L’Unità parla di Rupe Mutevole e del suo autore Ban’ya Natsuishi Il papa che vola

L'Unità parla di Rupe Mutevole e del suo autore Ban'ya Natsuishi Il papa che vola.

Persone Alessia Mocci Responsabile, Ban'ya, Lello Voce, Gesù, Giovanni Paolo II
Luoghi Rupe Mutevole Edizioni, Roma, India, Genova, New York, Fukushima, Stati Uniti d'America
Argomenti letteratura, poesia, editoria, arte

28/set/2011 15.51.47 Alessia Mocci Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Vogliamo ringraziare Lello Voce riportando le sue parole per l’accurato articolo su Ban’ya Natsuishi e sulla sua raccolta di haiku “Il papa che vola”, edito nel 2011 dalla casa editrice Rupe Mutevole Edizioni nella collana editoriale “Margini liberi”.

 

Scrive Lello Voce:

Haroldo De Campos, grande poeta brasiliano, studioso della tradizione medievale romanza, diceva spesso che l'unico modo di rispettare davvero la Tradizione era rinnovarla, rimetterla in gioco, farle vivere nuove avventure, perché il solo modo per riaffermare l'importanza di una regola è violarla, per mutarne il significato, senza perderne il senso.

Non credo di osare troppo affermando che Haroldo avrebbe sicuramente apprezzato gli haiku di Ban'ya Natsuishi, proprio perché l'autore giapponese, che di haiku è studioso ed esperto prestigioso, sottopone la celeberrima «maniera» nipponica ad una torsione spietata, la ricolloca nel presente, ne fa strumento tagliente di analisi di un'attualità che, per parte sua, sembra fatta apposta per negare le radici stesse dell'haiku.

 Già nella prima raccolta tradotta in italiano, Pellegrinaggio terrestre (Albalibri, 2007), Ban'ya usava l'haiku come grimaldello per aprire varchi nella geografia culturale ed esistenziale di paesi e culture vicine e lontane, da Roma e Genova, a New York, all'India, con stile capace di accendersi di frustate polemiche e visioni sinistramente profetiche, come ad esempio: Al di là dell'America / ancora America /fulmini nella notte, o ancora, su Roma, Merli litigiosi / queste mura / da duemila anni.

 L'ironia sprezzante, o la capacità di cogliere la piega nascosta in cui è celata la chiave di comprensione di questo, o quell'istante, costruiscono un racconto di viaggio, in cui ogni haiku si trasforma nel fotogramma di una pellicola quasi à la Godard. A ciò, negli ultimi anni, si è aggiunta un'intensa riflessione sui rapporti uomo-natura che è approdata a posizioni affatto singolari: la natura, tema tradizionale dell'haiku, diviene in lui «matrigna», con accenti che all'orecchio italiano suonano schiettamente leopardiani, come quando afferma, nel recentissimo Stupidità e poesia, pubblicato all'indomani della catastrofe di Fukushima:

«Le immagini che ho visto dello tsunami confermano, senza alcun dubbio, che la natura è di vastità incommensurabile rispetto all'uomo. Per l'Universo l'uomo non è altro che una formica. Inutile sottolineare quindi che il nostro amore per la natura è estremamente irrazionale. È un ridicolo, o assurdo amore senza alcuna reciprocità, sarebbe utile, dunque «ripensare le mediocri e superficiali idee circa la natura che hanno proliferato nell'haiku per secoli».

COME BAND DESSINÉE In questo suo ultimo Il Papa che vola: 44 haiku (pp. 54, euro 5, Rupe Mutevole) il processo si radicalizza ancor più, il ritorno anaforico del medesimo protagonista (questo affatto metafisico e totalmente «concreto» Papa volante, in cui non è difficile cogliere la stilizzazione di Giovanni Paolo II) fa sì che i singoli frame poetici, pur dotati di una loro evidente autonomia, costituiscano un racconto, a maglie larghe, certo, ma pur dotato di una sua trama evidente, solida e - visto che si tratta di haiku - del tutto nuova e spiazzante.

 Il risultato è un vero e proprio gioiello dell'haiku contemporaneo giapponese, basti qui citare qualcuna delle numerose tessere che costituiscono questo surreale quasi-poemetto e che lo fanno assomigliare a una sarcastica band dessinée. Ad iniziare dal paradosso che mette in volo il protagonista: Da una cascata celeste /il Papa cadendo /prende il volo, sino agli spietati: O Papa che voli /sono pulci che saltano / quei focolai di guerra?, o: Impigliato /tra lettere arabe /il Papa che vola, e ancora: Il Papa che vola /mai incontra/ il Cristo che vola.

L'haiku, come siamo abituati a leggerlo, non esiste più, sfigurato da un'enorme forza creativa che lo riplasma. E rendere irriconoscibile una tradizione perché il presente possa tornare a riconoscersi in essa è indiscutibilmente segno della vera poesia.

21 settembre 2011

Pubblicato nell'edizione Nazionale (pagina 39) nella sezione "Culture"

 

Fonte internet:

http://cerca.unita.it/ARCHIVE/xml/2305000/2302648.xml?key=un+papa+volante&first=1&orderby=1

 

Lascio link utili per visitare il sito della casa editrice e per ordinare il libro.

http://www.rupemutevoleedizioni.com/

http://www.reteimprese.it/rupemutevoleedizioni

            http://www.facebook.com/pages/Ufficio-Stampa-Rupe-Mutevole/126491397396993

 

Alessia Mocci

Responsabile Ufficio Stampa Rupe Mutevole Edizioni

 

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl