"Io e i Pigmei": un libro senza censure. Successo di pubblico e di critica.

È la cronaca del viaggio di una donna sola nella foresta, tra i Pigmei.

Persone Cedric Black Eagle, Irene Cabiati, Raja James Sheshardi, Raffaella Milandri, Adelina Zarlenga, Barack Obama
Luoghi circolo artico, Africa, Camerun, Montana
Organizzazioni American University, Rai Due
Argomenti etnologia, antropologia, politica

04/apr/2012 22.00.27 Europrinters Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

 

E' la cronaca del viaggio di una donna sola nella foresta, tra i Pigmei.

Una eroina dei tempi moderni, avventuriera in nome dei diritti umani.

"Un viaggio che comincia – descrive la giornalista Adelina Zarlenga – “dove finiscono le nostre certezze”. Un libro avvincente, ricco di testimonianze  e di foto, in cui è racchiusa l’essenza della scrittrice: Raffaella Milandri, una donna tenace, capace di arrivare in capo al mondo pur di difendere i popoli più deboli. " 

 

Con estrema trasparenza e semplicità,  Raffaella Milandri, viaggiatrice solitaria, fotografa e attivista per i diritti umani dei popoli indigeni, svela nel suo libro la drammatica situazione dei Pigmei. E i disagi fisici e psicologici di un viaggio nel cuore dell'Africa "vera".

Dice l'autrice: "Mi sono trovata di fronte ad una realtà cruda e drammatica: nessuno protegge il Popolo della Foresta, che è vittima insieme alla Foresta stessa. I popoli indigeni assurgono al ruolo di agnelli sacrificali. I Pigmei , oggetto di una sistema­tica discriminazione da centinaia di anni, ora rischiano di scomparire. Per sempre. "  

 

Scrive a tal proposito Raja James Sheshardi, della American University: “I Pigmei sono sfrattati e poi sfruttati; da molti Stati africa­ni non sono considerati cittadini e viene rifiutata loro la carta d’iden­tità, insieme a terra di proprietà, assistenza sanitaria ed educazio­ne scolastica. Forzati da Governi e multinazionale del legname a lasciare le foreste, loro terre ance­strali da sempre, hanno un destino di emarginazione, impoverimento e abusi"

 

Nella recensione del libro "Io e i Pigmei" , su La Stampa,  scrive Irene Cabiati  : "Il libro riesce ad  inquadrare la situazione di un Paese, il Camerun,  con 280 gruppi etnolinguistici spesso succubi della stregoneria, allegri e fieri della nazionale di football , inevitabilmente destinati a perdere la ricchezza delle foreste: sulle banconote da mille franchi qualche funzionario creativo ha pensato bene di far stampare la macchina che taglia il legname. Come segno di progresso naturalmente.  "

Si legge in una recensione su  Q Libri: 

"Ma i Pigmei ? Chi   tutela i Pigmei ? La loro estinzione in quanto semplici uomini e' autorizzata ? Strano mondo il nostro."

 

Il libro "Io e i Pigmei. Cronache di una donna nella foresta", di Raffaella Milandri, è edito da Polaris . Qui il link all'avvincente booktrailer:  http://www.youtube.com/watch?v=5sHZgaTRPOY 

La viaggiatrice, che ha visitato aborigeni australiani, boscimani, pigmei, adivasi e altri popoli, ha appena annunciato su Rai Due http://www.youtube.com/watch?v=UftvTztqXFA il prossimo viaggio che la porterà oltre il circolo Polare Artico, tra i popoli Innuit, a vivere con gli equipaggi della caccia alle balene, e a visitare  la riserva degli indiani Crow, in Montana, dove la Milandri è stata adottata come sorella dal Presidente della Nazione Crow, Cedric Black Eagle.  "Io sono la sorella adottiva, il fratello adottivo di Cedric invece è il Presidente degli Stati Uniti, Barack Obama. "

Condurrà una ricerca su storia e usanze dei Crow, nonchè sulla storia di Custer e del Little Big Horn dal loro punto di vista.  " Il  mio prossimo libro sarà proprio su mio fratello e sul suo popolo" dice la Milandri

 

 

milandri, raffaella milandri, pigmei, pigmeo, camerun, viaggiatrice, diritti umani, solitaria, libro

 

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl