CONVEGNO DI STUDI «SUI FLUTTI COLOR DELL’INCHIOSTRO» LE AVVENTURE LINGUISTICHE DI EMILIO SALGARI

Lettura giovanile e, come tale "di tutti" (o di molti), Salgari è divenuto così naturalmente modello per gli scrittori che hanno voluto raccontare l'avventura.

Persone Pime, Federico Francucci, Cristina Savelli, Anna Modena, Piero Gheddo, Giuseppe Polimeni, Federico Francucci, Felice Pozzo, Claudio Marazzini, Alberto Brambilla, Gianfranca Lavezzi, Nuccio Lodato, Mirko Volpi, Walter Fochesato, Anna Modena, Lorenzo Coveri, Francesco Sabatini, Carla Riccardi, Emilio Salgari, Santa Caterina
Luoghi Genova, Milano, Piemonte, Pavia, Verona, Malesia, Province Orientale, Victoria
Argomenti letteratura

15/mar/2012 17.07.00 Agenzia Giornalistica Epoché Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

PAVIA. A conclusione dell’anno salgariano, il Collegio Universitario S. Caterina e il Dipartimento studi umanistici dell’Università degli Studi di Pavia organizzano, il 26 e 27 marzo, il Convegno «Sui flutti color dell’inchiostro». Le avventure linguistiche di Emilio Salgari.

 

L’evento (che si terrà presso la Sala Conferenze del Collegio S. Caterina in via S. Martino 17 a Pavia) vuole portare, in occasione anche dei 150 anni dalla nascita, l’attenzione su Emilio Salgari, entrando nella sua officina dalla porta della lingua e dello stile per scoprire i segreti di uno scrittore che tanta fortuna ha avuto nel Novecento. Autore di romanzi che hanno esplorato regioni lontane, sulle gambe di personaggi indimenticabili (Il Corsaro Nero, Sandokan per citare i più famosi), Salgari ha saputo parlare fin dalle sue prime uscite al grande pubblico, soprattutto (ma non solo) ai giovani e ai giovanissimi, spesso in alternativa ai modelli suggeriti o imposti dalla scuola. Lettura giovanile e, come tale “di tutti” (o di molti), Salgari è divenuto così naturalmente modello per gli scrittori che hanno voluto raccontare l’avventura. La grande diffusione e il successo dei suoi libri sembrano contrastare con le scelte linguistiche, che appaiono attardate sui modelli dell’appendice dell’Ottocento, ancora in parte legate a un lessico spesso attinto a modelli della poesia più che della prosa. Era forse questa la soluzione vincente, la ricetta che ha permesso allo scrittore di raggiungere un pubblico abituato ormai a leggere i giornali, la cui lingua si rivelava ancora sostanzialmente condizionata dai modelli letterari del secolo precedente. Al centro della due giorni sarà perciò la polivalente figura di un autore che ha costruito un altrove (geografico, e perciò anche linguistico) e lo ha voluto condividere con un pubblico vasto, pronto come lui a viaggiare con la fantasia e a lasciarsi portare dai “flutti color dell’inchiostro”, attraverso una narrazione punteggiata di parole antiche e di termini rubati ad altri mondi.

 

Il convegno sarà moderato da Carla Riccardi (Università di Pavia). Interverranno: Francesco Sabatini (Università di Roma Tre), Lorenzo Coveri (Università di Genova), Anna Modena (Università di Pavia), Walter Fochesato (Studioso di storia dell'illustrazione, coordinatore redazionale del mensile Andersen), Mirko Volpi (Università di Pavia), Nuccio Lodato (Università di Pavia), Mino Milani (giornalista e scrittore), Gianfranca Lavezzi (Università di Pavia), Alberto Brambilla (Università di Verona), Claudio Marazzini (Università del Piemonte Orientale), Felice Pozzo (critico e saggista), Federico Francucci  (Università di Pavia), Giuseppe Polimeni (Università di Pavia) e Padre Piero Gheddo (missionario).

 

[La partecipazione al convegno è aperta al pubblico ad  ingresso libero]

http://santacaterina.unipv.it/

 

PROGRAMMA

26 marzo 2012

 

dalle ore 15

Saluto delle Autorità. Presiede Carla Riccardi

Francesco Sabatini, “Emilio Salgari e il nuovo italiano”

Anna Modena, “I pirati di carta: Salgari e gli editori”

Lorenzo Coveri, “L’onomastica del ciclo della giungla”

Walter Fochesato, “Disegnare il suono del ramsinga. Salgari e i suoi illustratori”

Mirko Volpi, “Da La tigre della Malesia a Le tigri di Mompracen: la lingua del primo Sandokan tra appendici e volume”

Ore 18.30 “Pellicole e liane. Assaggio di film dai racconti di Salgari”

a cura di Cristina Savelli. Introduce Nuccio Lodato

 

27 marzo 2012

dalle ore 9

Mino Milani, “Scrivere con Salgari”

Gianfranca Lavezzi, “Nella giungla del Duemila”

Alberto Brambilla, “Sport e lingua in Una sfida al Polo (1909)”

Claudio Marazzini, Felice Pozzo, “Manomissioni salgariane”

Federico Francucci, “I nipotini di Salgari”

Giuseppe Polimeni, ‘”«L’illusione deve essere perfetta» elegia e commedia del Corsaro nero

Testimonianza: Piero Gheddo, Missionario Pime di Milano, “Un viaggio a Labuan e Mompracen”

 

Ingresso libero

 

 

 

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl