ComStampa/EMIGRATI SEMPRE - Luca Vullo presenta "Dallo zolfo al carbone"

Cordiali saluti Tatjana La Paglia Comunicato Stampa Emigranti Sempre Luca Vullo presenta "Dallo zolfo al carbone" Un documentario sulla mancanza di lavoro, il fenomeno emigrazione, lo sfruttamento, l'assenza di sicurezza sul lavoro, l'integrazione e la perdita d'identità.

19/giu/2008 15.10.00 tatjana Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
Gentile collega,
con preghiera di diffusione e pubblicazione, invio il comunicato stampa che segue.
 
Cordiali saluti
Tatjana La Paglia
 
 
 
 
 

Comunicato Stampa

 

 

Emigranti Sempre

Luca Vullo

presenta 

“Dallo zolfo al carbone”

 

Un documentario sulla mancanza di lavoro, il fenomeno emigrazione, lo sfruttamento, l’assenza di sicurezza sul lavoro, l’integrazione e la perdita d’identità.

 

 

Giovedì 26 Giugno, ore 21:00

via Corte di Pietralata 60 - Bologna

Ingresso libero

 

www.lucavullo.it

Giovedì 26 giugno alle ore 21:00 nell’ambito della rassegna Emigranti Sempre, Luca Vullo presenta “Dallo zolfo al carbone”, un documentario sul fenomeno migratorio derivato dal Patto italo-belga del 1946, che portò all’emigrazione obbligata di migliaia di minatori e contadini siciliani diretti alle miniere di carbone del Belgio.

 

Emigrati Sempre è un’importante manifestazione sociale organizzata dalla Società Civile Il Cantiere in collaborazione con il Comune di Bologna, Culture di Confine e l’Aics, al cui interno oltre al documentario “Dallo zolfo al carbone”, verrà presentato il libro “La valigia di Agafia” di Marta Franceschini. Due progetti differenti ma entrambi rappresentativi di un importante fenomeno mondiale e dei suoi cambiamenti.

 

Vincitore della Menzione Speciale “Lunghi Respiri” al Festival Respiri-Ti di Como e secondo classificato al concorso “Roberto Gavioli” di Brescia, con Gian Piero Brunetta come presidente di giuria, “Dallo zolfo al carbone” è il ritratto storico-sociale che Luca Vullo traccia ripercorrendo le principali tappe che condussero milioni di giovani siciliani alla schiavitù: mancanza di lavoro, problema dell’emigrazione, sfruttamento, assenza di sicurezza sul lavoro, l’integrazione e perdita d’identità. Temi che dopo più di mezzo secolo tornano a riempire pagine di cronaca e palinsesti televisivi.

Un viaggio tra le viscere della terra che il giovane regista ci porta a ri-vivere con uno sguardo rivolto al passato, quando gli italiani venduti dal proprio Paese per un sacco di carbone, diventarono demoni neri prigionieri nell’inferno delle miniere, dove il buio è sempre più pesante e il silenzio assorda i pensieri.

 

 

 

 

[Ufficio Stampa]

Tatjana La Paglia - tatjana.m@libero.it

mobile |+39 2383696134|

 

 

 

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl