“Il Viola di Alex” di Francesca Rizza: l’amore universale

03/lug/2014 15:00:42 Recensione Libro.it Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Francesca Rizza nel libro “Il Viola di Alex” ha deciso di raccontare una storia sulla diversità e sul significato dell’amore. Affronta il tema con grande coraggio e con un coinvolgimento tangibile.

Il libro si mostra in tutta la sua profondità e attraverso le parole di Francesca Rizza si comprende la necessità, in Italia, di superare le barriere imposte dal pregiudizio. La nostra società, che si proclama moderna, vede ancora come un tabù le relazioni omosessuali. Questa visione va cambiata.

Francesca Rizza ne “Il Viola di Alex” ci racconta prima di tutto d’amore, ma anche di relazioni che alcune persone si sentono costrette a dover nascoste per evitare il giudizio degli altri. Ma poi in molti giovani è più forte la necessità di limpidezza e verità...

Alessandra, la protagonista del libro, è una ragazza che ha difficoltà a capire quale sia la sua strada, quali le sue preferenze e cosa voglia realmente da se stessa. Poi apre la sua anima e si ascolta decidendo di dichiarare la propria omosessualità. Questo suo atteggiamento di apertura le fa scoprire una realtà migliore, in cui ci sono più possibilità e momenti felici, infatti si lascia coinvolgere dal sentimento che prova per Viola.

 

Il libro “Il Viola di Alex” ha sì risvolti drammatici, ma sprona a comprendere quale sia la direzione giusta da prendere. 

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl