Parolemusica 2017 Azalaï: Millecinquecento chilometri attraverso il deserto del Sahara

27/apr/2017 16:00:15 ComunicaMente Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Il diario di un viaggio sulle rotte dell’Azalaï è il tema dell’ultimo appuntamento della rassegna Parolemusica che ha accompagnato l’Appennino e i suoi abitanti in una avventura lunga due mesi fra sport, letteratura, tradizione e misteri, sempre in bilico fra il racconto e le note.

 

Sabato 29 aprile, alle 21,Carlo Maver,presenta in anteprima, alla Casa della Cultura e della Memoria di Marzabotto (via Aldo Moro 2),il libro che racconta il suo personalissimo viaggio attraverso il deserto del Sahara sulla rotta delle carovane di cammelli che percorrono l’antica via che da Tombouctou conduce alle miniere di sale di Taoudeni, attraverso il deserto del Mali. Un lunghissimo percorso a dorso di cammello alla scoperta della vita nel deserto, accompagnato soltanto da un cammelliere, la volta celeste e i colori delle vaste superfici sabbiose.

Il viaggio, le sensazioni, le immagini e la poetica del viaggio sono diventate un volume edito da Pendragon che sarà in libreria dal 4 maggio.

 

I racconti di viaggio, le letture dal libro, la suggestiva musica eseguita dallo stesso Carlo Maver e dal giovane flautista riminese Fabio Mina e le immagini raccolte durate il percorso, ci condurranno nella narrazione di un’esperienza estrema, vissuta da un musicista che ha scoperto quanto può essere difficile fare a meno delle vecchie abitudini, mettere in dubbio le proprie convinzioni, muoversi in un universo del tutto estraneo, governato da leggi proprie, per ritrovarsi, quasi duemila chilometri dopo, un uomo e un artista diverso da quello che era partito.

 

Carlo Maver è flautista, bandoneonista, compositore e amante dei viaggi solitari in paesi esotici e remoti che sono per lui esperienze di vita e autentiche fonti di ispirazione creativa.

La musica di Maver parte sempre dalla melodia per poi sviluppare un percorso lirico ed impregnato di Tango e sonorità mediterranee, è uno dei pochi allievi del grande bandoneonista argentino Dino Saluzzi

 

Il tema portante di tutta questa edizione di Parolemusicaè statoil viaggio che ci ha condotto fra affascinanti racconti personali, riti di popoli lontani, narrazioni di terre sconosciute, storie di grandi migrazioni e tradizioni del nostro territorio.

Parolemusica fa parte del festival Crinali, unico grande contenitore per raccontare il territorio e la montagna attraverso diverse rassegne di musica, arte e cultura e, come le altre, si avvale della Direzione artistica di Claudio Carboni e Carlo Maver e della direzione tecnica di Marco Tamarri.

Parolemusica èorganizzata dall’Unione dei Comuni dell’Appennino Bolognese, in collaborazione con i Comuni di Castel di Casio, Castiglione dei Pepoli, Marzabotto, Monzuno, Vergato e con Distretti Culturali–Città Metropolitana di Bologna, oltre al Comune di Grizzana Morandi, Fondazione Carisbo e Pro loco di Riola per l’appuntamento della Rocchetta Mattei.

 

 

L’evento ha un biglietto simbolico di 5€ con riduzioni a 3€ per studenti e over 65

 

 

Per informazioni: Unione dei Comuni Appennino bolognese, mob. 340.1841931; Castel di Casio, mob. 335.7659614; Castiglione dei Pepoli, Tel. 0534.801635; Marzabotto, Tel. 051.932907; Vado / Monzuno, Tel. 051.6778405; Vergato, Tel. 051.910559, mob. 334 1152800.

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl