EDITORIA: AIE PROTESTA PER STOP A TARIFFE POSTALI AGEVOLATE

01/apr/2010 18.04.39 Tabula fati Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.



'Siamo profondamente indignati per un provvedimento improvviso, non annunciato e che per la sua applicazione immediata sconvolge tutte le pianificazioni commerciali del mondo dell'editoria libraria'. E' dura la reazione del presidente dell'Associazione Italiana Editori (AIE) Marco Polillo dopo la lettura in Gazzetta Ufficiale del decreto, pubblicato ieri sera, che abolisce da un giorno all'altro le tariffe agevolate postali per tutta l'editoria libraria, quotidiana e periodica. 'Al di la' del merito e delle ragioni dell'iniziativa - ha proseguito Polillo - siamo allibiti del fatto che in nessuna occasione ne' Poste, ne' gli organi istituzionali competenti ci abbiano dato la minima indicazione di una decisione imminente e sconvolgente per il nostro settore. Le ricadute saranno pesanti non solo in termini economici per la vita delle case editrici, ma anche per la cultura e l'informazione del paese: il canale postale e' infatti uno strumento fondamentale di diffusione dei libri,

soprattutto in quelle zone d'Italia non servite da librerie'. 'Risulta quindi indispensabile - ha concluso Polillo - un ripristino immediato delle tariffe agevolate e un'apertura del dialogo per l'individuazione di soluzioni sostenibili per tutti i settori interessati'. -



(01 aprile 2010)



blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl