Recensione libro

Allegati

07/mar/2006 15.27.59 Eduardo Improta Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
Narrativa:
Donna Creola e gli angeli del cortile di Floriana Coppola
edito: Guida Lettere Italiane

Recensione a cura di Eduardo Improta



Il libro di Floriana Coppola, napoletana, edito da Guida Lettere
Italiane prende spunto e titolo da donna creola, la custode di fatto,
il nume tutelare del palazzo. Ma il vero protagonista della storia è
proprio il tipico palazzo napoletano di una volta, una sorta di
famiglia allargata, non sempre parentale, che nel suo decadere offre
uno spunto di riflessione sulla reciprocità della relazione, sulla
consapevolezza del legame con l’altro e con il divino: la malattia, la
morte e la separazione non sono perdita assoluta di sé e della propria
storia, se la sofferenza è condivisa con il gruppo d’appartenenza,
lento e inesorabile si sviluppa l’intreccio che diventa drammatico
nella seconda parte del romanzo. Nelle ultime pagine più che la
conclusione della storia si avverte una spiritualità diffusa e vigile
che rimanda ad ulteriori significati, ad ulteriori sentieri.

Uno stile denso ed essenziale dai forti toni lirici accompagna la
narrazione, da cui emerge la profonda esperienza dell’autrice,
insegnante, specializzata in analisi transazionale, che da tempo opera
nel campo della prevenzione del disagio infantile e giovanile.
Attraverso le pagine del libro, Lino, un bambino di sette anni, offre
al lettore il suo punto di vista: Lino osserva dal “cortile”, luogo
inconsapevolmente educativo, il mondo degli adulti facendo emergere i valori e i comportamenti non sempre esemplari su cui l’animo infantile riflette, cercando di costruire la sua concezione della vita e della morte.

Il libro di Floriana Coppola si presenta, infatti, come un
breve ma intenso romanzo di formazione, dove i personaggi s’interrogano profondamente sui valori morali e spirituali che orientano la loro vita, sulle pulsioni più istintive che la condizionano. La sofferenza diventa per loro un acceleratore di crescita interiore, un particolare caleidoscopio che permette di varcare la soglia del quotidiano, per esplorare il territorio simbolico dell’esistenza. Al di fuori di questa lettura più ampia, quasi metafisica, il dolore rimane un’esperienza tronca, invalidante.

Scheda di presentazione
Titolo Donna creola e gli
angeli del cortile
Autore Floriana Coppola
Introduzione di Matteo
Palumbo
Editore Guida Lettere Italiane
Pagine 93
Prezzo 6 euro




improta.press_office@virgilio.it

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl