Mostra Fotograficadi Giovanni Barba

02/apr/2007 18.10.00 Scuola di cinema Pigrecoemme Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.


Varco di vuoto

Mostra fotografica di Giovanni Barba

 

Lunedì 2 aprile alle ore 17,00, negli spazi della Scuola di cinema Pigrecoemme (a Napoli, in Piazza Portanova, 11) s'inaugura la mostra fotografica di Giovanni Barba Varco di vuoto.

L'esposizione è il frutto di un lavoro di ricerca nato all'interno del corso di fotografia organizzato, a cura del fotografo parigino Nicolas Pascarel, da Pigrecoemme lo scorso ottobre.

In mostra, un portfolio a colori di dodici scatti che, in una maniera diretta, sebbene velata da una composta vena poetica, indaga le storie, gli umori, le memorie dimenticate, eppure ancora lì pronte ad essere interrogate, del Palazzo d'Avalos di Procida, prima, splendida residenza reale ed in seguito colonia penale ora abbandonata.

A strapiombo sul mare, cinta da imponenti mura e completamente avulso dalla quotidianità dell'isola, l'imponente struttura fu fatta erigere nel 1563 dal Cardinale d'Aragona Innico d'Avalos. Palazzo reale per oltre due secoli, ai primi decenni dell'Ottocento fu trasformato in Bagno Penale, organizzato su quattro livelli, suddivisi a seconda della gravità delle pene. L'istituo fu chiuso agli inizi del Novecento. Nota storica di grande suggestione e da cui parte la mostra: verso la fine del secondo conflitto mondiale - precisamente l'8 settembre 1945 - una divisione di Fanteria dell'Esercito italiano vi si nascose e, spogliatisi delle divise, solo così riusci a sfuggire ai tedeschi, ex alleati. Le divise sono ancora lì, in quelle stanze umbratili, coperte dal silenzio, come testimone mute della commedia umana.

Da quel lontano 8 settembre, dimora di luci e di ombre, Palazzo d'Alavos sembrerebbe vuoto e inaccessibile. Ed invece, lo spazio resta saturo di suggestioni infinite: le ombre vivissime, il campo lungo del cobalto del mare, i riflessi del sole e delle nuvole, segni variegati della vita che è stata, e che, lì, come acqua di marosi, è scorsa.

 

 

Giovanni Barba è nato a Santa Maria Capua Vetere nel 1980. Vive e lavora a Teano.

Nell'ottobre 2006 ha seguito il corso di Fotoreporter tenuto alla Scuola di cinema Pigrecoemme da Nicolas Pascarel. E' un incontro decisivo, quello con la fotografia di reportage, mezzo espressivo che gli si rivelerà particolarmente congeniale affascinato com'è dal modo di lavorare del fotografo parigino e dalle sue idee sul fotoreportage che Pascarel vede sempre, prima di ogni cosa, come il racconto di una storia interiore.

Quella a Pigrecoemme è la sua prima mostra.

 


--
Giacomo Fabbrocino
Cell: 3203240206
Ufficio: 081 5635188
Casa: 081290010
www.pigrecoemme.com
blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl