EAVE e i fondi regionali per l'audiovisivo

09/giu/2009 19.19.16 Lo Scrittoio Press Office Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

 
 

Milano, 9 giugno 2009

 

Film Industry in Italy: EAVE e i fondi regionali per l’audiovisivo.

 

In occasione di EAVE (Milano, 7-15 Giugno 2009), il workshop di formazione professionale per produttori europei finanziato dal Programma MEDIA, attualmente in corso di svolgimento nel capoluogo lombardo, si è tenuto ieri pomeriggio, presso la sede della Camera di Commercio, l’incontro Film Industry in Italy. I fondi regionali per l’audiovisivo. Per l’occasione sono stati invitati i rappresentanti di alcune delle principali Film Commission Italiane: Andrea Rocco Presidente dell’Associazione Film Commission italiane; Stefano Della Casa  Presidente Film Commission Torino Piemonte; Stefania Ippoliti Direttore Mediateca Regionale – Film Commission Toscana; Alberto Pasquale Responsabile Settore Audiovisivo Filas – Finanziaria Laziale di Sviluppo; Silvio Maselli Direttore Apulia Film Commission.

 

“Il settore della produzione audiovisiva è stato inserito tra quelli strategici per lo sviluppo nel medio e lungo periodo dell’economia della nostra provincia”, queste le parole di Marco Accorsero, Segretario Generale dell’Unione Artigiani della Provincia di Milano, che ha aperto i lavori preannunciando l’intenzione di avviare una serie di momenti d’incontro finalizzati a  comprendere le esigenze del settore audiovisivo con l’obiettivo di creare un network in grado di valorizzare l’eccellenza milanese.

 

Come ha sottolineato Lionello Cerri, Presidente dell’Agenzia per il Cinema a Milano, l’associazione che ha ritenuto interessante l’opportunità di invitare EAVE a Milano dopo 15 anni di assenza dall’Italia, “la Lombardia è infatti una delle regioni più importanti per l’audiovisivo e, non a caso, il fatturato delle pubblicità realizzate in territorio lombardo è pari a quello del cinema; essendo sempre più limitate le risorse che lo Stato mette a disposizione del cinema, si è reso necessario che le regioni si organizzassero per la creazione di Fondi e di Film Commission.” Un’indagine dimostra infatti che nell’ultimo triennio le Film Commission hanno messo a disposizione delle produzioni 50 milioni di euro e l’indotto creato da tali produzioni sui territori è stato pari a 250 milioni.

 

Alla luce di questo risultato molte sono le regioni che si stanno dotando di fondi a sostegno dell’audiovisivo. Il Piemonte ne offre tre: il PIEMONTE DOC FILM FUND  per i documentari, il FIP – Fund Investment Piedmont - per coproduzioni in lingua inglese e il Torino Film Lab, per opere prime e seconde di lungometraggi. La Toscana, oltre al nuovo fondo che sarà operativo da luglio,  sta attuando una politica a sostegno degli esercenti volta a garantire spazi di visibilità alle opere dei nuovi autori, oltre a impegnarsi nella formazione del pubblico più o meno giovane. Nel Lazio si sta puntando molto sull’utilizzo delle nuove tecnologie e, di notevole interesse, è l’istituzione del rimborso anticipato dell’Iva per produttori stranieri che decidono di girare in Italia. La Puglia attraverso il fondo creato, continua a puntare sul coinvolgimento delle figure professionali locali per coloro che decidono di girare nei magnifici territori della regione che, grazie alla sua strategica posizione, è molto richiesta da parte di produzioni straniere, quali, per esempio, l’India.

 

A chiudere l’incontro è intervenuto Massimiliano Finazzer Flory, Assessore alla Cultura del Comune di Milano: ”il cinema è un grande racconto, un’esperienza onirica che ci permette di tornare a sperare; per questo deve tornare ad essere importante dal punto di vista culturale e non solamente economico. Milano deve diventare Città amica del cinema e a tale scopo è importantissima la trasversalità sia delle competenze coinvolte sia delle istituzioni. Il coinvolgimento dell’impresa creativa e del turismo possono essere chiavi di volta per una politica della bellezza che valorizzi i beni culturali del territorio e possa essere un mezzo per conoscere il diverso e farlo crescere. E’ altresì importante investire nella formazione e nelle infrastrutture sul territorio per renderlo amico del cinema:  Milano si sta movendo in questa direzione.”

 

 

Per maggiori info: www.eave.org

                        www.agenziacinemamilano.it.

 

 

 

 

Ufficio Stampa - Lo Scrittoio

Via Sardegna, 34 - 20146 Milano - Tel. 02. 4983111 – fax 02. 4984260

Isabella Rhode mob. + 39 347 4305496irhode@scrittoio.net

 

    


blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl