In libreria il nuovo libro di Astor: IL VANGELO COSMICO. Finzione o realtà?

20/mar/2010 13.46.17 Astor Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

«Fratello, voi abitanti della Terra – un pianeta che noi chiamiamo SaraS – non siete soli nell’universo. Esistono infinite altre forme di vita intelligente nel cosmo. Chi pensa il contrario è cieco, stolto e presuntuoso. Chi afferma il contrario per ignoranza è giustificabile. Ma non trovano giustificazione coloro che, pur conoscendo la verità, la negano per calcolo o paura».

È così che esordisce Solaris, il figlio delle stelle che ha il compito di accogliere al suo risveglio su un’astronave aliena l’uomo che è stato “rapito” dagli extraterrestri per essere istruito. La Terra è in pericolo e i fratelli cosmici affidano al prescelto precise rivelazioni e istruzioni su come affrontare la più grande emergenza planetaria con cui l’umanità si sia mai misurata dai tempi remoti del diluvio universale. Grazie agli insegnamenti di Solaris, da cui emergono verità strabilianti, destinate a scardinare le false certezze umane, il protagonista viene a conoscenza della vera storia del nostro pianeta e delle relazioni fra gli uomini e le civiltà aliene. E per quanto le notizie sul futuro della Terra siano sconvolgenti, la lezione si configura come una sorta di Vangelo. Gli extraterrestri ci annunciano infatti una “buona novella”: non ci sarà la tanta temuta fine del mondo, bensì l’inizio di una nuova era luminosa.  

In questo secondo romanzo di Astor, che sarebbe inesatto definire “fantascientifico”, trattandosi invece di un’opera divulgativa e di formazione spirituale, l’Io narrante testimonia la sua abduction – lett. “rapimento” – da parte di creature intelligenti di natura aliena.

Il suo racconto, lucido e coinvolgente, si dipana lungo un percorso di otto insegnamenti che lasciano il lettore senza fiato. Le verità rivelate dai fratelli cosmici sono sbalorditive e fanno sorgere una domanda inquietante: “È finzione o realtà?”.

Il dubbio rende la lettura ancora più avvicente e grazie allo stile asciutto ma insieme aulico della scrittura, si finisce per essere coinvolti nella magia di una tela che ci avviluppa.

La storia di un uomo qualunque rapito dagli alieni, così come la racconta Astor nel suo “Il Vangelo Cosmico – Rivelazioni e insegnamenti degli Extraterrestri” in questi giorni in libreria, sa scuotere le menti dall’apatia che ci impedisce d’interrogarci sui profondi cambiamenti in atto nel mondo e sul nostro destino.

 

L'autore

Ha scelto di mantenere l’anonimato. Non perché voglia nascondere qualcosa di sé ma perché, più semplicemente, ama nascondersi al mondo. Superato da poco il mezzo secolo di vita, Astor sostiene infatti che per conservare la propria integrità morale e salvaguardare la libertà dello spirito è necessario vivere nel mondo senza appartenere ad esso.

Assetato di conoscenza e verità, egli ha intrapreso da anni uno straordinario viaggio fisico e spirituale che lo ha portato a scrivere libri “di nicchia”, funzionali alla riscoperta dei valori cardinali della vita e dell’humanitas umiliata da una società divenuta aberrante.

Astor è un irriducibile cittadino del mondo che non ha rinunciato a scrivere in italiano, la sua lingua madre. Dei suoi romanzi, Il Vangelo Cosmico è il secondo a vedere la luce.

 

Astor, Il Vangelo Cosmico

Pagg. 183 – Euro 15

Lampi di stampa  

ISBN  978-88-488-1029-6

 

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl