PRESENTATO A MONTERCARLO IL FILM DEDICATO A NANDO ORFEI MIO NONNO NANDINO CON CRISTIAN ORFEI

22/gen/2017 23:03:58 WBE NEWS Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
PRESENTATO A MONTECARLO IN OCCASIONE DEL PREMIO ALLA MEMORIA IL FILM DEDICATO ALLA VITA E ALLA STORIA DI FERDINANO ORFEI
Risultati immagini per nando orfei
 
L'idea è quella di realizzare uno sceneggiato televisivo in due puntate, dedicato alla vita di Ferdinando Orfei,il più alto rappresentante del  prestigioso  e omonimo circo Italiano, nonchè attore cinematografico di spessore, diretto da un regista da Oscar come Federico Fellini, suo amico fraterno  anche nella vita.
L'idea nasce dal desiderio degli sceneggiatori ( e della famiglia) di celebrare la grandezza di Ferdinando  Orfei, dando vita ad una storia reale, autentica, di grande spessore, ricca di aneddoti, di atmosfera e di forti emozioni. 
Un tributo degno di un personaggio nternazionale, amato ,dal pubblico di ogni età, un omaggio alla sua vita colma di amore per la famiglia, per il lavoro, ricca di esperienze e accadimenti grandiosi. Un ricordo del suo essere, della  sua dottrina, un percorso a tutto tondo, che non si orienterà in una unica direzione ma che sarà armonico, completo, che indagherà sull'animo umano, sulle sue scelte, sulla superlativa vita di questo uomo carismatico e grande pioniere del mondo circense e dello spettacolo.
Risultati immagini per nando orfei
                                                                       
Perchè Ferdinando Orfei ?
 

Ad Oggi non è mai stata realizzata una pellicola dedicata a Nando Orfei,  sono stati prodotti numerosi speciali, documentari destinati alla storia di questo grande personaggio, amato e conosciuto ovunque, che ci ha lasciato in eredità un patrimonio artistico di grandissimo valore.
Il suo smisurato lavoro ha avuto un enorme peso sui cambiamenti avvenuti all'interno del mondo circense, ha portato informazione, ha saputo lavorare con i mezzi di comunicazione creando valide strategie,ha saputo essere un autorevole  imprenditore,  ha saputo essere padre e attore, ha saputo  tenere alto il nome di una delle più importanti dinastie circensi. 
E stato un innovatore, un inventore, un modello che ha saputo svelare il suo volto più umano e che ha saputo applicare la recitazione, lo spettacolo alla vita e la vita ad essa, con naturalezza e fede.
Egli con costanza approfondì , indagò e sperimentò, fino ad attuare le sue idee, le sue convinzioni.
Nacque  il 9 luglio del 1934 a Portomaggiore (Fe) , fratello di Liana Orfei e cugino di Moira Orfei, padre di Ambra , Gioia e Paride Orfei, sposato con Anita Gambarutti , sin da giovane si interessò al mondo dello spettacolo, della recitazione, vestì numerosi ruoli, fu domatore, attore di teatro, attore di cinema, giocoliere, musicista, fu un artista a 360 gradi,  un uomo poliedrico, un artista abile, capace che ha sempre lottato per il mondo del circo e per la sua magia, che è stato ambasciatore degli Orfei nel mondo, che è stato un grande personaggio sia sul piano affettivo sia sul piano artistico. 
Interessante fu la sua esperienza cinematografica, recitò in quattro pellicole, di cui due dirette da Federico Fellini.
Esordì nel 1971 con "I clown" e riapprodò sul grande schermo nel 1973 interpretando il ruolo di Patacca in Amarcord. In seguito nel 1979 recitò con star internazionali   come Mastroianni e Anita Ekberg nel film "L' ingorgo"  di Luigi Comencini ed altro. 
Ad un certo punto sentì il bisogno di tornare alle proprie origini, di seguire la sua vera passione,  di tornare lì "sotto il magico  tendone  rosso del circo".  Molto legato alla cugina Moira Orfei e alla famiglia,  decise definitivamente di abbandonare il ruolo di attore, peraltro presso film d'autore e  di indossare la sua storica giacca bordeaux e di  conquistare ben presto, con le sue emozionanti esibizioni,  un successo planetario, divenendo così  il vero capostipite della famiglia Orfei, l'unico  vero rappresentante del circo italiano del Novecento. 
Negi anni novanta  adottò la scelta di proporre spettacoli circensi senza animali esotici, decisione pienamente condivisa anche dai suoi figli. Egli ripeteva spesso che i veri protagonisti del circo erano gli esseri umani proponendo nella sua arena, sempre di più artisti di valenza internazionale. 
Nando Orfei e la sua famiglia, amavano moltissimo gli animali, non li maltrattarono,   tanto che Nando,  ancor prima di proporre spettacoli solo con artisti, seppellì la  sua cara leonessa  Tereth, che tanto lo amò e che più volte lo difese dagli attacchi dei maschi , al cimitero degli animali di Bergamo. Inoltre era attaccatissimo alla sua inseparabile cagnolina Penelope che trattò come una di famiglia. 
La sua vita privata e pubblica fu costellata di eventi, di incontri, di conoscenze, di cambiamenti, non gli mancarono certo i riconoscimenti e le debite onoreficenze. 
Morto a 80 anni, ci colpisce di lui quanto sia ancora attuale e quanto siano ancora  amati  la sua vita e il suo mondo. 
Molti aneddoti, molte storie esilaranti, profonde accompagnano la vita di Nando Orfei, oggi , la moglie , i suoi figli eredi di questa dinastia sanno tenere vivo il ricordo di un marito e padre così grande, che ha incantato il pubblico, che ha donato emozioni e che è stato il vero domatore dei sogni di tanti bambini nel mondo, il vero giocoliere di una favola bellissima durata 80 anni.
Risultati immagini per nando orfei
                                  DAL SOGGETTO ALLA SCENEGGIATURA

Idea, soggetto, trattamento, scaletta e sceneggiatura, sono i punti  fondamentali per  la realizzazione di  una sceneggiatura , la quale una volta regolarmente depositata verrà immessa sul mercato, come pre-produzione. 

Naturalmente gia con una chiara ma breve sinossi  oppure con un trattamento, che prevede una narrazione della storia più corposa (sono circa 25/30 pagine), quindi con una descrizione degli ambienti, delle location, delle implicazioni emozionali dei personaggi e con qualche riferimento alle battute, potremo gia  inizare a lavorare produttivamente sul progetto filmico .
Il passo successivo sarà  quello della sequenza tecnica, ovvero del prodotto finale : la sceneggiatura.
Naturalmente verrà scritta a più mani, vista la ricca e delicata  storia da trattare. Tutte le idee , bibliografiche  e non,   una volta passate al vaglio dei familiari  , verranno così assemblate e da li che si partirà ...da una idea. Si metteranno insieme tante idee, verranno scelte  quelle migliori e si decreteranno  le basi della storia...La vita corposa, emozionante di Nando Orfei è di per sè un grande film, ci trasporteranno  il suo entusiasmo e il suo amore per la vita artistica e familiare. 

Così, dopo le relative autorizzazioni da parte della famiglia, i figli Paride e Ambra Orfei, il giornalista Sandro Ravagnani, compatibilimente alle loro esigenze,  parteciperanno alla stesura della sceneggiatura ,daranno il loro contributo alla produzione di uno sceneggiato  autentico, forniranno gli elementi per dar vita ad una storia vera ,con personaggi, dialoghi,aneddoti,  location , fatti , avvenimenti realmente accaduti presenti ancora oggi nell'immaginaio collettivo, presenti nei loro cuori. 
Risultati immagini per nando orfei
                                               
MISSION

Il mercato televisivo, per un progetto filmico in due puntate come questo, potrebbe avere una "massa critica" mondiale. Girato in lingua italiana, dovrà essere doppiato in lingua inglese o sottotitolato, questo sarà da decidere con la distribuzione dell'opera filmica.
E' un film di grande spinta comunicativa, sicuramente la sceneggiatura, la storia di Nando Orfeo, personaggio che ha saputo creare un legame con persone di ogni età, di ogni target avrà una diffusione importantissima.
La sua famiglia oggi è presente nel cuore di chi ha saputo comprendere con quanto amore Nando e gli Orfei abbiano amato il loro lavoro, la loro storia, il loro paese, il loro pubblico, di come abbiano combattuto le loro battaglie e di come ancora oggi facciano parlare di se'.
La televisione è dinamica, fluida ed uno sceneggiato è una forma di spettacolo amato, seguito, perche' anche se sul piccolo schermo, fa sognare e permette di dare spazio a racconti, alla voce, alle idee, ai colori, agli ambienti...così come alla vita di questo grande personaggio.
La mission è quella di creare  una trama artistica di atmosfera, il più possibile reale, autentica, trasformandola così in immagini  dirette per  un mercato sempre più esigente.L'intento è quelo di  creare un'opera che resti nella mente dello spettatore, che sappia  far rivivere il personaggio di Nando Orfei  in un contesto emozionale, che possa essere  visibile e fruibile nel tempo, che faccia parlare di se in ogni contesto mediatico. 


Produttore Esecutivo
Carla Finelli

FOTO TRATTE DALL'ARCHIVIO STORICO DEL GIORNALISTA SEBASTIANO SANDRO RAVAGNANI E DAL MUSEO DI FAMIGLIA ISITITUTO LUCE E CADEC.
blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl