CS; TRANSART08; Symposion;7 ORE DI VINO E MUSICA; Un'ebbrezza in otto parti, per ensemble e 2 simposiarchi

17/set/2008 13.59.14 TrentoFilmfestival Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
 


 


TRANSART08

27.09 Samstag
Klangforum Wien
Symposion. Sette ore di vino e musica

Un'ebbrezza in otto parti, per ensemble e 2 simposiarchi

MUSIC + FOOD
Bolzano > Ore 17.00
MUSEION >  6 via Dante
Direttore > Baldur Brönnimann


SOLISTI >
Markus deuter > oboe, corno inglese
Lorelei dowling > Fagotto
Björn Wilker > Percussioni
durata > 7  ore
Symposion . Un‘ebbrezza in otto parti, per ensemble e 2 simposiarchi

KLANGFORUM WIEN >
Eva Furrer > Flauti
Markus deuter > oboe
Bernhard Zachhuber > Clarinetti
Lorelei dowling > Fagotto
Christoph Walder > Corno
Gunde Jäch-Micko > Violino
Sophie Schafleitner > Violino
dimitrios Polisoidis > Viola
Benedikt Leitner > Violoncello
Krassimir Sterev > Fisarmonica
Marino Formenti > Pianoforte
Björn Wilker > Percussioni


PROGRAMMA & MENU’

Hanspeter kyburz > Danse aveugle
Piccolo pane integrale fatto in casa con formaggio fresco, crescione e speck
György kurtág > In Nomine - all’ongherese | Enno Poppe > Trauben
György kurtág > Pilinszky János | Dieter Mack > Trio IV
György kurtág > einen Augenblick lang
Strudel di verdura in finissima pasta sfoglia secondo la ricetta di Bruno Bortondello
S. Sciarrino > Il silenzio degli oracoli | Beat Furrer > Spur
Zuppa di crauti con crostini di pane integrale e carne affumicata
Saed Haddad > Le Contredesir | Simeon Pironkoff > Fall/Wende

Iannis Xenakis > Psappha
risotto al Kerner con Gransmith, menta e prezzemolo
Fausto Romitelli > domeniche alla periferia dell’impero – prima domenica
Gerard Grisey > Talea | Fausto Romitelli > domeniche alla periferia dell’impero – seconda domenica
Medaglioni di coda di rospo avvolti in speck su un letto di kohlrabi al rosmarino
Pierre Boulez > Dérive | Claude Vivier > Samarkand
Guancia di maialino in salsa forte con purea di sedano rapa
Peter Ablinger > Membrane, Regen
Panna cotta con mele alla vaniglia e menta servita nel bicchiere
Terry Riley > in C

L’indagine sulla percezione del suono e della musica proposta da Transart e Museion prosegue con un concerto lungo una nottata intera, che si terrà il 27 settembre negli nuovi spazi del museo. Alla maniera degli antichi, il Symposion alterna la degustazione di cibi e vini all’ascolto e alla conversazione. Con questo progetto, già presentato a Transart 2005 con un differente programma musicale, si inventa un nuovo genere che intende varcare un territorio ancora sconosciuto per la musica classica contemporanea: la dimensione del suono vissuta sotto l'influsso di sostanze che alterano lo stato di coscienza. Ascoltare la musica attraverso il corpo e i sensi per celebrare i grandi compositori della nostra generazione.
Protagonista musicale della serata la formazione dei Klangforum Wien, diretta da Baldur Brönnimann.
Fondato nel 1985 da Beat Furrer, Klangforum Wien si è da subito dimostrato un gruppo di solisti dedito esclusivamente alla musica contemporanea: la musica del ventesimo e del ventunesimo secolo. Insignito del Leone d’oro alla musica di oggi alla 50a edizione della Biennale di Venezia, il Klangforum Wien propone per Transart un’immersione nel labirinto della Neue Musik. Un’esperienza collettiva fatta di suoni, ma anche di vini e di cibi, che accompagneranno l’esecuzione di 11 composizioni che vanno dal rigore matematico delle tonalità dello svizzero Kyburz, passando per Kurtag, per arrivare a Il silenzio degli oracoli di Salvatore Sciarrino, opera che racchiude in se alcune passioni del compositore siciliano, quali il gusto per le linee orizzontali, il senso del vuoto e della rarefazione, e una vera e propria indagine sui segreti degli strumenti a fiato. L’ebbrezza dei sensi continuerà, di pari passo con la degustazione di un raffinato menu, con Psappha di Iannis Xenakis, un’opera che proietta l’ascoltatore in una dimensione “altra”, per culminare con l’esecuzione di Derive di Pierre Boulez e di C di Terry Riley, allegro manifesto della minimal music.


Saranno due i simposiarchi che condurranno il pubblico in questo viaggio al confine tra il mondo apollineo il mondo dionisiaco…. un confine che con l'avanzare delle ore tenderà a scomparire. ..


I biglietti di transart08 sono on line, acquistabili con carta di credito dal sito www.transart.it nella sezione Tickets!
La prevendita dei biglietti si svolge ogni giorno dal 20 agosto all’11 ottobre presso il bookshop di Museion, in via Dante 6 (T 0471 223467) dalle ore 10.00 alle 12.30 e dalle 13.30 alle 19.00.
www.transart.it

 

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl