Intervista di Alessia Mocci a Francesco Gabriele ed al suo “Io ci voglio credere”

14/mar/2011 13.46.12 Alessia Mocci Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

“Io ci voglio credere”, edito nel 2009 dalla casa editrice Rupe Mutevole Edizioni nella collana “La Quiete e l’Inquietudine”, è un romanzo che vede come protagonista un ragazzo di nome Frik ed i suoi ultimi giorni di scuola prima della maturità classica. L’autore, Francesco Gabriele (1987), evidenzia nel testo come durante la gioventù si possano fare degli errori senza volerlo, ma trasportati dalla curiosità della novità e dell’amore della conoscenza.

“Io ci voglio credere”, oltre una fitta trama, ha la caratteristica di un linguaggio giovane e fresco che i linguisti dovrebbero prendere come studio per continuare la comprensione del “giovanilese”.

Francesco è stato molto disponibile nel rispondere a qualche domanda. Buona lettura!

 

 

 

A.M.: Cosa provi oggi se pensi a “Io ci voglio credere”?

 

Francesco Gabriele: A distanza di due anni dall'uscita del mio primo romanzo, è confortante e piacevole sfogliarne le pagine e sorridere nel rileggere frasi che appartengono a una fase della mia vita che appare oggi così lontana.

È confortante per tanti aspetti; in primo luogo ti rendi conto di quanto sia importante scrivere, scrivere e basta! Senza rimandare, senza paura che l'ispirazione in quel momento non sia abbastanza forte da essere all'altezza delle tue idee.

Perché il pericolo maggiore è farsi bloccare dalla paura di “non riuscire”...ma nel frattempo la vita scorre...e la tua visione delle cose inevitabilmente cambia.

Così avrai perso per sempre l'opportunità di scrivere qualcosa che rappresenta la “tua” visione in quel momento!

 

A.M.: La maturità. Che ne pensi?

 

Francesco Gabriele: Ora che mi trovo qui a Los Angeles per continuare a coltivare quella passione che aveva alimentato il romanzo, non posso far altro che sfogliare le pagine e rileggere con occhi commossi ed il sorriso sulle labbra, di una fase così bella della vita che accompagna tutti noi: gli anni del liceo.

Un momento di svolta quello dell'esame di maturità, la fine del “domani non entro così non mi interroga” che cede il passo alla responsabilità del “se oggi non seguo i corsi, non supererò mai l'esame”.

In qualche modo sancisce la fine di una fase, di un percorso “rassicurante” che lascia spazio alla libertà di poter scegliere cosa fare “da grandi”.

Trovare il proprio posto nel mondo, è questo quello di cui è alla ricerca Federico, il protagonista del romanzo.

Non tanto “il posto”, o “quel posto”, ma la ricerca della felicità che lo fa sentire vivo nel percorso stesso.

 

A.M.: Chi è Federico, protagonista di “Io ci voglio credere”?

 

Francesco Gabriele: Lui è un sognatore, così come i suoi amici Giulia, Alfie, Giorgio e Francesca.

Tutti siamo un po' sognatori in quella fase, e forse proprio per questo motivo un velo di malinconia si impadronisce di noi nel rileggere dei tempi in cui si sognava ad occhi aperti.

Perché con gli anni la visione del mondo diventa più disincantata verso tanti aspetti...ma bisognerebbe riuscire a recuperare quell'ingenuità che caratterizza gli anni del liceo.

Recuperare quella voglia di credere ancora in qualcosa e non aver paura di raggiungerla, perché non è mai troppo tardi.

 

A.M.: Cosa rappresenta per te “Io ci voglio credere”?

 

Francesco Gabriele: “Io ci voglio credere” è stato terapeutico per me.

Mi sono rifugiato nella sue pagine e mi ha dato la forza di reagire e provare davvero a vivere la vita che ho sempre sognato.

Ho trovato un messaggio nella sue pagine che era nascosto dentro di me, di forte speranza e grande ottimismo...Mi ha reso chiaro che la vita la filtri in base al tuo stato d'animo!

Un racconto che rappresenta una preziosa testimonianza di quell'età,  senza le pretese di insegnare nulla ma semplicemente nato dalla voglia di condividere i sogni e le emozioni di ragazzi alla vigilia dei loro esami di maturità; scritto “a quell'età”, su “ragazzi di quell'età”.

Anche nella confusionaria situazione di precarietà che caratterizza i nostri giorni, è possibile trovare un lato fortemente positivo: ora che non esiste più un mestiere “sicuro”, a maggior ragione vale la pena di provare ad inseguire i propri sogni. D'altronde, per accontentarsi di qualcosa, c'è sempre tempo.

E poi, ogni grande uomo, ha cominciato con un sogno.....

 

A.M.: Come ti sei trovato con la casa editrice Rupe Mutevole?

 

Francesco Gabriele: Con Rupe Mutevole spero che il nostro rapporto si sviluppi e possa portare vantaggi e soddisfazioni ad entrambi.

 

A.M.: Hai qualche nuovo progetto per il 2011? Puoi anticiparci qualcosa?

 

Francesco Gabriele: Progetti...SI! Ma sono molto scaramantico purtroppo.
Dopo anni in cui avevo perso ispirazione e motivazioni...finalmente questa esperienza americana mi sta arricchendo di tanti di quegli stimoli che ho ritrovato la voglia di scrivere e soprattutto il bisogno di raccontare una storia.
Probabilmente occorre un certo periodo di tempo per metabolizzare certe esperienze, occorre superare delle crisi che ti aiutano poi a capire meglio dove vuoi andare e che certamente rappresentano una ricchezza, e un terreno fertile, da cui attingere verità, idee ed emozioni.

 

Link recensione “Io ci voglio credere”:

http://oubliettemagazine.com/2011/02/18/%E2%80%9Cio-ci-voglio-credere%E2%80%9D-di-francesco-gabriele-rupe-mutevole-edizioni/

 

 

Lascio link utili per visitare il sito della casa editrice e per ordinare il libro.

http://www.rupemutevoleedizioni.com/

http://www.reteimprese.it/rupemutevoleedizioni

            http://www.facebook.com/pages/Ufficio-Stampa-Rupe-Mutevole/126491397396993

 

Alessia Mocci

Responsabile Ufficio Stampa Rupe Mutevole Edizioni

 

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl