“Cieli di Terra”, raccolta poetica con quattro autori, Rupe Mutevole Edizioni

18/feb/2011 19.48.36 Alessia Mocci Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Anime in volo:/ io sono falco/ e tu l’aquila reale/ siamo caduti in volo/ ed in quell’immensità/ ci siamo scontrati, feriti/ ma l’amore, quello vero/ ci ha curati./ Abbiamo curato le nostre anime e poi le nostre ali/ ora siamo liberi di volare/ io nel tuo cielo/ tu nel mio/ ed ora quel cielo è tutto nostro/ è l’infinito/ e con noi porteremo tutti coloro che amiamo/ e insieme voleremo/ e insieme supereremo le bufere/ fino a ritrovare il nostro mondo/ dove c’è musica e poesia.” “Anime in volo” – Cristina Pelucchi

 

La metafora del volo come libertà del verso poetico. La Pelucchi contorna il suo pensiero con le grandi anime del cielo, l’aquila ed il falco, così che anche loro da eterni rivali possano dopo lo scontro guardare avanti e cercare di ricostruire. Così avviene per la poesia: dopo lo scontro di idee si riesce ad amalgamare diverse parole per esplicitare il proprio pensiero.

 

Cieli di Terra”, edita nel 2010 dalla casa editrice Rupe Mutevole Edizioni nella collana “Poesia e Vita”, è una raccolta di poesie di 74 pagine divisa in 4 sillogi. Ogni silloge ha un diverso autore ed abbiamo “Birbenbiree” di Valentina Franco, “Arterie” di Salvatore Gurrado, “Schegge di vite al tramonto” di Giustino Mucci, “La luce nei diamanti” di Cristina Pelucchi. “Cieli di Terra” è un’occasione di scambio culturale, i quattro autori palesano le loro poetiche solidificando la vera ambizione della poesia: la comunicazione. La prefazione è a cura del giornalista e critico letterario Alessandro Spadoni.

 

Rintoccano le campane/ la chiesa del paese/ scandisce le parole/ non più suono ma labiale.// Assordante tintinnare nel giorno festivo/ i vecchi paesani campeggiano le panche/ gli abiti sgualciti;/ i giovani, scesi dalle macchine lucenti/ i piedi freneticamente lenti/ su misura gli abiti/ simboli d’una modernità apparente.” “Anacronismi” – Giustino Mucci

 

Un forte simbolismo traspare dalla lirica di Giustino Mucci. “Anacronismi” rivela sin da primo verso una nostalgica sensazione che non si esaurisce con l’ultima parola ma che permane salda nella mente, quasi come se quel rintocco di campane sia un reale ricordo di ogni lettore. La sensazione di essere entrambe le categorie, i vecchi ed i giovani, addolcisce la carica di cianuro dell’ultimo verso.

 

“ Ti recupero in un sogno,/ ricordava la mia calma,/ dopo te ne vai,/ ti lascio andare./ Un’altra vita nel sogno./ nei giardini della mia infanzia rubata./ Un insolito destino./ Colori attraverso le finestre aperte./ L’attimo della morte,/ che visse nel respiro più vivo./ Ti recupero nel sogno di questa pagina,/ ti avvolgo in qualche modo./ Ti trattengo, ma rimani in questi due modi,/ mi piace volerti bene così da sveglio.” “(Nel mio sogno svanito)” – Salvatore Gurrado

 

E con Gurrado ci spostiamo, invece, nell’intimità di un uomo con se stesso. La lucidità con la quale l’autore vive il sogno desta nel lettore una sana complicità. Il punto di forza  è la punteggiatura precisa ed impellente quasi che la musicalità della poesia fosse la protagonista stessa del pensiero, fosse per l’appunto lo stesso respiro.

 

Nella silloge “Birbenbiree”, Valentina opta per la soppressione dei titoli. I versi sono fluidi e ruvidi allo stesso tempo, notevole l’uso retorico della personificazione e della metafora. La poca punteggiatura e la caratteristica brevitas rendono le liriche dotate di un fascino antico.

 

È me che/ vuoi/ in quest’ultimo/ bacio./ È me, che/ tradisci./ In questo cerimoniale/ parole di velluto/ non vedo l’Oltre./ Voglio l’ardore/ di quelle fiamme/ poi sparirò/ Senza far rumore./ Guerra e pace/ Dentro il mio sentimento./ Amore ed odio: la sentenza./ Plumbea piuma/ cela/ L’imbroglio./ Solo sangue piangono i tuoi occhi/ non voli più.” – Valentina Franco

 

Lascio link utili per visitare il sito della casa editrice:

http://www.rupemutevoleedizioni.com/

http://www.reteimprese.it/rupemutevoleedizioni

http://www.poesiaevita.com/

            http://www.facebook.com/pages/Ufficio-Stampa-Rupe-Mutevole/126491397396993

 

Alessia Mocci

Responsabile Ufficio Stampa Rupe Mutevole Edizioni

 

 

 

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl