Resoconto di Nicoletta Nuzzo sull’esperienza del Festival di Letteratura al femminile di Narni (TR)

Resoconto di Nicoletta Nuzzo sull'esperienza del Festival di Letteratura al femminile di Narni (TR).

Persone Alessia Mocci Responsabile, Patrizia Caporossi, Antonella Giacon, Sara Di Mare, Maria Teresa Caporaso, Pina N., Floriana Coppola, Loredana Nugnes, Ringrazio Esther Basile, Nicoletta Nuzzo, Alessandra
Luoghi Rupe Mutevole Edizioni, Perugia, Narni, Santa Maria, provincia di Terni
Organizzazioni Feltrinelli
Argomenti editoria, letteratura, poesia

01/ott/2011 11.41.24 Alessia Mocci Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Sono state giornate indimenticabili per tutti gli ospiti della “IV Edizione del Festival Internazionale della Letteratura Saggistica Filosofia Arte al Femminile” ideato da Esther Basile. Un’esperienza iniziata il giovedì 22 settembre e conclusa domenica 25, giorno nel quale Nicoletta Nuzzo ha presentato la sua nuova silloge poetica “Portami negli occhi”, edita nel 2011 dalla casa editrice Rupe Mutevole Edizioni nella collana editoriale “Poesia”.

Ed ecco il racconto dell’autrice. Buona lettura!

 

 

A.M.: Impressioni poetiche sul Festival…

 

Nicoletta Nuzzo: A Narni, durante il Festival,  io ed Alessandra  camminiamo lungo la stradina che porta alla Chiesa di Santa Maria Impensole, nell’aria la pioggia in arrivo e lei che mi dice ”Qui non mi sento troppa”: è in queste sue parole  tutto il mio agio di stare in un luogo di narrazione al femminile, di un sentire al femminile che può oltrepassare i confini del ”dover essere” . Nessuna paura di debordare. Qui l’eccesso che sembra uno specifico femminile è dicibile…e la questione della dicibilità mi sembra fondamentale nella costruzione di un proprio percorso d’identità anche perché se le emozioni non vengono narrate in pensieri descrivibili diventano sintomi nel corpo, così come tutta la  sovrabbondanza “colpevole” di desideri e bisogni che provo se non la riverso nella scrittura diventa eccesso sul corpo cioè autolesionismo.

 

Quando nella Chiesa di Santa Maria Loredana Nugnes e Floriana Coppola presentano la silloge “Desiderio” , già fuori piove forte, e noi dentro ci sentiamo unite  dall’ energia spirituale delle parole in poesia, anche i miei versi in simbiosi con gli altri, recitati ad alta voce  “…tra vene azzurrine in trasparenza/ sottile è l’aria mentre si desidera e/ pungente il cuore che diventa pieno.” da (“A Pina N.-Appassionata”),  parole di donne non più impure stasera in questo luogo sacro tra colonne ed affreschi del 1200. Neanche io impura, deperibile, colpevole, il mio “Inquisitore interno” è muto questa sera.

 

 

A.M.: Domenica 25 settembre hai presentato “Portami negli occhi”. Ci vuoi raccontare com’è andata l’esperienza?  

                                          

Nicoletta Nuzzo: Sono  stata felice di aver potuto  presentare il mio libro davanti ad un pubblico di donne, proprio loro che oscillano come me tra rapimento e devastazione, tra opposte volontà  ed opposti desideri, tra pieno e vuoto…il rispecchiamento è stato talmente forte che mi sono sentita “moltiplicata” più che “divisa” …proprio a loro volevo dire della mia emozione di mettere al mondo me stessa. Mi ha presentato Maria Teresa Caporaso  che con la sua sapienza e  forza  ha accolto su di sé tutta la libertà, la fatica, il tradimento del mio diventare me stessa. E poi tra un brano e l’altro della presentazione la lettura di Loredana  Nugnes e Sara Di Mare di alcune mie poesie, un regalo delle Poete Viandanti, la loro voce/corpo/presenza è stata di inaudita bellezza.

Certo ci sono stati sofferenza ed impegno nel mio impegno esistenziale e narrativo ma poi è successo che questo si è trasformato in un dono che mi ha fatto incontrare donne piene d’anima. Non lo dimenticherò mai.

 

 

A.M.:  Sono state lette delle poesie tratte dalla tua silloge durante la presentazione? Ti ricordi quali?

Nicoletta Nuzzo: Le poesie lette sono: “La voce”, “Madre”, “Amiche”, “Dicembre”, “Ricamo”, “Sola”, “Disobbediente”.

 

 

A.M.: Qualcuno da ringraziare?

 

Nicoletta Nuzzo: Ringrazio Esther Basile (filosofa ed ideatrice del festival) e le Poete Viandanti ( che partecipano e creano happening itineranti, prediligendo piazze e strade al fine di diffondere l’amore per l’Arte e la Poesia).



A.M.: Dove ti vedremo la prossima volta? Puoi anticiparci qualcosa?

 

Nicoletta Nuzzo: Il prossimo appuntamento è alla libreria Feltrinelli di Perugia verso la fine di ottobre. “Portami negli occhi” sarà presentato da Antonella Giacon, poetessa, scrittrice e madrina qui a Perugia dei miei tre libri.

 

 

Ringraziamo Patrizia Caporossi per il suo contributo:

http://www.fareilpunto.it/?page_id=1160

 

Intervista a Nicoletta Nuzzo antecedente al Festival:

http://oubliettemagazine.com/2011/09/12/nicoletta-nuzzo-alla-iv-edizione-del-festival-internazionale-della-letteratura-al-femminile-dal-22-al-25-settembre-narni-%E2%80%93-intervista/

Lascio link utili per visitare il sito della casa editrice e per ordinare il libro.

http://www.rupemutevoleedizioni.com/

http://www.reteimprese.it/rupemutevoleedizioni

            http://www.facebook.com/pages/Ufficio-Stampa-Rupe-Mutevole/126491397396993

 

Alessia Mocci

Responsabile Ufficio Stampa Rupe Mutevole Edizioni

 

 

 

 

 

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl