“Amailija” di Romina Casagrande: tra mistero e congiure si realizza una storia originale

"Amailija" di Romina Casagrande: tra mistero e congiure si realizza una storia originale.

Persone Romina Casagrande, Alice
Luoghi Merano, Tirolo
Organizzazioni Anguana Edizioni
Argomenti editoria, letteratura

14/nov/2011 09.46.06 Recensione Libro.it Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

 

“Amailija” un romanzo fantasy di Romina Casagrande dalle idee originali che appassionerà i suoi lettori. Uscito nelle librerie il 25 ottobre e ordinabile on line direttamente dal sito della casa editrice Anguana Edizioni all’indirizzo http://www.anguanaedizioni.it/.

“Amailija” è un romanzo in cui si leggono due storie, una ambientata ad Aquilea nel 1342, l’altra a Merano nel 2010. Nel 1342 un patriarca ha appena lanciato un anatema sulle terre dell’ultima contessa del Tirolo portando distruzione su un popolo intero. Nel 2010, invece, Alice è diventata una guida per il Castel Grafenstein, ma c’è una presenza misteriosa che potrebbe cambiare il suo destino.

 Nel libro “Amailija” c’è un filo quasi invisibile che lega le due storie, c’è soprattutto il mistero, ma anche le superstizioni. Il lettore si sentirà protagonista, coinvolto come se si trovasse in quel luogo, in quel preciso momento. 

La scrittrice esordiente Romina Casagrande è riuscita nel suo libro “Amailija” a raccontare una storia che si ispira a luoghi esistenti, che è comunque un fantasy, ma è alla portata di tutti, anche di chi non ama particolarmente questo genere. Un romanzo ben pensato, e studiato a fondo prima di vedere la sua realizzazione.

 

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl