LA GIORNALISTA DEL SOLE 24 ORE SERENA UCCELLO PRESENTA A PAVIA IL LIBRO “GENERAZIONE ROSARNO”

LA GIORNALISTA DEL SOLE 24 ORE SERENA UCCELLO PRESENTA A PAVIA IL LIBRO "GENERAZIONE ROSARNO".

Persone Marzia Sabella, Nino Amadore, Giuseppe Gennari, Gabriele Dadati, Serena Uccello
Luoghi Napoli, Milano, Sicilia, Mantova, Pavia, Palermo, Reggio Calabria, Rosarno, provincia di Reggio Calabria
Organizzazioni Raffaele Piria, Rai, 'ndrangheta, Einaudi
Argomenti criminalità, diritto, editoria, scuola

25/feb/2016 09.57.19 Agenzia Giornalistica Epoché Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Università di Pavia. Venerdì 4 marzo alle ore 17 presso il Collegio Universitario S. Caterina (via San Martino 17/B) verrà presentato il volume “Generazione Rosarno” edito da Melampo.

L’autrice è Serena Uccello, giornalista del Sole 24 Ore esperta di criminalità organizzata e reati economici.

 

Il suo nuovo libro è un viaggio di speranza e meraviglia in quella parte di Calabria che i clan più potenti considerano da sempre loro regno incontrastato. Rosarno è una terra straordinaria e di grandi contraddizioni: da un lato c’è un associazionismo che lavora sui quartieri, con i migranti e che ha una vocazione all’impegno molto forte; dall’altro c’è un’assenza altrettanto forte di qualsiasi percezione dello stato e di ciò che significa lo stato. La “Generazione Rosarno” raccontata da Serena Uccello è quella degli studenti del liceo “Raffaele Piria”. Sono ragazzi e ragazze che si portano sulle spalle il peso di vivere in quella Calabria terra di ‘ndrangheta e che allo stesso tempo sono protagonisti di un riscatto possibile. La scuola è stata trasformata rispetto alla condizione di abbandono in cui si trovava e questa trasformazione è stata l’esempio più chiaro di cosa può fare lo Stato quando decide di agire, di strappare un luogo alla criminalità organizzata. Una scuola superiore in cui vengono abbattuti antichi e nuovi pregiudizi e privilegi, dove non esistono figli di boss né figli di collaboratori o di testimoni di giustizia, dove mille ragazzi e ragazze si ritrovano ogni mattina tutti uguali, senza dover sopportare il peso delle storie personali. Una scuola che è un autentico fortino piantato in una periferia geografica e sociale, da cui insegna le opportunità e le promesse del mondo.

Si chiama Rosarno ma diventa alla fine simbolo di tutto il Sud: Rosarno come Reggio Calabria, come Napoli, come Palermo.

 

L’autrice dialogherà con lo scrittore Gabriele Dadati e il magistrato Giuseppe Gennari, giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Milano.

 

Serena Uccello, palermitana di nascita, dal 2000 vive e lavora a Milano. Giornalista de Il Sole 24 Ore, coordina la sezione dedicata al mondo del lavoro e dell’occupazione. Ha scritto inchieste su reati economici e criminalità organizzata; ha collaborato con Il Giornale di Sicilia, La Gazzetta di Mantova, il settimanale Diario e con la sede siciliana della Rai. Ha pubblicato, con Nino Amadore, L’isola civile. Le aziende siciliane contro la mafia (2009) e, con Marzia Sabella, Nostro Onore. Una donna magistrato contro la mafia (2014), entrambi per Einaudi.

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl