"L'odore del mastice", romanzo mediterraneo di Paolo Perelli

14/ott/2010 14.23.28 Roberto Simoncini Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

L'odore del mastice - Romanzo MediterraneoCos'hanno in comune Gregorio, drammaturgo romano in crisi d'ispirazione e Kyriàkos, anziano ballerino di danze tradizionali greche?
Ognuno accompagnerà l'altro in un viaggio, così, mentre Gregorio crede di aiutare Kyriàkos, è questi a condurlo alla scoperta di sé.
Danzando.

Gregorio è un drammaturgo romano in crisi: il suo impresario gli ha appena comunicato lo stralcio del suo spettacolo dal palinsesto. I contenuti profondi dei suoi testi, l'invito all'introspezione mal si adattano ad una logica di mercato che predilige la fruizione immediata.
La ricerca di nuova ispirazione non è facile per Gregorio, riluttante a svendersi e tuttavia ferito da un'estromissione che pian piano progredisce fino a diventare esclusione dal mondo del teatro.

Un incontro casuale apre uno spiraglio nella sua vita: un vecchietto di nome Kyriàkos, ballerino di danze tradizionali greche nonostante l'età, lo sceglie come guida per il suo ritorno in Grecia.
Attraverso lo spiraglio apertosi nella vita di Gregorio, comincia pian piano a fluire una nuova consapevolezza, un modo nuovo di vedere il mondo. Il flusso di sensazioni, di scoperte interiori su sé e gli altri arriva a travolgere il suo sistema di riferimento e lo conduce ad un esito sorprendente per la sua esistenza.

Mediante l'escamotage della cultura greca tradizionale (ben diversa dagli stereotipi classicheggianti diffusi in Occidente), è presentato al lettore un modo diverso di guardare la vita rispetto all'omologazione imposta dalla società del consumo.

Il romanzo parte "in salita" a significare la difficoltà esistenziale del protagonista, per poi accelerare progressivamente verso un finale sorprendente che, fuor di metafora, consiste nella conoscenza di sé.
Lo stile è caratterizzato da un forte simbolismo: ogni parola ha un rimando al di là del contesto immediato, proprio come avviene nell'arte delle icone orientali.

Le (poche) battute in lingua greca sono mantenute in originale nel testo, seppure con traduzione in calce, per dare al lettore la sensazione della novità del mondo con cui il protagonista viene a contatto.

L'odore del mastice
Edizioni Kimerik (2008)
ISBN 9788860962911

158 pagine
Prezzo: 12 euro
http://www.romanzomediterraneo.it

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl