A cura di Pigrecoemme, presentazione a Vicenza di "Opere", libro-catalogo di Monica Marioni

16/mar/2007 10.30.00 Scuola di Cinema Pigrecoemme Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Pigrecoemme
Societàcooperativa a r.l.
PiazzaPortanova, 11 - 80138 Napoli
0815635188; www.pigrecoemme.com

Comunicatostampa


OPEREDI MONICA MARIONI”
Unamostra e un libro-catalogo curato da Pigrecoemme

Unadelle più interessanti giovani artiste italiane che, traNouveau Réalisme ed influenze colte, lavora ad una sensualepittura oggettuale piena di echi del Burri più spiazzante.Ora, un libro-catalogo, realizzato da Pigrecoemme, ne sistema laricerca più recente. Non senza sorprese. Presentazione aVicenza.

Domani,sabato 17 marzo a Vicenza (Locanda di Piero aMontecchio Precalcino, dalle18,30 alle 21,30) Monica Marioni presenta, a cura dellaCapricorno Gallery (uno degli spazi espositivi piùinteressanti del visivo contemporaneo, con sedi a Capri e aWashington DC), la sua più recente produzione artistica. Leopere, durante l’incontro, saranno introdotte e commentate dallasua gallerista Antonina Zaru e dal critico Corrado Morrache è altresì il curatore del libro-catalogo che saràpresentato, nella stessa occasione, agli addetti ai lavori ed allastampa.
Una ventina le opere pubblicate nel volume interamente realizzato dallaPigrecoemme, lafactory creativa di Napoli a cui fa capo l'omonima scuola dicinema di cui, tra l'altro, Morra è docente diSceneggiatura e Scrittura creativa.


Operedi Monica Marioni: estratti dai testi in catalogo

Ilcorpo, le cose diCorrado Morra
Tele,assemblages. La fisicità istintiva e sensuale dell’Informale,echi di Nouveau Réalisme, brandelli di quotidiano (catenelle,decori, gioie, metalli, collane, collage...) quali prodromi di unafemminilità che, dalla sineddoche martoriata del frammento,restituiscono il fardello della pesante condizione di vivere. Operecome reperti. E speranze. E memorie. Silenzi, certo. Violati, tosto,dal passo improvviso del cuore innamorato. Poi, di nuovo il silenzio.Il cupo cuore di pece della maliconia e, infine, l'accesa baldanzadei colori di terra e dei sorrisi [...]. In Marioni il poteresimbolico della materia come memoria sensoriale racconta della suaprofonda compromissione con il sensuale anche quando, in absentia,allude direttamente all’evidenza del corpo.”

Materiae spirito di Antonina Zaru
Unaricerca visiva di grande forza iconografica e di profonda poesiaquella dell'artista vicentina, un “crogiuolo sensuale e concretodi segni e di materie, [in cui] non c’è solo l’ormafertile di Burri, ma una collana infinita di rimandi e citazioni”.Perché quello di Marioni è un lavoro “di grandeimpatto emotivo che [...] combina elementi di pura ricerca visiva[alla] lezione dei grandi sperimentatori del visivo contemporaneo.Prima di tutto [quella di] Alberto Burri [ma anche quella] di JeanFautrier, per esempio [...] e, ancor più evidente, l'influenzadeterminante di Antoni Tàpies.

Notabiografica

MonicaMarioni, classe ’72, è nata a Conegliano Veneto (Treviso).Laureatasi nel 1999, entra presto nella holding di famiglia, mapersevera nella sua ricerca visiva ed espressiva cosa che le consentedi distinguersi in importanti collettive.
L’artistaha partecipato a diverse mostre in Italia e all’estero la piùrecente delle quali è un'importante esposizione a PalazzoCrispi di Napoli del dicembre 2006. Sue opere sono già inprestigiose collezioni private e pubbliche in Europa, negli StatiUniti, Malesia e Corea del Sud. “Opere” è il suo primocatalogo.


Lascheda del libro-catalogo

Opere
diMonica Marioni
Pigrecoemmeper Capricorno Gallery (Capri – Washington DC)
A curadi Corrado Morra e Antonina Zaru
Fotodi Roberto Mascaroni e Gianfranco Baretta
Testicritici ed apparati in italiano ed inglese
60 pp. a colori, cm. 23x30
21tavole + 1 folder a finestra fuori testo.

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl