asp?ID=2113
blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl