LA FANTASTORIA ARETINA DI TOGNACCINI, SECONDO FABRIZIO BIONDI

17/apr/2017 14:21:28 tognak Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Arezzo e la sua storia

di fabrizio biondi

Arezzo è conosciuta nel mondo come Città dell’oro e della Giostra del Saracino. Nacque in epoca pre-etrusca in una zona abitata fin dalla preistoria, come dimostra il ritrovamento di strumenti di pietra e del cosiddetto “Uomo dell’Olmo”, risalente al Paleolitico, avvenuto nei pressi della frazione dell’Olmo durante i lavori di scavo di una breve galleria della linea ferroviaria Roma-Firenze nel 1863.


L’Autore, che si definisce “un aretino nato a Firenze” in questo libro ci narra la storia della “sua” città, parlando dell’origine del nome e delle influenze etrusche, di Guido Tarlati, vescovo di Arezzo e signore della città, aggiungendo poi quel pizzico di personale e originale, con divagazioni fantastoriche. Alcuni esempi riguardano i contatti presunti, ricavati in base ad alcuni ritrovamenti, tra etruschi e i popoli dell’Indocina e l’Oceania, o la conoscenza approfondita proprio degli Etruschi della cultura orientale.


 Arezzo fu sicuramente una delle principali città etrusche, e molto probabilmente sede di una delle 12 lucumonie. A questo periodo risalgono opere d’arte di eccezionale valore, come la Chimera, conservata a Firenze, la cui immagine caratterizza talmente la città quasi da diventarne un secondo simbolo. Un libro interessante e originale su una delle principali città italiane in fatto di storia, arte e tradizioni.


 

di fabrizio biondi, 21 febbraio 2017

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl